Diritto e Fisco | Articoli

Incidente stradale senza feriti: cosa fare?

19 Gennaio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 Gennaio 2018



Come comportarsi in caso di sinistro stradale che non ha provocato lesioni. Come, quando e a chi denunciare l’incidente. 

Sei stato coinvolto in un incidente stradale senza feriti e non sai cosa fare. Il tuo mezzo presenta ingenti danni ed occupa parte della carreggiata. Vorresti spostarlo perché altri veicoli sopraggiungono e c’è il rischio di un tamponamento a catena. Non sai però se spostandolo rischi poi di avere problemi nel descrivere come sono avvenuti i fatti. Vuoi essere giustamente risarcito dei danni  ma non sai a chi rivolgerti. Ebbene, capire cosa fare è semplice e questo articolo te lo spiegherà caso per caso.

Cosa fare con i veicoli

Quando si rimane coinvolti in un incidente stradale senza feriti, la prima cosa da fare, è spostare il veicolo sul margine destro della carreggiata quando questo ingombra la strada creando pericolo o intralcio al traffico [1]. Se non è possibile farlo da soli meglio chiamare il soccorso stradale (a pagamento) e le forze di polizia.

Se invece l’incidente stradale in assenza di feriti non crea nessun intralcio alla circolazione degli altri veicoli né pericolo per gli altri utenti della strada, è opportuno non spostare i veicoli poiché la posizione dei mezzi può essere determinante in caso di future contestazioni. Ciò è ancora più utile quando si ritiene di avere ragione (come nel caso si venga tamponati da dietro) e quando il danno al veicolo è di notevole entità.

In ogni caso è opportuno sempre mettersi al sicuro, azionare le frecce d’emergenza, indossare il giubbottino catarifrangente prima di scendere dal veicolo, segnalare l’incidente a chi sopraggiunge con il triangolo, ponendolo a 50 metri dal veicolo, in modo che sia visibile. Scattare, se possibile, delle immagini prima di spostare il veicolo.

Cosa fare con l’assicurazione

Quanto detto fino ad ora è utile per comprendere cosa fare del veicolo rimasto coinvolto nel sinistro. Ora è utile capire come comportarsi con l’assicurazione per farsi risarcire il danno provocato dall’incidente stradale. Anche in questo caso non è difficile comprendere cosa fare in un incidente stradale senza feriti. Per ottenere il risarcimento dei danni è infatti necessario denunciare l’incidente stradale senza feriti alla propria compagnia di assicurazione. La denuncia potrà essere comunicata al proprio assicuratore con lettera raccomandata a/r (con avviso di ricevimento) non più tardi di tre giorni da quando è accaduto l’incidente. Nella denuncia occorre indicare i propri dati personali e il numero di polizza, nonché:

  • le generalità dell’altro proprietario e del conducente (se sono persone diverse);
  • la targa, il modello, il colore del suo veicolo;
  • i dati della sua polizza di assicurazione;
  • la dinamica del sinistro e le generalità di eventuali testimoni  se non è stato compilare il cid (se è stato compilato un cid, questi dati sono già presenti nel modulo);
  • allegare, se possibile, le dichiarazioni scritte dei testimoni.

Per l’incidente stradale senza feriti che coinvolge  un altro solo mezzo oltre al proprio,  è possibile, se vi è l’accordo di entrambi sulla dinamica del sinistro, compilare il modulo blu, detto anche Cai (Constatazione amichevole) o Cid (Convenzione d’indennizzo diretto). Il modulo blu può essere richiesto al proprio assicuratore ed è preferibile tenerne più di uno in macchina nel caso venga compilato in maniera sbagliata. La compilazione del cid rende più veloce il risarcimento dei danni, in quanto sarà la propria compagnia di assicurazione a liquidare il danno e non quella dell’altro veicolo. Tuttavia il risarcimento liquidato dalla propria assicurazione (detto risarcimento diretto) è possibile solo, come detto, se vi è l’accordo di entrambi, l’incidente stradale è senza feriti ed ha coinvolto solo due veicoli. Se, infatti, l’incidente stradale senza feriti ha visto coinvolti più di due mezzi, la richiesta di risarcimento del danno andrà inviata non alla propria compagnia ma all’assicurazione dell’altro veicolo e, per conoscenza, anche al proprietario del mezzo.

Se non vi è accordo sulle modalità con le quali è avvenuto il sinistro stradale, meglio chiamare le forze di polizia per i rilievi del caso. In questa ipotesi è bene ricordare però, che le forze dell’ordine saranno costrette anche ad elevare multe se vi sono state infrazioni al codice della strada. L’intervento delle forze dell’ordine  è però utilissimo per ricostruire la dinamica dell’incidente, le condizioni in cui si è verificato, lo stato dei mezzi incidentati e raccogliere eventuali testimonianze. Il verbale redatto difatti, ha il valore di prova ed è più vantaggioso rispetto al cid, soprattutto quando  i danni sono ingenti.  Può capitare infatti che l’assicurazione, nonostante il cid firmato da entrambe le parti, rifiuti di risarcire il danno perché lo ritiene incompatibile con la dinamica descritta nel modulo, cosa che invece appare improbabile con un verbale. Il rifiuto della compagnia aggiungerebbe così ulteriori disagi e costringerebbe ad andare davanti al giudice. È bene quindi,  scegliere un’assicurazione seria magari informandosi presso le associazioni dei consumatori o cercando su internet nei vari forum e gruppi di discussione.

note

[1] Art. 161 d. lgs. 285 del 1992 (codice della strada).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI