Diritto e Fisco | Articoli

Bollette telefono 30 giorni: modifica delle condizioni contrattuali

19 Gennaio 2018 | Autore:
Bollette telefono 30 giorni: modifica delle condizioni contrattuali

Gli operatori telefono e pay tv devono adeguare entro aprile la fatturazione a 30 giorni (e non più a 28) e informare in tempo gli utenti del cambiamento delle condizioni contrattuali.

In attesa del ritorno alla fatturazione telefono e pay tv su base mensile o di multipli del mese (e non più a 28 giorni), i clienti hanno diritto ad avere informazioni complete e trasparenti sulle modifiche contrattuali.

L’Agcom ha pubblicato la delibera [1] con la quale garantisce la pubblicazione dei servizi offerti e delle tariffe generali, in modo da assicurare che i consumatori possano compiere scelte informate.

È infatti necessario garantire che gli utenti ricevano, con adeguato preavviso, le dovute informazioni circa i prezzi dei servizi, i tempi e le modalità attraverso le quali la modifica della cadenza di rinnovo delle offerte e fatturazione dei servizi interverrà.

Telefono e pay tv: informazioni agli utenti sulle modifiche contrattuali

Le informazioni, veicolate con qualsiasi mezzo agli utenti, circa i prezzi dei servizi, i tempi e le modalità attraverso le quali la modifica della cadenza di rinnovo delle offerte e fatturazione dei servizi interverrà, devono essere fornite, dagli operatori in maniera chiara, trasparente ed esaustiva con almeno due mesi di anticipo rispetto al momento della modifica.

Gli operatori telefonici e pay tv riportano tali informazioni sulle home page dei propri siti web, dandone ampia evidenza.

Fatturazione e modifiche contrattuali: diritti dei clienti

Gli utenti hanno diritto:

  • ad ottenere le informazioni i prezzi dei servizi, i tempi e le modalità attraverso le quali la modifica della cadenza di rinnovo delle offerte e fatturazione dei servizi interverrà, anche mediante il ricorso agli strumenti di self care (call center, aree di self care dei siti web ed app);
  • se utenti di servizi di comunicazioni su rete fissa hanno diritto a ricevere le informazioni sia tramite apposita comunicazione allegata alla fattura, sia tramite chiamata diretta effettuata dall’operatore, anche tramite sistemi IVR (interactive voice response);
  • se utenti di servizi di comunicazioni su rete mobile hanno diritto a ricevere le informazioni sia tramite SMS, sia tramite comunicazione veicolata attraverso l’app di self care e, nel caso in cui l’utente fruisca di servizi post-pagati, attraverso la documentazione di fatturazione;
  • se utenti di servizi di Tv a pagamento hanno diritto a ricevere le informazioni sia tramite la documentazione di fatturazione, sia tramite comunicazione inviata alla set-top box.

Obblighi degli operatori: entrata in vigore

Gli obblighi informativi a carico degli operatori entrano in vigore il giorno successivo alla pubblicazione della delibera sul sito web dell’Agcom e, quindi, a far data dal 18 gennaio 2018.


note

[1] Agcom, delibera n. 496/17/CONS.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Oggi 25.1 ricevuto da Vodafone sms che dice: passiamo al mensile e aumentiamo la tariffa dell’8,6% – quindi senza aumenti per i clienti

    Azzeccagarbugli: fatta la legge trovato l’inganno

    Il Governo non è per ora riuscito a fermarli: forse la Magistratura perchè credo ci siano risvolti penali.

    Vodafone mi sembra sia società di origine Inglese: alla faccia del fair play

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube