Business | Articoli

Cartelle Equitalia notificate via PEC: da oggi impossibile sfuggire alla notifica

25 Giugno 2013
Cartelle Equitalia notificate via PEC: da oggi impossibile sfuggire alla notifica

Equitalia inizia a notificare le cartelle esattoriali via PEC: questo significa che non ci sarà più spazio a difetti o vizi di notifica; l’azienda sarà sempre raggiungibile attraverso la posta elettronica certificata, attesa l’obbligatorietà di tale strumento.

Parte la sperimentazione di Equitalia. Le cartelle di pagamento per le imprese di Lombardia, Toscana, Molise e Campania saranno spedite via Pec. A regime il sistema si amplierà a tutto il territorio nazionale. Qual è la principale conseguenza? Le aziende non potranno più sfuggire alla notifica delle cartelle esattoriali: addio vizi formali nella consegna della cartella; addio a indirizzi incompleti o modificati. La Pec, infatti, è obbligatoria per tutte le imprese e sottrarsi alla “consegna digitale” della richiesta di pagamento sarà impossibile. Peraltro, chi ancora fosse sprovvisto di Pec deve provvedere al più presto.

Ciò richiederà un cambio di abitudini, visto che spesso il contribuente in possesso di Pec non la usa per adempiere agli obblighi di legge. Dunque, le persone giuridiche delle quattro regioni citate faranno bene a controllare subito l’operatività della propria Pec e a verificare, giornalmente, l’eventuale arrivo di posta.

Con l’invio delle cartelle tramite Pec, l’amministrazione punta a risparmi importanti e ha un sistema che consente l’integrale tracciabilità del documento. Non solo: si eviteranno così infiniti contenziosi sui difetti di notifica che, in questo modo, saranno praticamente impossibili.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube