Diritto e Fisco | Articoli

Targa clonata: come difendersi dalla multa

27 gennaio 2018


Targa clonata: come difendersi dalla multa

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 gennaio 2018



Ho ricevuto due ingiunzioni di pagamento da due soggetti diversi per una stessa multa non pagata non nel mio Comune, relativa ad un veicolo dello stesso modello e con stessa targa di una vettura di mia proprietà. Non essendo mai passato in quella Regione nè tantomeno in quella zona posso dimostrarlo solo con la rintracciabilità del mio cellulare? Potrebbe essere un caso di clonazione. Cosa devo fare? Preciso che la richiesta degli enti è arrivata a 1000 euro partendo da una multa originaria di 138 euro.

Il lettore deve sporgere denuncia: chi ha clonato la targa della sua vettura, infatti, ha commesso un reato. Il codice della strada, che sanziona la circolazione con targa clonata (o, meglio, falsificata; art. 100, comma 14), rinvia, quanto al trattamento sanzionatorio, al codice penale.

Sporta la denuncia, con l’attestazione della stessa, avrebbe dovuto fare opposizione al giudice di pace o al prefetto competenti; tuttavia, poiché nel quesito il lettore parla di ingiunzioni, è da immaginare che i termini (30 e 60 giorni dalla notifica) siano oramai decorsi. Purtroppo l´ingiunzione fiscale, se viene preceduta dall´emissione di un atto idoneo a dar corso all´esecuzione (come, ad esempio, un verbale di contestazione di una violazione), ha la funzione di precetto, cioè di atto che anticipa l’esecuzione forzata, impugnabile quindi solo per vizi propri (cioè, per vizi di forma) e non per i contenuti. In altre parole, non si ritiene che in detta fase si possa contestare anche il verbale di accertamento della violazione al Codice della Strada per il quale si applicano, entro sessanta o trenta giorni dalla notificazione, le procedure degli artt. 203 o 204 bis CdS, cioè il ricorso al prefetto o, in alternativa, al giudice di pace.

Il lettore potrebbe ugualmente tentare di proporre opposizione adducendo le sue ragioni, tra le quali la denuncia sporta e la rintracciabilità del suo cellulare. Deve raccogliere quanti più elementi a suo favore: la ricevuta di un’officina che dimostri dov’era la sua vettura quel giorno; l’estratto conto Telepass; se è la sua unica automobile, questi può dimostrare che quel giorno era andato a lavoro proprio guidando il veicolo oggetto di contestazione. Infine, il lettore deve controllare bene nel verbale che non vi siano alcune differenze con la sua autovettura, come, ad esempio, il colore della carrozzeria.

Si noti, però, che tutte queste attività sarebbero state molto più fruttuose se fatte nei termini utili per ricorrere contro la contravvenzione. Al punto in cui si trova, si tratta di un tentativo che difficilmente potrà portare giovamento al lettore.

Dal punto di vista meramente formale, si consiglia al lettore di controllare che l’ingiunzione contenga i seguenti requisiti:

  • – indicazione delle parti (debitore ed ente in nome del quale viene emessa l´ingiunzione fiscale);
  • – intimazione di pagare la somma indicata con l´eventuale distinta della liquidazione;
  • – motivazione della richiesta;
  • – termine di scadenza (30 giorni);
  • – avvertimento che, scaduti i termini, si procederà a esecuzione forzata;
  • – data di notificazione del titolo esecutivo;
  • – norme di legge che conferiscono il potere di azione con ingiunzione;
  • – normali riferimenti generali (ufficio emittente, indicazione del responsabile del procedimento e dell´autorità presso cui presentare opposizione, coi relativi termini);
  • – sottoscrizione dell´atto da parte del funzionario responsabile.

La carenza di uno dei suddetti elementi giustificherebbe un’opposizione.

Il lettore potrebbe, inoltre, proporre ricorso amministrativo in autotutela, da inviare tramite raccomandata o pec all’Ufficio dell’organo accertatore, chiedendo l’annullamento dell’atto in quanto illegittimo o infondato, adducendo le stesse motivazioni di cui sopra. Questo ricorso, però, non sospende l’ingiunzione.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Mariano Acquaviva

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI