HOME Articoli

Lo sai che? Che requisiti deve avere un parco a misura di bambino?

Lo sai che? Pubblicato il 24 febbraio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 24 febbraio 2018

Il parco è lo spazio verde in cui i bambini possono correre, giocare e stare all’aria aperta ma, per godere appieno dei momenti sereni, è importante che sia anche un luogo sicuro.

I parchi e i giardini sono diventati, probabilmente, gli unici luoghi in cui i bambini riescono a staccarsi finalmente dalla tv e dai giochi elettronici per giocare con i loro coetanei. Trattandosi di luoghi aperti, possono presentare delle insidie. Che requisiti deve avere un parco a misura di bambino?

La pulizia del parco

Il parco, che sia pubblico, ossia affidato alla gestione del Comune o di altro Ente, o privato, ossia gestito da associazioni, comitati cittadini o altre realtà associative, per essere perfettamente fruibile deve essere pulito giornalmente. Occorre raccogliere i rifiuti dagli appositi cestini e verificare l’esatto conferimento per la raccolta differenziata, ponendo nuovi sacchetti. Purtroppo, spesso per incuria, inciviltà o distrazione, alcuni visitatori degli spazi verdi gettano l’immondizia per terra o tra i cespugli, pertanto gli operatori ecologici devono provvedere a rimuoverla. Inoltre, i vialetti e i campi in cemento devono essere spazzati con attenzione in modo da rimuovere eventuali frammenti di vetro o di lattine.  Che requisiti deve avere un parco a misura di bambino? Per proteggere i bambini al parco da cadute e danni alla salute, le operazioni di pulizia devono essere estremamente accurate in quanto hanno il diritto di giocare in un’area sicura e priva di rischi.

Manutenzione dei giochi

L’altalena, lo scivolo, la parete di arrampicata sono solo alcuni dei giochi presenti nei parchi tanto amati dai più piccoli e, poiché sono muniti di struttura in ferro o acciaio e di ingranaggi, per il corretto funzionamento necessitano di manutenzione costante. I gestori delle aree verdi cittadine, per proteggere i bambini al parco, devono dunque provvedere a verificarne la stabilità e la robustezza e, in caso di accertata pericolosità, devono sostituirli con giochi nuovi.

Lavori di giardinaggio

Il parco è costituito da alberi, cespugli, fiori ed alberi, pertanto necessita di periodiche attività di giardinaggio volte a curare e a valorizzare le piante. I prati e i cespugli devono essere tosati e gli alberi potati per eliminare eventuali rami secchi e pericolanti. I bambini hanno diritto di correre e giocare in libertà sull’erba rasata, senza trovare insidie, ecco perché è fondamentale la manutenzione del verde.

Disinfestazione

Gli spazi verdi costituiscono il naturale rifugio per insetti e altri animali che vi si insediano moltiplicandosi. Le acque stagnanti, come ad esempio i laghetti o le fontane, costituiscono il luogo di formazione primario delle zanzare, mentre tra i cespugli e in mezzo all’erba tendono a nidificare i topi e i serpenti che si nutrono con residui di cibo trovati qua e là o con i rifiuti. Queste specie animali rappresentano una forte pericolosità per l’uomo ed in particolare per il bambino che, in seguito ad eventuale puntura o contatto, potrebbe subire danni irreparabili alla salute. Pertanto i parchi devono essere sottoposti a disinfestazione, soprattutto precedentemente ai mesi primaverili ed estivi in cui il pericolo di insediamento è maggiore.

Divieto di fumo

Nonostante il parco sia una zona posta all’area aperta, è fondamentale rispettare al suo interno il divieto di fumo in prossimità dei bambini. Spesso, molti genitori che accompagnano i propri figli nelle aree verdi usano osservarli da lontano accendendosi una sigaretta, pensando erroneamente di non costituire alcun pericolo per la salute altrui in quanto il fumo viene disperso, ma questo non è vero perché se i più piccoli si trovano nei pressi lo respirano a pieni polmoni con danni incalcolabili.

Area cani recintata

I proprietari di cani hanno l’abitudine di portarli a passeggio nel parco, è essenziale tenerli al guinzaglio e liberarli solo ed esclusivamente nelle apposite aree recintate per evitarne la fuga. Casi di cronaca hanno evidenziato come  alcuni cani, attratti dal pallone o da altri giochi dei bambini, li abbiano poi aggrediti, dunque, è bene che i padroni siano sempre vigili, soprattutto in prossimità di minori.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI