Diritto e Fisco | Articoli

Pattinare in un parcheggio è vietato?

23 gennaio 2018


Pattinare in un parcheggio è vietato?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 gennaio 2018



Multa per chi pattina con rollerblade, usa skateboard oppure overboard sulla carreggiata, parcheggi o aree pedonali: concorso di colpa in caso di investimento.

Hai deciso di prendere i tuoi rollerblade, i nipoti dei vecchi pattini a rotelle, e di andare a pattinare in un luogo chiuso al traffico ma ugualmente ampio, che dia sfogo alla tua energia e creatività. Sei abile nel fare manovre acrobatiche e vorresti avere tutto lo spazio disponibile per divertirti. Hai scelto un parcheggio perché, di solito, lì vanno tutti gli altri pattinatori e i ragazzini più piccoli con gli overboard. Qualcuno utilizza anche gli skateboard e si può dire che l’area sia diventata ormai uno slargo di divertimento per i giovani e meno giovani. Senonché, quel giorno, arriva un vigile e ti eleva una multa. Siccome sei maggiorenne ti chiede i dati anagrafici (nome, cognome, residenza) mentre ai minorenni presenti nello stesso momento chiede chi sono i genitori ai quali – sostiene – dovrà inviare la contravvenzione. Secondo il parere del poliziotto, infatti, pattinare in un parcheggio è vietato dal codice della strada. State commettendo, insomma, un illecito e, in questi casi, è prevista una sanzione amministrativa. A te la cosa suona strana non solo perché l’area è chiusa e riservata, ma anche perché sono ormai anni che tutti vanno in quel luogo a pattinare. Chi dei due ha ragione? È vero che pattinare in un parcheggio è vietato? La risposta a questo interessante quesito è stata fornita dalla Cassazione qualche giorno fa [1].

Per prima cosa dobbiamo vedere cosa stabilisce la legge. Nel caso di specie si tratta del codice della strada. Esso, nel disciplinare i comportamenti dei pedoni, prevede [2] che «la circolazione mediante tavole, pattini o altri acceleratori di andatura è vietata sulle carreggiate delle strade». In tali strumenti vengono quindi compresi i pattini a rotelle, gli skateboard, gli overblade e i rollerblade.

Sempre il codice della strada poi vieta di effettuare sulle carreggiate giochi, allenamenti e manifestazioni sportive non autorizzate. Sugli spazi riservati ai pedoni è vietato usare tavole, pattini od altri acceleratori di andatura che possano creare situazioni di pericolo per gli altri utenti.

Il parcheggio viene invece definito (sempre dal codice della strada [3]) come «un’area o un’infrastruttura fuori dalla carreggiata destinata alla sosta dei veicoli», sul quale dunque transitano sia veicoli che pedoni. Secondo la Corte si verificano dunque «le stesse situazioni di rischio che giustificano il divieto di transito di “acceleratori di velocità” nelle carreggiate e nei siti destinati ai pedoni», estendendo così il divieto di pattinaggio anche all’area di parcheggio proprio per l’omogeneità dei fattori di rischio che caratterizzano tale area.

Secondo la Corte, in definitiva, l’attività di pattinaggio svolta all’interno dell’area di parcheggio è illegittima.

La conseguenza del pattinare in un parcheggio o sulla carreggiata della strada o sul marciapiede non è solo la contravvenzione per la violazione del codice della strada. Ce n’è una ben più seria. In caso di incidente stradale, dovuto all’investimento del pattinatore da parte di un’automobile che non si accorga di lui o che non riesca a evitarlo, il danneggiato non avrà diritto al risarcimento pieno ma, tutt’al più, potrà invocare il concorso di colpa se il conducente ha avuto un margine di colpa nel sinistro. Se manca anche tale responsabilità in capo all’automobilista, il povero pattinatore non vedrà un euro.

note

[1] Cass. sent. n. 2342/18 del 19.01.2018. 

[2] Art. 190 cod. str.

[3] Art. 3 cod. str.

Autore immagine: Pixabay.com

Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza 29 novembre 2017 – 19 gennaio 2018, n. 2342
Presidente Blaiotta – Relatore Tornesi

Ritenuto in fatto

1. Con sentenza emessa in data 6 aprile 2017 il Giudice di Pace di Pescara ha dichiarato M.C.E. responsabile “del reato p. e. p. dall’art. 590 c.p. perché alla guida dell’autovettura Ford Fiesta tg. (…), entrando nell’area di parcheggio sita in via (omissis), per colpa consistita in generica imperizia, negligenza ed imprudenza, per non aver posto la dovuta attenzione alla guida, non si avvedeva della presenza di Ma.Mi. , che era intenta a pattinare e la investiva procurandole la frattura della gamba sinistra. In (omissis) “.
L’imputata veniva condannata alla pena di Euro 500,00 di multa, oltre al pagamento delle spese processuali. Veniva altresì applicata, nei suoi confronti, la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per il periodo di mesi tre.
1.1. Secondo la ricostruzione del fatto operata dal Giudice di Pace, la Ma. era intenta a pattinare all’interno dell’area di parcheggio parallela alla via (omissis) quando veniva investita dall’autovettura condotta dall’imputata che, provenendo dalla predetta strada, dopo essersi fermata per consentire l’attraversamento pedonale di alcuni giovani, stava effettuando la manovra di immissione in detta area. Il Giudicante ha escluso la sussistenza di alcun addebito in capo alla Ma. sostenendo che stava svolgendo un’attività legittima in quanto il luogo dell’incidente non è interdetto al pattinaggio.
Al riguardo si è osservato che “l’art. 190 comma 8 del Cds. fa divieto di pattinaggio solo sulla carreggiata delle strade che, a mente dell’art. 3 c. 1 n. 7), è la parte di strada destinata allo scorrimento dei veicoli e come tale distinta dall’area di parcheggio, ove non è previsto alcun specifico divieto di pattinaggio dal Cds.”. Si è inoltre soggiunto che, contrariamente a quanto affermato dall’imputata M. e dal teste D.F.D. , cognato della predetta, la collisione non era dovuta ad un tamponamento causato dalla pattinatrice alla parte posteriore – lato destro – dell’auto, posto che la Polizia Municipale aveva riscontrato ammaccature e danni al paraurti anteriore destro dell’autovettura, compatibili con le lesioni subite dalla persona offesa (frattura della tibia e del perone). Il Giudice giungeva così ad affermare che la Ma. veniva “attinta nella sua parte sinistra, o posteriore sinistra, dalla parte anteriore destra della Ford Fiesta condotta dall’imputata…”.
2. Avverso la predetta pronuncia propone ricorso per cassazione, ai sensi dell’art. 37, comma 2, del d.lgs.vo n. 274/2000, il difensore dell’imputata, avv. Giacomo Cecchinelli, che deduce i seguenti motivi.
2.1. Violazione dell’art. 606, lett. b) c.p.p., in relazione all’art. 590 c.p. e 190, comma 8, cod. strada.
Il ricorrente evidenzia che la sentenza è affetta dal vizio di violazione di legge in relazione agli artt. 590 c.p. e 190, comma 8, cod. strada, in quanto il sinistro è avvenuto mentre Ma.Mi. stava pattinando in una parte della strada assolutamente vietata, in quanto destinata esclusivamente allo scorrimento dei veicoli, e non già in un’area di parcheggio, come erroneamente affermato dal Giudicante.
Inoltre contesta che la M. abbia investito la Ma. ; ciò sarebbe confermato dal tenore delle dichiarazioni acquisite dalla Polizia Municipale nell’immediatezza dell’accaduto e dalla circostanza che non risulta essere stata elevata nessuna contravvenzione a suo carico.
Secondo la prospettazione difensiva l’imputata non ha violato alcuna regola di cautela posta alla base della fattispecie del reato di cui all’art. 590 c.p. e l’evento è attribuibile esclusivamente alla condotta vietata, repentina e poco accorta della Ma. , del tutto imprevedibile ed inevitabile da parte della M. che ha soltanto potuto prendere atto dell’urto avvenuto sul lato posteriore della sua auto. Richiama in proposito la giurisprudenza di legittimità (Cass. Sez. 4 n. 20027/08), che, nel delimitare le ipotesi in cui va affermata la colpa della persona offesa, evidenzia che è necessario che il conducente di un veicolo si sia trovato, per motivi estranei ad ogni suo obbligo di diligenza, nella oggettiva impossibilità di avvistare il pedone (in tal caso la pattinatrice).
2.2. Violazione dell’art. 606, lett. c), c.p.p. in relazione agli artt. 125, 533 e 546 c.p.p..
Rileva la ricorrente che la sentenza è affetta da carenza motivazionale atteso che il giudice si è limitato ad indicare la fonte di prova delle dichiarazioni testimoniali poste a fondamento del giudizio di responsabilità, senza alcun vaglio critico sulla loro attendibilità, ed omettendo di indicare e valutare gli elementi probatori documentali e, soprattutto, senza alcuna analisi approfondita degli elementi costitutivi del reato contestato.
Soggiunge che lo stesso giudice di primo grado ha dato atto delle contraddizioni che caratterizzano le deposizioni testimoniali acquisite, il che dimostra la loro inattendibilità. Evidenzia inoltre la contraddizione di fondo del comportamento processuale ed extra processuale della persona offesa che ha dato versioni contrastanti dei fatti, tant’è il pubblico ministero ha concluso chiedendo l’assoluzione dell’imputata.
Non vi è, dunque, la certezza processuale che la condotta sia attribuibile alla M. .
2.3. Violazione dell’art. 606, lett. e), c.p.p. per mancanza, contraddittorietà o manifesta illogicità della motivazione.
La ricorrente rileva che la sentenza impugnata si fonda su un ragionamento del tutto illogico in quanto il giudice di merito ha trascurato alcuni elementi probatori (ovvero le dichiarazioni rese dagli unici testimoni oculari presenti al momento dell’arrivo della Polizia Municipale), valorizzando, invece, le dichiarazioni dei testi C. e V. , rese a quasi tre mesi dall’accaduto e quelle della persona offesa, pur dando atto delle versioni dei fatti contrastanti da quest’ultima rese, deducendo il vizio di travisamento dei fatti.
3. Conclude chiedendo l’annullamento della sentenza impugnata.

Considerato in diritto

1. Il ricorso è fondato e va accolto per le ragioni che seguono.
2. La sentenza impugnata è viziata sin dalle sue premesse laddove si sostiene che l’attività di pattinaggio svolta dalla persona offesa Ma.Mi. all’interno dell’area di parcheggio sia legittima.
Tale tesi non appare aderente alla disciplina normativa nella subiecta materia.
L’art. 190 del codice della strada, la cui rubrica recita “comportamenti dei pedoni”, apportando alcune varianti al testo della corrispondente norma previgente (ovvero all’art. 134 dei D.P.R. n. 393 dei 15.06.1959), ha inserito ai comma 8, la seguente disposizione: “La circolazione mediante tavole, pattini od altri acceleratori di andatura è vietata sulle carreggiate delle strade”. Inoltre il legislatore, oltre a riprodurre il testo invariato dell’abrogato comma 8, “È vietato effettuare sulle carreggiate giochi o manifestazioni sportive non autorizzate”, al comma 9, ha soggiunto “Sugli spazi riservati ai pedoni è vietato usare tavole, pattini od altri acceleratori di andatura che possano creare situazioni di pericolo per gli altri utenti”.
Il primo divieto è posto, evidentemente, nell’interesse prevalente di chi fa uso di tali strumenti perché sulla sede stradale potrebbe scontrarsi con autoveicoli e motoveicoli. Il secondo divieto, invece, tende a tutelare prevalentemente i pedoni che potrebbero ricevere danni se urtati da coloro che si muovono su tavole, pattini, e strumenti similari.
Ai sensi dell’art. 3, comma 1, n. 34, del codice della strada il parcheggio è “un’area o un’infrastruttura fuori della carreggiata destinata alla sosta dei veicoli”. Dunque, evidentemente, si tratta di sito nel quale si riscontra il fisiologico transito sia di veicoli che di pedoni; e particolarmente delle persone che discendono dai veicoli o che vi si dirigono, nonché di veicoli che eseguono spesso complicate manovre. Dunque, si verificano le medesime situazioni di rischio che giustificano il divieto di transito di “acceleratori di velocità” nelle carreggiate e nei siti destinati ai pedoni. Pertanto, in ragione della funzione cui l’area di parcheggio assolve, il divieto di pattinaggio deve ritenersi esteso a tale sito. Una diversa soluzione sarebbe irragionevolmente diversificata in presenza di situazioni di rischio omogenee; e determinerebbe l’assenza di normazione cautelare in un contesto che, come è agevole intendere alla luce della comune esperienza, mostra l’elevata possibilità di situazioni pericolose connesse anche alla velocità e difficile manovrabilità degli apparati di cui si parla.
Ne consegue che l’attività svolta dalla Ma. al momento dell’incidente risulta commessa in violazione dell’art. 190 cod. strada, e ciò rileva ai fini della valutazione delle condotte, anche in relazione all’eventuale concorso di colpa della vittima.
3. Va inoltre evidenziato che nella fattispecie in esame il giudizio di responsabilità nei confronti dell’imputata viene essenzialmente incentrato sulla circostanza che (a predetta si sarebbe immessa nell’area di parcheggio senza accertarsi della presenza della Ma. “dal momento che quest’ultima, considerando l’andatura media che poteva avere la pattinatrice, doveva necessariamente trovarsi proprio nei pressi del punto in cui trovava ad immettersi la vettura condotta dall’imputata” dimostrando così quest’ultima “di non avere prestato la dovuta attenzione alla guida”.
La sentenza impugnata appare carente quando argomenta intorno alla descrizione dell’accaduto, emergendo un quadro probatorio assolutamente incerto sotto il profilo dinamico, sul momento dell’urto tra l’autovettura condotta dalla M. e la pattinatrice, in quanto non viene dato adeguato conto della esatta provenienza dei due utenti della strada e del concreto pericolo di interferenza nell’area di intersezione. Invero, il Giudice cristallizza il momento causale all’attimo dell’urto ma non esplora affatto le condotte tenute, in rapporto a quelle dovute.
Inoltre si addebita alla manovra della M. un rilievo causalmente decisivo quanto alla caduta della Ma. , degradando la condotta di quest’ultima a mero anello eziologicamente inerte e occasionale.
È evidente che nel caso in esame non risulta investigato alcuno dei tasselli dell’articolata e complessa struttura dell’illecito colposo.
Da un lato non vengono dimostrate concrete condotte colpose dell’imputata, al di là di una generica e non dimostrata mancanza di attenzione. Dall’altro si deve rammentare che in materia di incidenti stradali l’accertata sussistenza di una condotta antigiuridica di un utente della strada con violazione di specifiche norme di legge o di precetti di comune prudenza non può di per sé far presumere l’esistenza della causalità tra il suo comportamento e l’evento dannoso, che occorre sempre provare e che si deve escludere qualora sia dimostrato che l’incidente si sarebbe ugualmente verificato senza quella condotta oppure che esso sia stato determinato esclusivamente da una causa diversa; circostanza quest’ultima configurabile, ad esempio, ove il conducente, per motivi estranei al suo dovere di diligenza, si sia trovato nella oggettiva impossibilità di avvistare un altro utente della strada e di osservarne tempestivamente i movimenti attuati in modo rapido, inatteso ed imprevedibile (Sez. 4, n. 20330 del 13/01/2017, Rv. 270227, Sez. 4, n. 33207 del 02/07/2013, Rv. 255995). Tale accertamento nella fattispecie in esame si rendeva tanto più necessario sol che si consideri anche l’inevitabile instabilità dei movimenti, in termini di equilibrio, della persona che pattina su una strada.
Inoltre l’inosservanza delle regole cautelari può dare luogo ad una responsabilità colposa non in maniera indistinta per tutti gli eventi cagionati ma solo per quelli che appartengono ad una certa tipologia che le norme stesse mirano ad evitare (Sez. 4, n. 1819 del 03/10/2014 – dep. 15/01/2015, Di Domenico, Rv. 261768). È inoltre necessario accertare revitabilità dell’evento, ovvero che il prescritto comportamento alternativo corretto fosse in concreto idoneo ad evitare l’evento dannoso (Sez.4, n. 25648 del 22/05/2008, Rv. 240859, Sez. 4, n. 17000 del 05/04/2016, Rv. 266645).
Naturalmente, tali valutazioni dovranno pure considerare la circostanza che, come si è sopra esposto, la vittima pattinava in un sito in cui tale attività non era consentita.
4. Tali passaggi argomentativi sono del tutto mancanti nella sentenza impugnata e ciò ne impone l’annullamento con rinvio al Giudice di Pace di Pescara.

P.Q.M.

Annulla la sentenza impugnata con rinvio al Giudice di Pace di Pescara.

Art. 190. Comportamento dei pedoni.

“Nuovo codice della strada”, decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285 e successive modificazioni.

TITOLO V – NORME DI COMPORTAMENTO

Art. 190. Comportamento dei pedoni.

1. I pedoni devono circolare sui marciapiedi, sulle banchine, sui viali e sugli altri spazi per essi predisposti; qualora questi manchino, siano ingombri, interrotti o insufficienti, devono circolare sul margine della carreggiata opposto al senso di marcia dei veicoli in modo da causare il minimo intralcio possibile alla circolazione. Fuori dei centri abitati i pedoni hanno l’obbligo di circolare in senso opposto a quello di marcia dei veicoli sulle carreggiate a due sensi di marcia e sul margine destro rispetto alla direzione di marcia dei veicoli quando si tratti di carreggiata a senso unico di circolazione. Da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere, ai pedoni che circolano sulla carreggiata di strade esterne ai centri abitati, prive di illuminazione pubblica, è fatto obbligo di marciare su unica fila.

2. I pedoni, per attraversare la carreggiata, devono servirsi degli attraversamenti pedonali, dei sottopassaggi e dei sovrapassaggi. Quando questi non esistono, o distano più di cento metri dal punto di attraversamento, i pedoni possono attraversare la carreggiata solo in senso perpendicolare, con l’attenzione necessaria ad evitare situazioni di pericolo per sé o per altri.

3. È vietato ai pedoni attraversare diagonalmente le intersezioni; è inoltre vietato attraversare le piazze e i larghi al di fuori degli attraversamenti pedonali, qualora esistano, anche se sono a distanza superiore a quella indicata nel comma 2.

4. È vietato ai pedoni sostare o indugiare sulla carreggiata, salvo i casi di necessità; è, altresì, vietato, sostando in gruppo sui marciapiedi, sulle banchine o presso gli attraversamenti pedonali, causare intralcio al transito normale degli altri pedoni.

5. I pedoni che si accingono ad attraversare la carreggiata in zona sprovvista di attraversamenti pedonali devono dare la precedenza ai conducenti.

6. È vietato ai pedoni effettuare l’attraversamento stradale passando anteriormente agli autobus, filoveicoli e tram in sosta alle fermate.

7. Le macchine per uso di bambini o di persone invalide, anche se asservite da motore, con le limitazioni di cui all’articolo 46, possono circolare sulle parti della strada riservate ai pedoni, secondo le modalità stabilite dagli enti proprietari delle strade ai sensi degli articoli 6 e 7. (1)

8. La circolazione mediante tavole, pattini od altri acceleratori di andatura è vietata sulla carreggiata delle strade.

9. È vietato effettuare sulle carreggiate giochi, allenamenti e manifestazioni sportive non autorizzate. Sugli spazi riservati ai pedoni è vietato usare tavole, pattini od altri acceleratori di andatura che possano creare situazioni di pericolo per gli altri utenti.

10. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 25 a euro 99.

(1) Comma modificato dalla legge 29 luglio 2010, n. 120 ( G.U. n. 175 del 29 luglio 2010 suppl. ord.).

Art. 3. Definizioni stradali e di traffico.

“Nuovo codice della strada”, decreto legisl. 30 aprile 1992 n. 285, aggiornato con decreto legisl. 10 sett. 1993 n. 360 , d.P.R. 19 apr. 1994 n. 575, decreto legisl. 4 giugno 1997 n. 143, d.m. 28 dic. 1998.

TITOLO I – DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 3. Definizioni stradali e di traffico.

1. Ai fini delle presenti norme le denominazioni stradali e di traffico hanno i seguenti significati:

1) Area di intersezione: parte della intersezione a raso, nella quale si intersecano due o più correnti di traffico.

2) Area pedonale: zona interdetta alla circolazione dei veicoli, salvo quelli in servizio di emergenza, i velocipedi e i veicoli al servizio di persone con limitate o impedite capacità motorie, nonché eventuali deroghe per i veicoli ad emissioni zero aventi ingombro e velocità tali da poter essere assimilati ai velocipedi. In particolari situazioni i comuni possono introdurre, attraverso apposita segnalazione, ulteriori restrizioni alla circolazione su aree pedonali;

3) Attraversamento pedonale: parte della carreggiata, opportunamente segnalata ed organizzata, sulla quale i pedoni in transito dall’uno all’altro lato della strada godono della precedenza rispetto ai veicoli.

4) Banchina: parte della strada compresa tra il margine della carreggiata ed il più vicino tra i seguenti elementi longitudinali: marciapiede, spartitraffico, arginello, ciglio interno della cunetta, ciglio superiore della scarpata nei rilevati.

5) Braccio di intersezione: cfr. Ramo di intersezione.

6) Canalizzazione: insieme di apprestamenti destinato a selezionare le correnti di traffico per guidarle in determinate direzioni.

7) Carreggiata: parte della strada destinata allo scorrimento dei veicoli; essa è composta da una o più corsie di marcia ed, in genere, è pavimentata e delimitata da strisce di margine.

8) Centro abitato: insieme di edifici, delimitato lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e fine. Per insieme di edifici si intende un raggruppamento continuo, ancorché intervallato da strade, piazze, giardini o simili, costituito da non meno di venticinque fabbricati e da aree di uso pubblico con accessi veicolari o pedonali sulla strada.

9) Circolazione: è il movimento, la fermata e la sosta dei pedoni, dei veicoli e degli animali sulla strada.

10) Confine stradale: limite della proprietà stradale quale risulta dagli atti di acquisizione o dalle fasce di esproprio del progetto approvato; in mancanza, il confine è costituito dal ciglio esterno del fosso di guardia o della cunetta, ove esistenti, o dal piede della scarpata se la strada è in rilevato o dal ciglio superiore della scarpata se la strada è in trincea.

11) Corrente di traffico: insieme di veicoli (corrente veicolare), o pedoni (corrente pedonale), che si muovono su una strada nello stesso senso di marcia su una o più file parallele, seguendo una determinata traiettoria.

12) Corsia: parte longitudinale della strada di larghezza idonea a permettere il transito di una sola fila di veicoli.

13) Corsia di accelerazione: corsia specializzata per consentire ed agevolare l’ingresso ai veicoli sulla carreggiata.

14) Corsia di decelerazione: corsia specializzata per consentire l’uscita dei veicoli da una carreggiata in modo da non provocare rallentamenti ai veicoli non interessati a tale manovra.

15) Corsia di emergenza: corsia, adiacente alla carreggiata, destinata alle soste di emergenza, al transito dei veicoli di soccorso ed, eccezionalmente, al movimento dei pedoni, nei casi in cui sia ammessa la circolazione degli stessi.

16) Corsia di marcia: corsia facente parte della carreggiata, normalmente delimitata da segnaletica orizzontale.

17) Corsia riservata: corsia di marcia destinata alla circolazione esclusiva di una o solo di alcune categorie di veicoli.

18) Corsia specializzata: corsia destinata ai veicoli che si accingono ad effettuare determinate manovre, quali svolta, attraversamento, sorpasso, decelerazione, accelerazione, manovra per la sosta o che presentano basse velocità o altro.

19) Cunetta: manufatto destinato allo smaltimento delle acque meteoriche o di drenaggio, realizzato longitudinalmente od anche trasversalmente all’andamento della strada.

20) Curva: raccordo longitudinale fra due tratti di strada rettilinei, aventi assi intersecantisi, tali da determinare condizioni di limitata visibilità.

21) Fascia di pertinenza: striscia di terreno compresa tra la carreggiata ed il confine stradale. È parte della proprietà stradale e può essere utilizzata solo per la realizzazione di altre parti della strada.

22) Fascia di rispetto: striscia di terreno, esterna al confine stradale, sulla quale esistono vincoli alla realizzazione, da parte dei proprietari del terreno, di costruzioni, recinzioni, piantagioni, depositi e simili.

23) Fascia di sosta laterale: parte della strada adiacente alla carreggiata, separata da questa mediante striscia di margine discontinua e comprendente la fila degli stalli di sosta e la relativa corsia di manovra.

24) Golfo di fermata: parte della strada, esterna alla carreggiata, destinata alle fermate dei mezzi collettivi di linea ed adiacente al marciapiede o ad altro spazio di attesa per i pedoni.

25) Intersezione a livelli sfalsati: insieme di infrastrutture (sovrappassi; sottopassi e rampe) che consente lo smistamento delle correnti veicolari fra rami di strade poste a diversi livelli.

26) Intersezione a raso (o a livello): area comune a più strade, organizzata in modo da consentire lo smistamento delle correnti di traffico dall’una all’altra di esse.

27) Isola di canalizzazione: parte della strada, opportunamente delimitata e non transitabile, destinata a incanalare le correnti di traffico.

28) Isola di traffico: cfr. Isola di canalizzazione.

29) Isola salvagente: cfr. Salvagente.

30) Isola spartitraffico: cfr. Spartitraffico.

31) Itinerario internazionale: strade o tratti di strade facenti parte degli itinerari così definiti dagli accordi internazionali.

32) Livelletta: tratto di strada a pendenza longitudinale costante.

33) Marciapiede: parte della strada, esterna alla carreggiata, rialzata o altrimenti delimitata e protetta, destinata ai pedoni.

34) Parcheggio: area o infrastruttura posta fuori della carreggiata, destinata alla sosta regolamentata o non dei veicoli.

34-bis) Parcheggio scambiatore: parcheggio situato in prossimità di stazioni o fermate del trasporto pubblico locale o del trasporto ferroviario, per agevolare l’intermodalità;

35) Passaggio a livello: intersezione a raso, opportunamente attrezzata e segnalata ai fini della sicurezza, tra una o più strade ed una linea ferroviaria o tranviaria in sede propria.

36) Passaggio pedonale (cfr. anche Marciapiede): parte della strada separata dalla carreggiata, mediante una striscia bianca continua o una apposita protezione parallela ad essa e destinata al transito dei pedoni. Esso espleta la funzione di un marciapiede stradale, in mancanza di esso.

37) Passo carrabile: accesso ad un’area laterale idonea allo stazionamento di uno o più veicoli.

38) Piazzola di sosta: parte della strada, di lunghezza limitata, adiacente esternamente alla banchina, destinata alla sosta dei veicoli.

39) Pista ciclabile: parte longitudinale della strada, opportunamente delimitata, riservata alla circolazione dei velocipedi.

40) Raccordo concavo (cunetta): raccordo tra due livellette contigue di diversa pendenza che si intersecano al di sotto della superficie stradale. Tratto di strada con andamento longitudinale concavo.

41) Raccordo convesso (dosso): raccordo tra due livellette contigue di diversa pendenza che si intersecano al di sopra della superficie stradale. Tratto di strada con andamento longitudinale convesso.

42) Ramo di intersezione: tratto di strada afferente una intersezione.

43) Rampa (di intersezione): strada destinata a collegare due rami di un’intersezione.

44) Ripa: zona di terreno immediatamente sovrastante o sottostante le scarpate del corpo stradale rispettivamente in taglio o in riporto sul terreno preesistente alla strada.

45) Salvagente: parte della strada, rialzata o opportunamente delimitata e protetta, destinata al riparo ed alla sosta dei pedoni, in corrispondenza di attraversamenti pedonali o di fermate dei trasporti collettivi.

46) Sede stradale: superficie compresa entro i confini stradali. Comprende la carreggiata e le fasce di pertinenza.

47) Sede tranviaria: parte longitudinale della strada, opportunamente delimitata, riservata alla circolazione dei tram e dei veicoli assimilabili.

48) Sentiero (o Mulattiera o Tratturo): strada a fondo naturale formatasi per effetto del passaggio di pedoni o di animali.

49) Spartitraffico: parte longitudinale non carrabile della strada destinata alla separazione di correnti veicolari.

50) Strada extraurbana: strada esterna ai centri abitati.

51) Strada urbana: strada interna ad un centro abitato.

52) Strada vicinale (o Poderale o di Bonifica): strada privata fuori dai centri abitati ad uso pubblico.

53) Svincolo: intersezione a livelli sfalsati in cui le correnti veicolari non si intersecano tra loro.

53-bis) Utente debole: pedoni, disabili in carrozzella, ciclisti e tutti coloro i quali meritino una tutela particolare dai pericoli derivanti dalla circolazione sulle strade; (2)

54) Zona a traffico limitato: area in cui l’accesso e la circolazione veicolare sono limitati ad ore prestabilite o a particolari categorie di utenti e di veicoli.

55) Zona di attestamento: tratto di carreggiata, immediatamente a monte della linea di arresto, destinato all’accumulo dei veicoli in attesa di via libera e, generalmente, suddiviso in corsie specializzate separate da strisce longitudinali continue.

56) Zona di preselezione: tratto di carreggiata, opportunamente segnalato, ove è consentito il cambio di corsia affinché i veicoli possano incanalarsi nelle corsie specializzate.

57) Zona di scambio: tratto di carreggiata a senso unico, di idonea lunghezza, lungo il quale correnti di traffico parallele, in movimento nello stesso verso, possono cambiare la reciproca posizione senza doversi arrestare.

58) Zona residenziale: zona urbana in cui vigono particolari regole di circolazione a protezione dei pedoni e dell’ambiente, delimitata lungo le vie di accesso dagli appositi segnali di inizio e di fine.

2. Nel regolamento sono stabilite altre definizioni stradali e di traffico di specifico rilievo tecnico.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI