Business | Articoli

Spese sanitarie: stop ai ticket e nuove soglie di esenzione?

7 Aprile 2017
Spese sanitarie: stop ai ticket e nuove soglie di esenzione?

Il ministro della Salute Lorenzin studia le ipotesi per l’abolizione della tassa sulla salute. L’idea è far pagare un po’ di più i ricchi…

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin è pronta ad un incontro con le Regioni per scindere il sistema dei ticket sanitari introdotto alla fine degli anni 80 dal governo De Mita per assicurare la compartecipazione dei cittadini alla spesa sanitaria pubblica, che, secondo lo stesso ministro, sta diventando un ostacolo per l’accesso alle cure delle categorie più deboli della popolazione. L’ipotesi più concreta è la revisione delle soglie di esenzione, che potrebbero modificare il pubblico dei beneficiari che è un gettito annuale di circa 3 miliardi di euro sugli oltre 113 miliardi del fondo sanitario nazionale, ed è una tassa gestita in autonomia dalle Regioni.

 

Modifica del sistema delle detrazioni fiscali

Si pensa anche ad una modifica del sistema delle detrazioni fiscali per farmaci e spese mediche dove ad oggi i contribuenti possono detrarre dalle imposte versate il 19% di queste spese. L’idea, secondo il ministro, è di modificare le aliquote in funzione del reddito personale, annullando la detrazione per i redditi oltre una certa soglia che con i soldi risparmiati si arriverebbe alla copertura necessaria per l’eliminazione dei ticket. Si tratta però di un’ipotesi complessa. Più fattibile forse quella di una “franchigia” in base al reddito, superata la quale le prestazioni eccedenti sarebbero a pagamento. L’altra strada, sempre a monte dei ticket, è quella di individuare una franchigia in base al reddito. Superata la franchigia (che sarebbe più alta per i redditi bassi e ridotta o annullata per quelli più alti) le prestazioni eccedenti sarebbero a pagamento.

 

Le soglie di esenzione

Un’altra delle ipotesi della revisione è di spostare le soglie di esenzione verso le fasce più deboli, come i poveri e gli anziani. Infatti ad oggi sono esentati dal ticket su pronto soccorso e prestazioni specialistiche gli over 65 con un reddito superiore non a 35mila euro, i disoccupati e loro familiari a carico con un reddito non superiore a 8.500 euro, i titolari di pensione sociale e i pensionati al minimo oltre i 60 anni.

Tagli di spesa

L’ultima ipotesi è quella di una nuova revisione della spesa sanitaria affidando la responsabilità della manovra alle singole regioni, che già amministrano autonomamente il ticket sulla spesa farmaceutica, sulle prestazioni specialistiche e sugli accessi al pronto soccorso, utilizzato per far quadrare i conti dei singoli sistemi regionali. Col risultato discutibile che il ticket pesa molto nelle regioni più ricche (32 euro l’anno di media a testa in Veneto e appena 8,2 euro in Sicilia). L’obiettivo è quello di uniformare il sistema sanitario su tutto il territorio nazionale mentre per diminuire la distanza tra le regioni del nord e quelle del sud.


note

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube