Business | Articoli

Infortuni sul lavoro: basta la denuncia all’Inail online

26 Giugno 2013
Infortuni sul lavoro: basta la denuncia all’Inail online

Il Decreto del Fare del Governo Letta ha modificato le modalità di denuncia, da parte del datore di lavoro, degli infortuni sul lavoro all’Inail.

Il decreto legge “del fare” ha modificato la disciplina sulle denunce degli infortuni sul luogo di lavoro. Viene abrogato l’obbligo [1] a carico del datore di lavoro di denunciare all’autorità locale di pubblica sicurezza ogni infortunio sul lavoro che abbia per conseguenza la morte o l’inabilità al lavoro per più di tre giorni. Resta però l’obbligo, da parte del datore, di denunciare entro 48 ore dall’evento l’infortunio all’Inail con modalità telematica.

Viene modificata, poi, la disciplina sulle modalità di gestione delle denunce. È ora stabilito che le autorità di pubblica sicurezza e le direzioni del lavoro potranno accedere all’archivio dell’istituto di assicurazione per acquisire i dati delle denunce di infortunio sul lavoro mortali e di quelli con prognosi superiore ai 30 giorni.

Entro 4 giorni dalla presa visione, con accesso alla banca dati Inail, dei dati sulle denunce infortuni mortali o con prognosi superiore a 30 gioni, la Dtl (Direzione territoriale del lavoro) procede, su richiesta del lavoratore, di un superstite o dell’Inail, a un’inchiesta per accertare:

– la natura del lavoro al quale era addetto l’infortunato;

– le circostanze, la causa e la natura dell’infortunio ed eventuali inosservanze alla norme di prevenzione;

– l’identità dell’infortunio e il luogo;

– lo stato dell’infortunato;

– la retribuzione;

– in caso di morte, le condizioni dei familiari dell’infortunato.

L’inchiesta ha carattere amministrativo in quanto volta a verificare se l’infortunio è indennizzabile da parte dell’Inail.


note

[1] Art. 54 del Dpr 1124/1965.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube