Diritto e Fisco | Articoli

Incidenti stradali: concorso di colpa della vittima se non indossava la cintura

7 dicembre 2012


Incidenti stradali: concorso di colpa della vittima se non indossava la cintura

> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 dicembre 2012



Il mancato utilizzo della cintura di sicurezza comporta il concorso di colpa a carico della vittima di un incidente stradale, con conseguente riduzione del risarcimento danni, ma non esclude la responsabilità penale del danneggiante.

La Corte di Cassazione [1] ha esaminato la questione riguardante la responsabilità penale del conducente del veicolo che ha cagionato il sinistro, nel caso in cui la vittima dell’incidente stradale non abbia utilizzato le cinture di sicurezza durante la guida del mezzo di trasporto.

La Suprema Corte ha sostenuto che colui che ha cagionato l’incidente risponde comunque  a livello penale anche qualora la vittima del sinistro non indossi le cinture di sicurezza.

Nel nostro ordinamento la persona risponde penalmente quando il fatto cagionato [2] sia conseguenza di un suo comportamento diretto a violare le norme oppure quando non abbia tenuto un determinata condotta imposta dalla legge.

La responsabilità penale del soggetto, invece, è esclusa quando il fatto illecito si è verificato per un fatto fortuito e inatteso [3].

 

La vittima del sinistro, che non ha indossato i dispositivi di sicurezza durante la circolazione stradale, con il suo comportamento ha partecipato alla realizzazione dell’incidente stradale [4]. Tuttavia, la responsabilità del fatto non può attribuirsi solo al comportamento del soggetto che non rispetta le norme della circolazione stradale sull’utilizzo delle cinture di sicurezza.

I giudici della Suprema Corte concludono sostenendo che colui che ha cagionato l’incidente risponderà a livello penale. La vittima del sinistro, invece, che non indossava le cinture di sicurezza avrà un risarcimento del danno minore per il suo comportamento colposo, ossia per la grave dimenticanza e disattenzione nell’indossare i dispositivi di sicurezza durante la guida del veicolo.

di ANTONELLA MURDACA

 

 

 

 

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 42429/2012.

[2] Art. 40 cod. pen.

[3] Si deve accertare la sussistenza di un evento interruttivo del nesso di causalità (cioè un accadimento abnorme o assolutamente imprevedibile) che sia da solo sufficiente a determinare l’evento.

[4] Art. 41 cod. pen.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI