Diritto e Fisco | Articoli

Agevolazioni prima casa militari e forze dell’ordine

27 Gennaio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 Gennaio 2018



Agevolazioni prima casa: gli appartenenti alle Forze armate e alle Forze dell’ordine non hanno l’obbligo di trasferimento della residenza entro 18 mesi dall’acquisto.

Tra le condizioni essenziali per beneficiare delle agevolazioni fiscali prima casa vi è l’obbligo di trasferimento della residenza entro 18 mesi dall’acquisto. Questo requisito non è però richiesto se l’acquirente appartiene alle Forze armate o alle Forze di polizia, in quanto a tali categorie di lavoratori non si può imporre l’obbligo di residenza, vista la particolare natura del servizio e il frequente cambiamento del luogo di lavoro.

Agevolazioni prima casa: quali sono

Le imposte da versare quando si compra con i benefici “prima casa” sono:

– se il venditore è un privato o un’impresa che vende in esenzione Iva

  • imposta di registro proporzionale nella misura del 2%
  • imposta ipotecaria fissa di 50 euro
  •  imposta catastale fissa di 50 euro

– se si acquista da un’impresa, con vendita soggetta a Iva

  • Iva ridotta al 4%
  • imposta di registro fissa di 200 euro
  • imposta ipotecaria fissa di 200 euro
  • imposta catastale fissa di 200 euro

Gli atti assoggettati all’imposta di registro proporzionale e tutti gli atti e le formalità necessari per effettuare gli adempimenti presso il catasto e i registri immobiliari sono esenti dall’imposta di bollo, dai tributi speciali catastali e dalle tasse ipotecarie.

Agevolazioni prima casa: quando si applicano

Per usufruire delle agevolazioni “prima casa”, l’abitazione che si acquista deveappartenere a una delle seguenti categorie catastali:

  • A/2 (abitazioni di tipo civile)
  • A/3 (abitazioni di tipo economico)
  • A/4 (abitazioni di tipo popolare)
  • A/5 (abitazioni di tipo ultra popolare)
  • A/6 (abitazioni di tipo rurale)
  • A/7 (abitazioni in villini)
  • A/11 (abitazioni e alloggi tipici dei luoghi).

Le agevolazioni “prima casa” non sono ammesse, invece, per l’acquisto di un’abitazione appartenente alle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli e palazzi di eminenti pregi artistici e storici).

Le agevolazioni spettano anche per l’acquisto delle pertinenze, classificate o classificabili nelle categorie catastali C/2 (magazzini e locali di deposito), C/6 (per esempio, rimesse e autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse o aperte), limitatamente a una pertinenza per ciascuna categoria.

È necessario, tuttavia, che le stesse siano destinate in modo durevole a servizio dell’abitazione principale e che questa sia stata acquistata beneficiando delle agevolazioni “prima casa”.

Inoltre, l’abitazione deve trovarsi nel territorio del comune in cui l’acquirente ha la propria residenza.

Se residente in altro comune, entro 18 mesi dall’acquisto l’acquirente deve trasferire la residenza in quello dove è situato l’immobile. La dichiarazione di voler effettuare il cambio di residenza deve essere contenuta, a pena di decadenza, nell’atto di acquisto.

Il cambio di residenza si considera avvenuto nella data in cui l’interessato presenta al comune la dichiarazione di trasferimento.

Si ha ugualmente diritto alle agevolazioni quando l’immobile si trova:

  • nel territorio del comune in cui l’acquirente svolge la propria attività (anche se svolta senza remunerazione, come, per esempio, per le attività di studio, di volontariato, sportive)
  • nel territorio del comune in cui ha sede o esercita l’attività il proprio datore di lavoro, se l’acquirente si è dovuto trasferire all’estero per ragioni di lavoro
  • nell’intero territorio nazionale, purché l’immobile sia acquisito come “prima casa” sul territorio italiano, se l’acquirente è un cittadino italiano emigrato all’estero.

La condizione di emigrato può essere documentata attraverso il certificato di iscrizione all’Aire o autocertificata con dichiarazione nell’atto di acquisto.

Agevolazioni prima casa Forze armate e Forze di polizia

Per il personale delle Forze armate e delle Forze di polizia non è richiesta la condizione della residenza nel comune di ubicazione dell’immobile acquistato con le agevolazioni prima casa.

La legge [1] prevede, infatti, che, ai fini della determinazione dell’aliquota relativa all’imposta di registro e all’imposta sul valore aggiunto da applicare ai trasferimenti di unità abitative non di lusso, acquistate dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare, nonché da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile non è richiesta la condizione della residenza nel comune ove sorge l’unità abitativa.

note

[1] Art. 66 L. n. 342/2000.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. salve,io ho acquistato l immobile a roma nel 2004 usufruendo di tutte le agevolazioni per le forze dell ordine,pur non avendo la residenza nel medesimo comune;pero da due anni il comune mi manda mi calcola le imposte come seconda casa.L anno scorso mi hanno mandato da pagare per imu 2012 e sto pagando perché equi roma mi disse che non si poteva applicare l agevolazione in quanto si parlava di abitazione principale(non prima casa)ma .per gli anni successivi quindi dal 2013 in poi si poteva applicare tale beneficio.Fiducioso dellla risposta non mi sono più preoccupato….ma ho sbegliato perché mi hanno mandato ancora da pagare.vado da equi roma e,mi sento dire che:è vero che c è tale beneficio ma,avrei dovuto fare una dichiarazione credo al comune,come se loro non sapessero che dovrei usufruire dei benefici visto tutte le imposte pagate precedentemente.Sto facendo ricorso da solo,ma credo di aver bisogno di un professionista…la somma che mi hanno richiesto è di circa 1.200 euro non pochi.Sarei felice se potesse aiutarmi.P.S faccio parte della polizia penitenziaria e lavoro a Roma

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI