Diritto e Fisco | Articoli

Canone Rai: dopo quale età non si deve più pagare?

11 febbraio 2013


Canone Rai: dopo quale età non si deve più pagare?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 febbraio 2013



Domanda: È vero che dopo 75 anni non si deve più pagare il canone RAI?

Risposta: si.

Il “canone RAI”, pagato da tutti i cittadini, in realtà per alcune categorie di utenti non è più obbligatorio.

Secondo la legge più recente infatti [1], le persone di età pari o superiore a 75 anni e con un reddito mensile non superiore a 516,46 euro (complessivo annuo pari a € 6.713,98), hanno diritto all’esenzione per il pagamento del canone rai.

Affinché si possa usufruire di questa esenzione è necessario presentare all’Agenzia delle Entrate la domanda di esenzione [2].

Il modello è presente alla sezione “Formule” di questo portale a questo indirizzo

Istanza di esenzione canone Rai

Chi ha già pagato il canone pur rientrando nei casi dell’esenzione può chiedere il rimborso di quanto ha pagato per gli anni passati, presentando istanza di rimborso all’Agenzia delle Entrate.

Istanza di esenzione canone rai con richiesta di rimborso

[1] Legge n. 248 del 24 dicembre 2007 art. 1 c.132.

[2] Modulo di dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445.

Avv. Floriana Baldino del foro di Trani (BT), esperta in diritto civile e tributario. Per contatti scrivere a: florianabaldino@gmail.com oppure telefonare a 3491996463

 

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

6 Commenti

  1. questa cosa vale anche per chi è residente nella stessa casa dell’anziano purchè l’anziano risulti capofamiglia?

  2. Salve!
    La legge prevede che er avere diritto all’esenzione occorre:

    – aver compiuto 75 anni di eta’ entro il termine di pagamento del canone;
    – non convivere con altri soggetti diversi dal coniuge titolari di reddito proprio;
    – possedere un reddito che unitamente a quello del proprio coniuge convivente, non sia superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilita’ (euro 6.713,98 annui).

    Quindi in sostanza la legge dice hanno diritto all’esonero chi ha 75 anni, purché l’abbonamento sia intestato all’anziano signore e purché il nucleo familiare non superi un reddito complessivo di euro 6.713,98 annui. Quindi se l’anziano ha intestato l’abbonamento e la famiglia è monoreddito, l’anziano signore ha diritto di chiedere l’esonero.
    Spero di essere stato sufficientemente chiaro, ad ogni modo se dovesse ancora avere dei dubbi non esiti a chiedere.
    La saluto cordialmente

  3. Buongiorno

    Mia mamma e una persona di anni 80 e percepisce mensilmente una penzione di euro 585, ora io mi chiedo, come mai pur avendo 80 anni debba pagare il canone solo per la differenza mensile di 68.54 euro? Grazie per la risposta

  4. Ho rivevuto una vostra lettera dall’ufficio dell’entrate a nome di mio padre , anni 86-invalidita’ al100%.La casa di via Solitro è a nome mio diciamo nuda proprietà.In quella casa vive lui con la moglie.Io abito in un’altra casa che pago il canone.Si può ottenere l’esonero.In attesa di una risposta

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI