Business | Articoli

Ticket sanitari addio? Ecco cosa cambia

12 Aprile 2017 | Autore:
Ticket sanitari addio? Ecco cosa cambia

Si va verso la riforma: ipotesi di una possibile abolizione. Questa l’idea del ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Ma vediamo quali potrebbero essere le altre novità.

Secondo la Lorenzin c’è la possibilità di eliminare i ticket sanitari e di coprire la manovra con misure alternative. Vediamo quali.

 

Riforma delle detrazioni fiscali

Prima di tutto con la riforma delle detrazioni fiscali per farmaci e spese mediche. Si pensa a una possibile abolizione della detrazione del 19% per i redditi alti. Resta il problema degli incapienti, cioè quei contribuenti che hanno un reddito basso e che non ha nessun beneficio fiscale. Si crea quindi un problema di coperture finanziarie. Questa strada sembra complessa e a meno che non si trova una via alternativa per monetizzarla sembra difficile da attuare.

L’alternativa sarebbe quella di stabilire una franchigia in base al reddito, più alta per le fasce più deboli e ridotta o abolita per i redditi più alti, al di sopra della quale le prestazioni sarebbero a pagamento.

Rivedere le soglie di esenzione

Altre idee guardano verso una revisione delle soglie di esenzione che oggi è a beneficio degli anziani con oltre 65 anni e un reddito non superiore a 35 mila euro che potrebbe essere ridotto, i disoccupati e i loro familiari a carico con un reddito non superiore a 8.500 euro (che potrebbe essere aumentato), i titolari di pensione sociale e i pensionati al minimo oltre i 60 anni.

Tagli di spesa

L’ultima ipotesi per trovare le giuste coperture guarda ai tagli della spesa sanitaria, consegnando il compito e la responsabilità alle singole regioni, che già gestiscono in modo autonomo il ticket sulla spesa farmaceutica, sulle prestazioni specialistiche e sugli accessi al pronto soccorso.

Secondo i dati di Eurostat il 6,5% degli non riesce più a soddisfare i bisogni sanitari a causa dei costi troppo elevati: tra i Paesi della zona euro solo in Grecia sono messi peggio.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube