Diritto e Fisco | Articoli

Farmacista momentaneamente assente durante il turno: è reato

4 dicembre 2012


Farmacista momentaneamente assente durante il turno: è reato

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 dicembre 2012



“Sono momentaneamente assente, chiamatemi a questo numero”: un messaggio che, al farmacista di turno, può costare la condanna per interruzione di pubblico servizio.

La Cassazione ha recentemente stabilito [1] che, quando la farmacia di turno risulti non reperibile all’utenza, vi è un obiettivo turbamento della regolarità del servizio farmaceutico.

Non rileva neanche il fatto che il farmacista assente abbia affisso un cartello con il proprio numero di telefono o che, nelle adiacenze, vi siano altre farmacie aperte e reperibili o addirittura vi sia il presidio urgente ospedaliero. La legge infatti garantisce ai cittadini l’accesso il più tempestivo e il meno disagevole possibile alle prestazioni pubbliche inerenti il servizio sanitario. La tutela della salute è infatti un bene tutelato dalla stessa Costituzione e non ammette deroghe.

Pertanto, ogni qualvolta il farmacista di turno non assicuri il tempestivo adempimento del servizio farmaceutico, vi è una condotta passibile di denuncia penale per interruzione o di sospensione del servizio.

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 46755 del 3.12.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI