Diritto e Fisco | Articoli

Offese del datore di lavoro: non necessariamente mobbing

15 Marzo 2013
Offese del datore di lavoro: non necessariamente mobbing

La singola sfuriata, anche se ingiustificata, del datore non è mobbing: c’è bisogno di continui e reiterati atti persecutori.

Un comportamento violento e maleducato del datore di lavoro nei confronti del dipendente non configura necessariamente mobbing: per provare tale fattispecie è invece necessario dimostrare un intento reiterato e persecutorio.

Lo ha precisato il Tribunale di Napoli in una recente sentenza [1].

Non rileva che il lavoratore sia dotato di una particolare sensibilità e che gli atteggiamenti del datore di lavoro siano arrivati a determinare, su di lui, una vera e propria patologia: perché si configuri il mobbing è piuttosto necessario il compimento di una sequela di atti, aventi oggettiva efficacia lesiva, animati dall’intento specifico di nuocere. In altre parole, il datore di lavoro deve porre una condotta protratta nel tempo, dove la persecuzione è finalizzata all’emarginazione del dipendente.

Non rientrano quindi nel mobbing le situazioni di malessere o disagio, riferibili esclusivamente alla sfera delle condizioni psicologiche e delle componenti caratteriali del lavoratore. Rileva piuttosto la sensibilità media dell’uomo comune.

Pertanto non qualsiasi screzio o scortesia o persino qualsiasi maleducazione o offesa possono dar luogo a una richiesta di risarcimento. Sono illecite solo le situazioni più gravi che ledono il rapporto lavorativo, a prescindere dalla sensibilità soggettiva del dipendente.


note

[1] Trib. Napoli, sent. n. 22735 del 25.09.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube