Business | Articoli

Rottamazione cartelle con il bancomat: come si fa?

12 Aprile 2017
Rottamazione cartelle con il bancomat: come si fa?

Equitalia ha lanciato Equipay, un nuovo servizio dedicato al pagamento attraverso gli sportelli bancomat delle cartelle rottamate. Ecco come funziona.

I contribuenti che hanno aderito – o che intendo farlo (si può infatti presentare domanda fino a venerdì 21 aprile) -, alla rottamazione delle cartelle Equitalia, potranno utilizzare per il pagamento anche uno sportello bancomat.

Chi potrà utilizzare il servizio?

Equipay, voluto dal presidente di Equitalia, Ernesto Maria Ruffini, è un sistema di pagamento dei debiti con cui si potranno saldare tutti i bollettini arrivati ai contribuenti che hanno presentato istanza di rottamazione. Su ogni bollettino saranno indicati l’importo, la scadenza del pagamento e il codice Rav che potrà essere utilizzato ai bancomat abilitati per saldare la rata.

Come funziona Equipay?

Ci si reca presso un Atm (Automated Teller Machine) di una banca aderente, si verifica che il saldo da pagare sia compatibile col limite di utilizzo del proprio bancomat e, successivamente, basterà selezionare la funzione Equipay relativa ai pagamenti.

Le banche aderenti ad Equipay

Equipay è nato anche grazie all’accordo sottoscritto con consorzio Cbi, che vede coinvolti 15mila bancomat del gruppo capitanato da Intesa San Paolo, Unicredit e Mps. E non finisce qui. Equipay, infatti, è anche un servizio utilizzabile tramite internet banking, uffici postali, tabaccai, circuiti Sisal e Lottomatica.

 

Incassi già per 5,5 miliardi con Equipay

Le istanza di adesione già presentate ammontano circa a 600mila. Le prime 500mila riguardano debiti stimati per 5,5 miliardi di euro, un incasso potenziale che aumenterà notevolmente se si considera la scadenza del 21 aprile.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube