HOME Articoli

Lo sai che? Invalidità e permessi Legge 104

Lo sai che? Pubblicato il 2 febbraio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 febbraio 2018

Chi ha ottenuto il riconoscimento dell’invalidità ha diritto ai permessi Legge 104?

Hai ottenuto il riconoscimento di una percentuale d’invalidità piuttosto alta e ti stai chiedendo come mai il datore di lavoro non ti ha riconosciuto i permessi mensili? Devi sapere che questi permessi, i cosiddetti permessi Legge 104 [1], non sono collegati al possesso di una determinata percentuale d’invalidità, ma al riconoscimento di un handicap grave. Non tutti coloro a cui è stata riconosciuta l’invalidità hanno diritto ai permessi Legge 104, in quanto non tutti gli invalidi hanno un handicap.

Ma procediamo per ordine e vediamo, in merito a invalidità e permessi Legge 104, quali sono le differenze tra handicap e invalidità, e quando si ha diritto ai permessi e alle altre agevolazioni riconosciute dalla Legge 104.

Invalidità, handicap e Legge 104

Innanzitutto va chiarito che l’invalidità consiste nella riduzione della capacità lavorativa, mentre l’handicap è la condizione di svantaggio sociale derivante da una disabilità o da una menomazione. Esistono numerose agevolazioni per i portatori di handicap; sul punto leggi Handicap: quali benefici fiscali per i disabili?

La Legge 104 è la normativa quadro che contiene disposizioni in materia di assistenza, integrazione sociale e diritti delle persone handicappate.

I destinatari principali delle disposizioni contenute nella Legge 104 sono i portatori di handicap, ai quali spettano benefici diversi a seconda della propria condizione: portatori di handicap in situazione di gravità, portatori di handicap non grave o portatori di handicap superiore ai 2/3.

Sono, poi, riconosciute diverse agevolazioni anche a chi assiste un soggetto portatore di handicap.

Domanda di invalidità ed handicap per il riconoscimento dei benefici Legge 104

Per domandare il riconoscimento dell’handicap, e dei conseguenti benefici, come i permessi Legge 104, si deve seguire la stessa procedura valida per il riconoscimento dell’invalidità, perché l’iter è stato unificato dall’Inps: è importante, però, che oltre all’invalidità si richieda il riconoscimento dell’handicap, nel certificato medico introduttivo.

Passando agli aspetti pratici, la procedura di riconoscimento dell’handicap prevede il compimento di una serie di adempimenti. Innanzitutto, il soggetto interessato deve richiedere al proprio medico curante il certificato medico introduttivo, contenente la diagnosi riguardo alla particolare condizione di disabilità, che dovrà essere inviato telematicamente all’Inps. Al richiedente dovrà poi essere rilasciato il numero di protocollo del certificato. Deve poi essere presentata domanda di accertamento dei requisiti sanitari all’Inps, esclusivamente con modalità telematiche, tramite il sito dell’istituto (per chi dispone delle credenziali di accesso), il contact center o il patronato: l’Inps fisserà un appuntamento presso l’apposita commissione medica, o una visita domiciliare, se si è impossibilitati a spostarsi. Per approfondire: Domanda d’invalidità.

Una volta effettuata la visita medica dall’apposita commissione, questa dovrà pronunciarsi riconoscendo o meno la condizione di portatore di handicap, fermo restando che contro il verbale della commissione medica è possibile fare ricorso.

Permessi Legge 104

Ottenuto il riconoscimento dell’handicap, a prescindere dalla percentuale d’invalidità riconosciuta, il disabile o le persone che lo assistono hanno diritto a numerose agevolazioni.

Tra le principali si ricordano i permessi retribuiti Legge 104, fruibili dal lavoratore portatore di handicap grave o dal familiare che lo assiste, alternativamente, in due ore di permesso giornaliero retribuito [2] o in tre giorni di permesso mensile retribuito, anche in maniera continuativa [3].

Altre agevolazioni Legge 104

Tra le altre agevolazioni collegate al riconoscimento dell’handicap, ricordiamo:

  • il congedo straordinario di due anni, che non spetta al soggetto disabile, ma al familiare convivente (sino al 3° grado) che lo assiste: si tratta, appunto, di un congedo della durata massima di due anni nell’arco dell’intera vita lavorativa; l’agevolazione non è prevista direttamente dalla Legge 104, ma dal Testo unico Maternità Paternità, ed è collegata allo stato di handicap grave dell’assistito;
  • il prolungamento del congedo parentale sino a un massimo di 3 anni, per il lavoratore che assiste un figlio portatore di handicap grave minore di 12 anni; in alternativa al prolungamento del congedo parentale e alle due ore di permesso giornaliero retribuito, i genitori del bambino disabile in situazione di gravità accertata hanno diritto alla fruizione di 3 giorni di permesso mensile retribuito coperto da contribuzione figurativa, anche in maniera continuativa;
  • infine, in base alle previsioni della Legge 104, il dipendente portatore di handicap grave, beneficiario di Legge 104 o che assiste un parente portatore di handicap grave, ha il diritto di scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferito in altra sede, senza il suo consenso.

note

[1] L. 104/1992.

[2] Art. 33 co. 2 della L. 104/1992.

[3] Art. 33 co. 3 della L. 104/1992.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. io sono diabetica e mi hanno riconosciuto il 46% d invalidita’ , chiedevo io posso usufruire del permesso 104 visto che vado spesso a visite di controllo?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI