Diritto e Fisco | Articoli

Comunicazione valida anche se il lavoratore rifiuta la lettera di contestazione disciplinare

7 dicembre 2012


Comunicazione valida anche se il lavoratore rifiuta la lettera di contestazione disciplinare

> Diritto e Fisco Pubblicato il 7 dicembre 2012



Il rifiuto del lavoratore a ricevere la lettera di contestazione disciplinare deve considerarsi equivalente all’avvenuta comunicazione.

Abbiamo già avuto modo di parlare del fatto che il datore di lavoro non può adottare alcun provvedimento disciplinare nei confronti del lavoratore senza avergli prima contestato l’addebito e senza averlo sentito (Il procedimento disciplinare e le sanzioni nei confronti dei lavoratori).

Qualche giorno fa, la Corte di Cassazione [1] ha inoltre chiarito che, in un procedimento disciplinare, qualora il lavoratore si rifiuti di ricevere la lettera di contestazione, tale comunicazione si considera come se fosse realmente notificata. Infatti, il comportamento del lavoratore non può costituire un danno per il datore di lavoro che ha rispettato la procedura disciplinare.

Il caso

Nel caso di specie, il lavoratore aveva rifiutato la lettera di contestazione perché consegnatagli dagli ispettori, mentre egli ne aveva richiesto l’invio a casa.

La Corte ha ritenuto infondate le motivazioni del lavoratore, ritenendo legittima la comunicazione, anche se consegnata dagli ispettori, in quanto espressione del potere disciplinare del datore di lavoro.

di ANDREA BORSANI

note

[1] Cass. sent. n. 21017 del 27.11.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI