Business | Articoli

Nel 730 anche gli scontrini per medicinali senza ricetta

11 Aprile 2017 | Autore:
Nel 730 anche gli scontrini per medicinali senza ricetta

Al via l’operazione “precompilata”. Sono circa 900 milioni i dati che i contribuenti italiani, a partire dal 18 aprile, troveranno nel loro 730 precompilato.

Saranno tutte informazioni trasmesse al Fisco da parte di: farmacie, ottici, medici, banche, amministratori di condominio, Inps, forme di previdenza complementare, assicurazioni, università e imprese funebri.

 

Le spese sanitarie nel 730 precompilato 

Dati sempre più in aumento. A farla da padrona sicuramente le spese mediche.

Nel 2016 sono pervenuti all’Agenzia delle Entrate oltre 500 milioni di documenti fiscali, tra scontrini, ricevute e fatture. Il quadro E1 del 730, dedicato alle spese mediche detraibili, è stato precompilato per un importo totale di quasi 29 miliardi. Aumento sicuramente dovuto al fatto che, tra gli altri, anche ottici, psicologi, infermieri, ostetriche hanno dovuto trasmettere i dati delle loro operazioni al sistema sanitario.

Mentre lo scorso anno erano stati disponibili nel precompilato solo i farmaci acquistati dietro prescrizione medica, quest’anno trovano collocazione anche gli scontrini per medicinali acquistabili senza ricetta.

Per conoscere l’elenco completo delle spese mediche detraibili: Spese sanitarie detraibili nel 730: l’elenco completo

Gli altri dati nel precompilato

Per ciò che concerne gli altri dati, sostanzialmente invariate restano quelli riguardanti le certificazioni uniche inviate (61,2 milioni). Dati in linea con l’anno precedente anche per interessi passivi dei mutui (8,3 milioni) e contributi di colf e badanti (3,3 milioni). In aumento invece, i dati tramessi dalle assicurazioni, 93,9 milioni di dati, rispetto agli 84,4 milioni del 2016.

Precompilata 2017: novità

Ma quali sono le novità che i contribuenti troveranno nella dichiarazione precompilata 2017? Tra queste è bene evidenziare le spese detraibili per lavori in condominio e la comunicazione dei rimborsi relative alle spese universitarie.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube