Diritto e Fisco | Editoriale

Tessera elettorale persa: che fare?

11 marzo 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 marzo 2018



Elezioni, dove recuperare la tessera elettorale persa? Cosa fare in caso di furto, cambio di residenza o di abitazione, certificato rovinato o senza spazi?

Con le elezioni del 4 marzo alle porte, è importante verificare se, oltre alla carta di identità in corso di validità, si ha a portata di mano la tessera elettorale. Senza quel documento, infatti, non è possibile esercitare il proprio diritto/dovere di votare. Può succedere che, dopo l’ultima volta che ci si è recati ai seggi, non ci si ricordi più dov’è stata messa. E la domanda scatta in automatico: ho perso la tessera elettorale, che fare?

Non solo: e se la tessera si è rovinata, l’accettano lo stesso al seggio o devo cambiarla? E, visto che in Italia si vota oggi sì e domani pure tra politiche, amministrative e regionali, è probabile che gli spazi per l’apposito timbro del presidente del seggio siano, ormai esauriti. Ce ne mettono uno sopra l’altro o devo chiedere una tessera elettorale nuova?

E ancora: se cambio residenza perché vado a vivere in un’altra città o cambio abitazione all’interno dello stesso Comune devo richiedere un’altra tessera elettorale?

Come diciamo spesso, una domanda alla volta, una risposta alla volta.

Tessera elettorale: che cos’è?

Domanda che, probabilmente, si pongono quelli che per la prima volta devono recarsi presso un seggio elettorale ad esercitare il proprio diritto al voto, cioè quelli che hanno compiuto da poco i 18 anni. Gli altri dovrebbero saperlo. Sempre che non abbiano snobbato da tempo le elezioni.

La tessera elettorale è il documento che – insieme alla carta di identità – consente, appunto, di esercitare il diritto al voto. Al compimento del 18° anno di età, il cittadino viene iscritto nelle liste elettorali del Comune di residenza, ed assegnato ad una sezione elettorale preso la quale si dovrà recare a votare. È a questo punto che riceve la tessera elettorale, gratuita e permanente: può essere utilizzata, infatti, finché non vengano esauriti i 18 spazi disponibili e deve essere usata in occasione di ogni elezione o referendum. Quindi, potenzialmente, una tessera elettorale potrebbe durare anche l’arco di un’intera vita.

La tessera elettorale, pertanto, contiene:

  • la sezione elettorale ed i collegi elettorali di appartenenza;
  • la sede in cui votare;
  • i 18 spazi per l’apposizione del timbro da parte del presidente del seggio ad ogni tornata elettorale o ad ogni consultazione referendaria.

Tessera elettorale persa: come recuperarla?

Se la tessera elettorale è stata smarrita, bisogna chiedere un duplicato in Comune. Prima, però, è necessario effettuare la denuncia di smarrimento che può essere presentata presso i Carabinieri o la Polizia, ma anche al Comando dei Vigili urbani, in quanto alla Polizia municipale viene riconosciuta la competenza di Polizia giudiziaria e di pubblica sicurezza.

Subito dopo ci si dovrà recare in Comune per ottenere il duplicato della tessera elettorale. Insieme alla richiesta andrà esibita anche la denuncia di smarrimento.

L’interessato deve, poi, compilare una apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (quella comunemente conosciuta come autocertificazione), prodotta al momento della stampa del duplicato. Il duplicato viene, di norma, rilasciato a vista, senza dover attendere.

L’interessato può delegare al ritiro del duplicato anche un altro soggetto (per esempio un familiare). A tal fine quest’ultimo dovrà presentarsi con un proprio documento d’identità valido, una fotocopia del documento di identità del soggetto delegante, una procura in carta semplice sottoscritta da quest’ultimo, e consegnare il modulo di richiesta compilato e firmato dal delegante medesimo.

La stessa procedura va fatta in caso di furto della tessera elettorale. Ovviamente, al posto della denuncia di smarrimento, occorrerà presentarne una di furto.

Tessera elettorale rovinata o spazi esauriti: cosa devo fare?

Lo dicevamo poco fa: a momenti, in Italia è più frequente votare che vedere la propria squadra vincere il campionato (juventini zitti, per piacere, che si può votare anche due volte l’anno). E così, tira fuori la tessera, metti via la tessera, ritira fuori la tessera e rimettila via, quel povero pezzo di carta finisce per diventare uno straccio. C’è anche chi la dimentica nella tasca del cappotto e si ricorda di averla lasciata là solo quando ritira il capo dalla lavanderia.

I più premurosi, cioè quelli che trattano la tessera elettorale come fosse una tela di Picasso, a forza di votare così spesso possono ritrovarsi, ad un certo punto, esauriti gli spazi destinati ai timbri, come il cartoncino dell’abbonamento al bar quando si sono bevuti i 10 caffè al prezzo di 9.

Che fare?

In questi due casi, è sempre possibile chiedere il duplicato presentando in Comune o la tessera deteriorata o quella completa.

Tessera elettorale: se cambio residenza o abitazione devo farne una nuova?

Che succede con la tessera elettorale se uno va a vivere in un’altra città o due isolati più in là all’interno dello stesso Comune?

In caso di trasferimento di residenza da un Comune ad un altro, quello di nuova iscrizione nelle liste elettorali provvederà a inviare una nuova tessera elettorale al domicilio dell’elettore, previo ritiro di quella vecchia già in suo possesso.

Invece, qualora l’elettore cambi l’abitazione (ma rimanga sempre nello stesso Comune), riceverà un tagliando di aggiornamento da applicare sulla tessera. Se non ha ancora ricevuto la tessera presso il proprio domicilio, l’elettore può recarsi all’Ufficio Elettorale del comune di residenza e ritirarla presentando un documento di riconoscimento.

Se c’è una variazione della sezione elettorale, l’ufficio competente aggiornerà la tessera e trasmetterà per posta all’interessato un tagliando adesivo con le variazioni da applicare nell’apposito spazio della tessera.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI