Diritto e Fisco | Articoli

L’agente immobiliare matura il compenso già con il contratto preliminare

6 dicembre 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 dicembre 2012



Domanda: Ho concluso un compromesso (contratto preliminare) grazie all’attività di una agenzia e il mediatore vuole il suo compenso nonostante poi non ho firmato il rogito definitivo dal notaio per varie ragioni. Devo pagare l’agente?

Risposta: Si. L’agente immobiliare matura il diritto al compenso già quando le parti stipulano il contratto preliminare di vendita (compromesso) [1].

Il diritto al compenso dell’agente immobiliare sorge alla “conclusione dell’affare” e, per giurisprudenza consolidata, l’affare si intende concluso quando, grazie all’attività mediatrice dell’agente, venditore e acquirente  costituiscono un valido vincolo giuridico quale è il contratto preliminare [2].

L’agente immobiliare viene pagato per la sua attività di mediazione tra le parti interessate alla vendita e all’acquisto di un immobile e, pertanto, il suo compenso è dovuto anche se, nonostante il compromesso, il contratto finale di compravendita non viene più concluso.

 

 

note

[1] Trib. di Rovigo, sent. del 30 novembre 2012.

[2] Cass., sent. n. 9676/2007.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI