HOME Articoli

Lo sai che? Chiavi nel cruscotto: multati e non rimborsati

Lo sai che? Pubblicato il 6 dicembre 2012

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 6 dicembre 2012

Lasciare le chiavi attaccate al cruscotto può costare due volte caro al conducente: si rischia infatti non solo una multa, ma anche di non vedersi risarciti dall’assicurazione in caso di furto.

“Durante la sosta e la fermata, il conducente deve adottare le opportune cautele atte a impedire l’uso del veicolo senza il suo consenso”, da parte di terzi. Questa norma, imposta dal codice della strada [1], viene spesso dimenticata dagli automobilisti, disattenti nel lasciare le auto con i finestrini aperti o con le chiavi attaccate alla plancia comandi. La conseguenza è che condotte di questo tipo potrebbero giustificare una multa da 80 a 318 euro.

La stessa regola vale anche per i veicoli a due ruote.

In caso di furto del veicolo determinato dalla colpa grave del conducente, l’assicurazione non è tenuta a risarcire il proprietario del mezzo. Rientrerebbe in tale ipotesi di esonero della responsabilità da parte dell’assicuratore, secondo la Corte di Appello di Napoli [2], l’aver lasciato l’auto con le chiavi attaccate al cruscotto, per vedere da cosa dipende un rumore al telaio.

Il proprietario è quindi responsabile dell’omissione di ogni tutela relativa al possesso dell’auto.

 

note

[1] Art. 158 cod. str.

[2] Corte App. Napoli, sent. 3905/2012 del 29.11.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

Hai un dubbio giuridico, curiosità che ti piacerebbe conoscere? Chiedicelo

CERCA CODICI ANNOTATI