| Articoli

Come cambiare operatore telefonico

17 Febbraio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 17 Febbraio 2018



La scelta di cambiare gestore di telefonia mobile è molto frequente, specialmente qualora si voglia approfittare delle offerte proposte dagli operatori. Vediamo come fare.

Il cellulare non è più solo uno strumento per fare veloci telefonate o inviare messaggi: da quando la tecnologia ha rivoluzionato l’esistenza di tutti noi, il cellulare è diventato imprescindibile sia sotto il profilo personale che professionale. Avere accesso alle mail e alle applicazioni di messaggistica istantanea, poter scansionare documenti direttamente dal proprio device, oltre naturalmente a tutte quelle ulteriori attività più rilassanti e per il tempo libero, sono solo alcune delle infinite possibilità che un telefono cellulare – con una connessione ad internet integrata nel piano telefonico – può offrire. Diventa quindi fondamentale scegliere fra le offerte che gli operatori telefonici del settore propongono, in modo da optare per la soluzione che sia maggiormente utile alle singole esigenze del consumatore, essendoci chi può necessitare di un piano con minuti di chiamate illimitate e pochissimi sms ma molti giga byte di connessione, o viceversa poche chiamate ma molti sms. Vediamo quindi assieme come procedere nel caso in cui si sia trovata un’offerta allettante, o magari semplicemente non si sia più soddisfatti del vecchio piano tariffario, e si sia deciso di cambiare operatore telefonico.

Cambiare operatore telefonico: perchè conviene

Avere un piano internet e voce con messaggistica sms sul proprio telefono celllulare è praticamente un obbligo per chiunque, professionisti e non. Le esigenze variano a seconda dell’uso che si fa del proprio dispositivo, in quanto molti professionisti lo utilizzano non tanto per scambiare comunicazioni rapide via messaggio con i colleghi, o leggere la posta elettronica, ma anche per lavorarci da remoto (si pensi a tutti coloro che svolgono professioni inerenti i social media, giusto per fare un esempio). La convenienza nel modificare il piano tariffario deriva dal fatto che il mercato della telefonia è in continuo movimento, e gli operatori telefonici offrono costantemente – a volte a ritmi anche abbastanza vertiginosi – nuove promozioni, a volte legate all’età dei consumatori, o vincolate a particolari momenti dell’anno o festività e ricorrenze. Il cambio di operatore telefonico può essere utile non soltanto dal punto di vista del rendere il proprio piano tariffario maggiormente vicino alle abitudini di consumo dell’utente, ma anche e soprattutto dal punto di vista economico, in quanto si sta parlando in ogni caso di una spesa fissa – a prescindere dal fatto che si opti per un abbonamento o per un piano ricaribile – che nel lungo periodo incide non poco sui costi che tutti sosteniamo periodicamente. Monitorare le campagne promozionali degli operatori telefonici è quindi di sicuro una buona strategia non solo per adeguare il proprio piano tariffario alle esigenze di volta in volta necessarie, ma anche per risparmiare un po’ sulla spesa dell’utenza telefonica. Come si cambia il piano telefonico?

Cambiare operatore telefonico: come fare

Cambiare operatore telefonico è più semplice di quanto si possa pensare. Una volta individuato il nuovo gestore, e il nuovo piano tariffario desiderato, basterà andare presso uno dei centri del nuovo operatore di telefonia mobile, portando con sé documenti d’identità e codice fiscale. Se il nuovo piano tariffario riguarderà la stessa sim già posseduta, e quindi non si desidera avere un nuovo numero, bisognerà inoltre avere con sé anche la propria sim, in quanto occorrerà per effettuare la portabilità del numero di cellulare. Con la portabilità verrà quindi cambiato il piano tariffario mantendendo però sempre lo stesso numero telefonico, senza dover acquistare un’altra sim.

La gestione materiale della pratica del passaggio dal vecchio operatore al nuovo gestore di telefonia mobile viene effettuata direttamente dal nuovo operatore nel punto vendita, dove verranno fornite le specifiche del nuovo contratto da firmare e si procederà poi con il passaggio alla nuova compagnia telefonica (le tempistiche possono variare, ma generalmente si tratta di pochi giorni, durante i quali peraltro è possibile continuare ad utilizzare il numero di sempre).

note

Autore immagine: Pixabay.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI