HOME Articoli

Lo sai che? Anche per le suocere invadenti scatta la “violazione di domicilio”

Lo sai che? Pubblicato il 7 dicembre 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 dicembre 2012

Può commettere reato di violazione di domicilio la suocera che vuole restare a casa del figlio contro la volontà della nuora.

Le mamme italiane, si sa, sono sempre un po’ assillanti, specie poi quando diventano suocere: così, se si ostinano a rimanere in casa del figlio, contro la volontà della nuora, possono incorrere nel reato di violazione di domicilio.

Nonostante fosse stata messa ripetutamente alla porta dalla nuora, un’anziana signora siciliana perseverava nel rimanere accanto al figlio poiché comproprietario dell’immobile e schieratosi a favore della permanenza della madre.

La nuora: “Ora basta! Vai via da questa casa!”

La suocera: “No, questa è anche casa di mio figlio e, poiché lui vuole che io rimanga, non me ne vado!”

Voi, a chi dareste ragione tra le due?

Il giudizio della Cassazione [1] è stato severo nei confronti della vecchietta: così per lei è scattata una condanna penale per violazione di domicilio.

Secondo la Suprema Corte, infatti, basta anche il dissenso di uno solo dei comproprietari dell’immobile a garantire il diritto a “mettere alla porta” gli estranei (siano essi anche congiunti).

Infatti, in qualsiasi caso di convivenza, anche quindi per le coppie di fatto, la legge tutela la “casa” come luogo ove si estrinseca la libertà individuale. Per cui il consenso di uno dei due comproprietari non può mai prevalere sul dissenso degli altri comproprietari. L’inviolabilità del domicilio è sacra per tutti.

 

note

[1] Cass. sent. n. 47500/12 del 6.12.2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Penso: oggi sei nuora o genero, domani sarai suocera o suocero e raccoglierete esattamente cio’ che avrete seminato. Meditate gente, meditate.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI