Concorso scuola 2018 docenti abilitati, quali materie studiare?

18 febbraio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 febbraio 2018



Su quali materie e argomenti ci si deve preparare per superare il nuovo concorso scuola per i docenti?

È una sola la prova per i candidati che parteciperanno al nuovo concorso scuola 2018, riservato ai docenti abilitati e valido per accedere al 3° anno di percorso Fit: si tratta, in particolare, di una prova orale di natura didattico- metodologica, che consiste in una lezione simulata e nella spiegazione delle scelte formative e del metodo d’insegnamento in relazione ai contenuti disciplinari e al contesto scolastico indicati dalla commissione. La commissione deve anche accertare la conoscenza della lingua straniera, che dovrà risultare almeno al livello B2.

Possono partecipare alla selezione, per le classi di concorso della scuola secondaria e il sostegno, i docenti già abilitati o che possiedono la specializzazione per il sostegno: il punteggio massimo che può essere assegnato a seguito dello svolgimento della prova orale è di 40 punti, mentre un massimo di 60 punti può essere assegnato per i titoli posseduti e il servizio pregresso.

I vincitori del concorso devono poi superare con una valutazione positiva un anno di formazione e di tirocinio, per essere immessi in ruolo.

Ma procediamo per ordine e vediamo, innanzitutto, quali materie studiare per il concorso scuola 2018 docenti abilitati.

Quali argomenti studiare per il concorso scuola 2018

Gli argomenti sui quali è necessario prepararsi per superare il nuovo concorso scuola sono numerosi: alcuni differiscono a seconda delle classi di concorso, altre competenze sono comuni a tutti.

In particolare, nella prova orale viene valutata la padronanza delle specifiche discipline in relazione alle competenze metodologiche e di progettazione didattica e curricolare, anche mediante l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

I requisiti curricolari e professionali, in ordine ai settori disciplinari previsti da ciascuna classe di concorso devono essere:

  • la padronanza dei contenuti dei campi di esperienza e delle discipline di insegnamento e dei loro fondamenti, per realizzare una formazione efficace e una corretta organizzazione del lavoro, adottare opportuni strumenti di verifica dell’apprendimento, valutare gli alunni e realizzare strategie per il miglioramento continuo dei percorsi messi in atto;
  • la conoscenza dei fondamenti della psicologia dello sviluppo, della psicologia dell’apprendimento scolastico e della psicologia dell’educazione;
  • le conoscenze pedagogico-didattiche e le competenze sociali finalizzate all’attivazione di una positiva relazione educativa e alla promozione di apprendimenti significativi e in contesti interattivi, in stretto coordinamento con gli altri docenti che operan nella classe, nella sezione, nel plesso scolastico e con l’intera comunità professionale della scuola;
  • la capacità di progettazione curriculare della disciplina;
  • la conoscenza di modalità e strumenti per attuare una didattica individualizzata e personalizzata, coerente con i bisogni formativi dei singoli alunni, con particolare attenzione all’obiettivo dell’inclusione degli alunni con disabilità e ai bisogni educativi speciali;
  • le conoscenze nel campo dei media per la didattica e degli strumenti interattivi per la gestione della classe;
  • la conoscenza delle problematiche legate alla continuità didattica e all’orientamento;
  • la conoscenza dei principi dell’autovalutazione di istituto, con particolare riguardo all’area del miglioramento del sistema scolastico;
  • la conoscenza approfondita delle indicazioni nazionali vigenti per la scuola dell’infanzia e del primo ciclo, delle indicazioni nazionali per i licei e delle linee guida per gli istituti tecnici e professionali, anche in relazione al ruolo formativo attribuito ai singoli insegnamenti;
  • la conoscenza della legislazione e della normativa scolastica, con particolare riguardo:
  • o   alla Costituzione italiana;
  • o   alla legge sulla Buona Scuola;
  • o   all’autonomia scolastica e organizzazione del sistema educativo di istruzione e formazione;
  • o   agli ordinamenti didattici;
  • o   alla governance delle istituzioni scolastiche;
  • o   allo stato giuridico del docente, al contratto di lavoro, alla disciplina del periodo di formazione e prova;
  • o   ai compiti e finalità degli organi tecnici di supporto;
  • o   al sistema nazionale di valutazione;
  • o   alla normativa specifica per l’inclusione degli alunni disabili, con disturbi specifici di apprendimento e con bisogni educativi speciali;
  • o   alle linee guida nazionali per l’orientamento permanente;
  • o   alle linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri;
  • o   alle linee di indirizzo per favorire il diritto allo studio degli alunni adottati;
  • o   alle linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo e al cyberbullismo;
  • o   alla conoscenza dei documenti europei in materia educativa recepiti dall’ordinamento italiano.

Quali materie studiare per il concorso scuola 2018

In base a quanto esposto, per prepararsi alla prova orale al concorso docenti è fondamentale non solo padroneggiare le specifiche materie relative alle classi di concorso per cui ci si candida, ma possedere anche particolari competenze didattiche, pscicologiche, pedagogiche, di progettazione, valutative, e normative.

Per quanto riguarda le materie da studiare caratterizzanti ciascuna classe di concorso, queste sono elencate in un apposito decreto [2], limitatamente alle parti e per i contenuti riguardanti le classi di concorso della scuola secondaria di primo e secondo grado, assieme alle finalità e agli obiettivi correlati all’insegnamento di ciascuna disciplina.

Ad esempio, il decreto spiega che l’insegnamento di scienze giuridico economiche è finalizzato a far acquisire allo studente strumenti conoscitivi per saper utilizzare i principali concetti relativi all’economia e all’organizzazione dei processi produttivi e dei servizi.

La padronanza delle specifiche discipline è valutata anche in rapporto alle competenze metodologiche e di progettazione didattica mediante l’utilizzo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Sostegno concorso scuola 2018

In merito ai candidati per il sostegno, deve essere valutata la competenza nelle attività di sostegno agli studenti con disabilità. In particolare, devono essere valutate le attività volte alla definizione di ambienti di apprendimento, alla progettazione didattica e curricolare, per garantire l’inclusione e il raggiungimento di obiettivi adeguati alle possibili potenzialità e alle differenti tipologie di disabilità, anche mediante l’impiego delle tecnologie normalmente in uso presso le istituzioni scolastiche

Informatica e lingua straniera nel concorso scuola 2018

La prova orale, nel concorso 2018 per i docenti abilitati, è finalizzata anche alla valutazione del livello di padronanza di una lingua straniera comunitaria. Il livello di conoscenza della lingua deve essere almeno pari al B2, ma non è necessario il previo possesso di una certificazione.

Per le classi di concorso di lingua straniera la prova orale si svolge interamente nella lingua stessa, inclusa l’illustrazione delle scelte didattiche e metodologiche in relazione ai contenuti disciplinari indicati dalla commissione.

Per quanto riguarda le conoscenze informatiche, nella prova sono valutate anche le competenze digitali inerenti all’uso e le potenzialità delle tecnologie e dei dispositivi elettronici multimediali più efficaci per potenziare la qualità dell’apprendimento, anche con riferimento al Piano Nazionale Scuola Digitale.

Domande concorso scuola 2018

Ricordiamo infine che, per partecipare al concorso, i docenti possono inviare le domande dalle ore 9 di martedì 20 febbraio fino alle 23.59 del 22 marzo 2018, esclusivamente online attraverso il sito dedicato.

note

[1] G.U. IV serie Concorsi ed Esami del 16/02/2018.

[2] All. A DM 95/2016.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI