Business | Articoli

Def: dalla riforma del catasto alle accise sui tabacchi

15 Aprile 2017
Def: dalla riforma del catasto alle accise sui tabacchi

Nel documento varato martedì non è previsto il calo dell’Irpef, c’è il taglio del cuneo fiscale, la conferma delle accise e molto altro.

Doveva essere il Def per lo sviluppo e, soprattutto, senza tasse. Ma, a quanto pare, nel documento reso pubblico ieri, insieme al Piano nazionale delle riforme, c’è ben altro.

Accise confermate

Sono stati tutti confermati gli aumenti delle accise sui tabacchi e sui giochi. E sono stati previsti interventi volti a recuperare base imponibile e ad accrescere la fedeltà fiscale.

Professionisti senza Iva

Novità anche per le società controllate direttamente o indirettamente dallo Stato, di diritto o di fatto, le società controllate di diritto dagli enti pubblici territoriali, le società quotate inserite nell’indice Ftse Mib della Borsa italiana e i liberi professionisti. Tutte queste categorie pagheranno l’Iva direttamente al Fisco e non più ai fornitori: si tratta dell’applicazione dello split payment, che partirà dal primo luglio di quest’anno.

Riforma del catasto

Una delle novità più rilevanti è senza dubbio quella che riguarda la riforma del catasto: una riclassificazione delle abitazioni che dovrebbe essere a invarianza di gettito ma che, si tradurrà, molto probabilmente in un esborso maggiore per i proprietari, quelli che affittano le seconde case e per i portali tipo Airbnb.

Niente tagli dell’Irpef

Della riduzione delle imposte sui redditi non c’è traccia. Si parla solo di un taglio al cuneo fiscale, ovvero al costo del lavoro, del quale in parte vi avevamo anticipato i primi dettagli (leggi Taglio del cuneo fiscale del 4% per neoassunti). Vi terremo aggiornati.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube