Diritto e Fisco | Articoli

Pagare in contanti o in assegno: 10 cose da sapere

26 Febbraio 2018 | Autore:
Pagare in contanti o in assegno: 10 cose da sapere

Contanti, assegni, libretti al portatore: tutti i limiti, i divieti e le regole da rispettare.

Pago in contanti, assegno o libretto al portatore? La scelta non deve essere adottata solo sulla base di ragioni di comodità o praticità, ma anche nella consapevolezza delle regole riguardanti i vari strumenti di pagamento. In particolare occorre chiedersi: cosa cambia tra contanti, assegni e libretti? A cosa è opportuno prestare attenzione per non sbagliare? Quali sono i limiti di utilizzo dei contanti o degli assegni?

L’Associazione Bancaria Italiana ha pubblicato un vademecum utile per consigliare i cittadini e ricordare loro le principali regole di utilizzo degli strumenti di pagamento: assegni, libretti al portatore e contanti. In particolare vengono semplificate le regole previste dalle norme in materia di antiriciclaggio e di contrasto al finanziamento del terrorismo.

Limiti pagamento in contanti

La legge vieta i trasferimenti di contanti e titoli al portatore di importo superiore a 3mila euro tra soggetti non abilitati (per esempio banche). Più precisamente è vietato il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, siano essi persone fisiche o giuridiche, quando il valore oggetto di trasferimento, è complessivamente pari o superiore a 3.000 euro.

Il trasferimento superiore a questo limite, quale che ne sia la causa o il titolo, è vietato anche quando è effettuato con più pagamenti, inferiori alla soglia, che sono appositamente frazionati e può essere eseguito esclusivamente per il tramite di banche, Poste italiane S.p.a., istituti di moneta elettronica e istituti di pagamento.

Il trasferimento effettuato per il tramite degli intermediari bancari e finanziari avviene mediante disposizione accettata per iscritto dagli stessi, previa consegna ai medesimi intermediari della somma in contanti. A decorrere dal terzo giorno lavorativo successivo a quello dell’accettazione, il beneficiario ha diritto di ottenere il pagamento nella provincia del proprio domicilio.

Limiti pagamento con assegni

La legge vieta l’emissione di assegni bancari e postali per importi superiori a mille euro privi dell’indicazione del beneficiario o della clausola di non trasferibilità.

I moduli di assegni bancari e postali sono rilasciati dalle banche e da Poste Italiane S.p.A. muniti della clausola di non trasferibilità. Il cliente può richiedere, per iscritto, il rilascio di moduli di assegni bancari e postali in forma libera.

Sono inoltre vietati:

  • assegni bancari e postali emessi all’ordine del traente, girati per finalità diverse dall’incasso;
  • assegni circolari, vaglia postali e cambiari emessi senza l’indicazione del beneficiario o della clausola di non trasferibilità. Gli assegni circolari, vaglia postali e cambiari sono emessi con l’indicazione del nome o della ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità. Il rilascio di assegni circolari, vaglia postali e cambiari, di importo inferiore a 1.000 euro può essere richiesto, per iscritto, dal cliente senza la clausola di non trasferibilità
  • Il richiedente di assegno circolare, vaglia cambiario o mezzo equivalente, intestato a terzi ed emesso con la clausola di non trasferibilità, può chiedere il ritiro della provvista previa restituzione del titolo all’emittente.

Limiti libretti di risparmio e al portatore

La legge prevede il divieto di trasferimento di libretti al portatore; questi ultimi, ove esistenti, sono estinti dal portatore entro il 31 dicembre 2018. In caso di violazione del divieto si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 250 a 500 euro.

É vietata l’apertura in qualunque forma di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia: la violazione comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di un importo che va da 3mila a 50mila euro.

E’ inoltre vietato l’utilizzo, in qualunque forma, di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia aperti presso Stati esteri; la violazione comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di un importo che va dal 10% al 40% del saldo.

Pagamenti: 10 cose da sapere

In sintesi, dunque, quando si sceglie lo strumento di pagamento (contanti, assegni, libretti al portatore) occorre prestare attenzione alle seguenti regole:

Limiti contanti

E’ vietato il trasferimento tra privati, senza avvalersi dei soggetti autorizzati (ad esempio banche), di denaro contante e di titoli al portatore (ad esempio assegni senza indicazione del beneficiario) di importo complessivamente pari o superiore a 3.000 euro;

Limiti assegni

Gli assegni bancari, circolari o postali di importo pari o superiore a 1.000 euro devono riportare – oltre a data e luogo di emissione, importo e firma – l’indicazione del beneficiario e la clausola “non trasferibile”. Fai quindi attenzione se utilizzi un modulo di assegno che hai ritirato in banca da molto tempo e verifica se l’assegno reca la dicitura “non trasferibile”. Se la dicitura non è presente sull’assegno ricordati di apporla per importi pari o superiori a 1.000 euro;

Moduli assegni

Le banche, alla luce delle disposizioni di legge, consegnano automaticamente alla clientela assegni con la dicitura prestampata di non trasferibilità;

Assegni in forma libera

Chi vuole utilizzare assegni in forma libera, per importi inferiori a 1.000 euro, può farlo presentando una richiesta scritta alla propria banca;

Assegno “non trasferibile”

Per ciascun assegno rilasciato o emesso in forma libera e cioè senza la dicitura “non trasferibile” è previsto dalla legge il pagamento a carico del richiedente l’assegno di un’imposta di bollo di 1,50 euro che la banca versa allo Stato;

Conti o libretti anonimi

E’ vietata l’apertura di conti o libretti di risparmio in forma anonima o con intestazione fittizia ed è anche vietato il loro utilizzo anche laddove aperti in uno Stato estero; i libretti di deposito, bancari e postali, possono essere emessi solo in forma nominativa e cioè intestati ad una o più determinate persone;

Scadenza libretti al portatore

Per chi detiene ancora libretti al portatore è prevista una finestra di tempo per l’estinzione, con scadenza il 31 dicembre 2018, resta comunque vietato il loro trasferimento;

Sanzioni contanti

In caso di violazioni per la soglia dei contanti e degli assegni (come la mancata indicazione della clausola “Non trasferibile”) la sanzione varia da 3.000 a 50.000 euro;

Sanzioni libretti al portatore

Per il trasferimento dei libretti al portatore la sanzione può variare da 250 a 500 euro. La stessa sanzione si applica nel caso di mancata estinzione dei libretti al portatore esistenti entro il termine del 31 dicembre 2018;

Sanzioni libretti e conti anonimi

Per l’utilizzo, in qualunque forma, di conti o libretti anonimi o con intestazione fittizia la sanzione è in percentuale e varia dal 10 al 40% del saldo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube