Diritto e Fisco | Editoriale

Chi lavora a Natale?

3 Marzo 2018 | Autore:
Chi lavora a Natale?

Medici, supermercati, forze dell’ordine, giornalisti, ristoratori, volontari, addetti al turismo. E anche noi. Quelli che non si fermano neanche il 25 dicembre.

Sicuramente anche a loro piacerebbe essere a casa con la famiglia, godersi la felicità nella faccia dei bambini che stanno giocando con i regali appena scartati sotto l’albero, sedersi a tavola per non rialzarsi più prima di andare a letto. Ma certi mestieri non distinguono i giorni feriali da quelli festivi, nemmeno se uno di questi ultimi è la festa per eccellenza. C’è chi lavora a Natale per scelta o per dovere, perché i turni sono turni e, ben che vada, sa che potrà restare a casa a Capodanno.

Ci sono servizi e strutture che non possono fermarsi mai: il trasporto pubblico, gli ospedali, la ristorazione, la sicurezza, i mass media. E ci sono delle attività che, più recentemente, si sono aggiunte a quelle di chi lavora a Natale, come i call center, la maggior parte dei supermercati o alcuni negozi. Non senza polemiche: i consumatori si dividono tra chi non trova giusto andare a comprare un paio di calze o un chilo di mele proprio il 25 dicembre e chi approfitta dell’apertura per recuperare quello che ha dimenticato il giorno prima, quello dell’assalto a capponi, lasagne pronte, panettoni e antipasti.

Vediamo, allora, chi lavora a Natale e perché.

Chi lavora a Natale negli ospedali

L’ospedale è una delle strutture dove proprio non è possibile interrompere l’attività nemmeno durante le feste, che sia Natale, Capodanno o Pasqua. Seppur a ranghi ridotti, come in altri giorni festivi, le strutture sanitarie devono garantire le cure sanitarie a chi è ricoverato ed essere pronte a ricevere eventuali emergenze.

Tra chi lavora a Natale, dunque, troviamo medici e infermieri, ma anche addetti alle pulizie delle corsie e delle camere e personale del Pronto soccorso e, dove previsto, addetti alla sicurezza, come la persona che si trova all’ingresso per controllare chi entra e chi esce. Senza dimenticare il personale delle case di cura e delle case di riposo.

Chi lavora a Natale nella ristorazione

Non tutti sono portati per la cucina o hanno voglia di lavare la montagna di piatti sporcati da una famiglia che quel giorno si moltiplica senza pietà. Così, molti decidono di andare a mangiare al ristorante, approfittando del fatto che lì troveranno, sicuramente, chi lavora a Natale: cuochi ed aiuto cuochi che preparano un menù già stabilito, camerieri che quel giorno fanno qualche chilometro in più del previsto avanti e indietro tra la cucina e la sala, lavapiatti che la sera torneranno a casa con le mani di un ottantenne, responsabili di sala che tenteranno di garantire ordine nel servizio.

La ristorazione è fatta anche di bar e tavole calde che restano aperti il giorno di Natale per chi non bada troppo alla festa e si accontenta di una pizza al volo o di un panino, oppure per chi vuole continuare il pomeriggio con un caffè, una bevanda calda o un amaro (fai anche due, che fa freddo) in compagnia di parenti o amici. Lavora a Natale, dunque, pure il barista sotto casa come quello della piazza piena di turisti e di famiglie imbacuccate in cappotti, sciarpe e cappellini di lana. Camerieri pronti a tirare una certa ora se arriverà l’ondata di clienti per l’aperitivo lungo.

Chi lavora a Natale nel turismo

In città come nei posti di villeggiatura, devono sacrificare (anziché santificare) la festa gli addetti agli impianti turistici ed alberghieri. Chi lavora a Natale in uno di questi posti deve, dunque, fare (oltre a seguire la ristorazione) l’addetto alla reception e alle pulizie degli alberghi, la guida turistica, l’addetto alle seggiovie e cabinovie negli impianti di risalita colmi di appassionati dello sci, il pilota del battello che porta a vedere le meraviglie dei laghi.

Chi, invece, vuole passare qualche ora al caldo del cinema o del teatro troverà a lavorare il giorno di Natale il personale della biglietteria, il barista, l’addetto che materialmente fa partire il film oppure, naturalmente, gli attori che salgono sul palco a recitare, oltre al resto dello staff della compagnia. Lavorano anche loro.

Chi lavora a Natale nel trasporto pubblico

Treni, bus, aerei e taxi sono in movimento tutto l’anno. Quindi lavora a Natale anche il personale addetto al trasporto pubblico, dal capotreno al conducente del convoglio, dall’autista del bus urbano a quello del pullman che viaggia da una città all’altra, dal pilota e l’equipaggio dell’aereo al personale dell’aeroporto (sicurezza, check in e, ovviamente, ristoranti, bar e negozi interni).

Lavorano i tassisti in una giornata in cui, comunque, la gente si muove e non tutti hanno la macchina o la possibilità di prendere un mezzo alternativo.

Lavorano i parcheggiatori, quelli degli autosilos e, perché non dirlo, anche quelli abusivi. Alla fine si tratta, come abbiamo detto, di una giornata movimentata, soprattutto dopo pranzo.

E lavorano i casellanti delle autostrade che, a turno, devono garantire il servizio.

Chi lavora a Natale al supermercato

Da qualche anno, i supermercati aprono i battenti praticamente 365 giorni all’anno. Alcuni perfino 24 ore al giorno (sarebbe curioso sapere chi è che va a fare la spesa alle 2.30 di notte e se l’incasso fatto con i clienti notturni compensa il costo dell’apertura, per dire). Ci sono dei punti vendita che il 25 dicembre sono a disposizione dei clienti solo la mattina, nel caso qualcuno avesse dimenticato qualcosa o volesse acquistare della carne o della verdura fresca o degli antipasti già pronti per il pranzo di Natale. Altri, invece, già che ci sono, tengono aperto tutto il giorno.

Quindi lavora a Natale anche la cassiera del supermercato, l’addetto al banco della carne, del pesce o della gastronomia, chi riempie gli scaffali, chi prepara i piatti pronti, chi assiste la clientela.

Chi lavora a Natale nei mass media

Se accendete la tv o la radio vedete e ascoltate qualcosa, vero? Vuol dire che tra chi lavora a Natale ci sono anche le persone che fanno andare in onda programmi, telegiornali o giornali radio.

I media non si fermano mai, quindi lavora a Natale il giornalista, il tecnico audio, il conduttore, il montatore, il cameraman, il grafico, l’operatore di emissione, la costumista, la truccatrice e chiunque abbia un ruolo più o meno visibile per poter far funzionare la macchina della televisione e della radio.

Più fortunati i giornalisti della carta stampata: di norma, i quotidiani non vanno in edicola né il giorno di Natale (la vigilia riescono a stare a casa con le famiglie) né il giorno di Santo Stefano (sono a casa anche il 25 dicembre). Tuttavia, alcuni di loro devono essere sul posto di lavoro per aggiornare le rispettive pagine web. Nemmeno quelle si fermano.

Chi lavora a Natale nei call center

A Natale non si ricevono telefonate commerciali (ci mancherebbe pure). Ma c’è chi lavora a Natale in altri call center. Sono quelli che devono essere a disposizione dei cittadini 24 ore al giorno e 365 giorni all’anno, ad esempio, nelle grandi aziende che forniscono utenze (le società del gas, dell’energia elettrica, della telefonia) o in quelle che devono garantire assistenza per acquisti online.

Chi lavora a Natale come volontario

C’è chi lavora a Natale come volontario perché lo fa tutto l’anno o perché, in via eccezionale, decidono di concedere un po’ del loro tempo a chi ha bisogno anche di un po’ di compagnia, proprio in una giornata come quella.

Lavora a Natale il Vigile del fuoco ed il volontario della Croce Rossa o del 118, sperando di non dover intervenire. Lavorano i volontari della Protezione civile. Ma pure chi il 25 dicembre fa l’animatore negli ospedali o nelle case di riposo per portare qualche ora di gioia a chi soffre o a chi è da solo, senza parenti. Persone a cui basta, come retribuzione, un sorriso di chi, di solito, il sorriso non ce l’ha.

Chi lavora a Natale nelle forze dell’ordine

Quello della sicurezza pubblica è un altro dei settori che non può stare mai fermo, soprattutto di questi tempi. Quindi lavora a Natale il poliziotto, il carabiniere, il militare della Guardia di Finanza, il soldato impegnato a controllare i punti sensibili e maggiormente a rischio della città o quello che, dalla caserma, è chiamato a fare il proprio dovere.

Lavora a Natale il militare impegnato in una missione all’estero senza guardare troppo il calendario. E, purtroppo o per fortuna, lavora anche il vigile urbano. I cittadini sperano sempre che pure loro, a Natale, siano più buoni e facciano qualche multa in meno per divieto di sosta.

Chi lavora a Natale a La Legge per Tutti

Eh, si. Lavora a Natale anche lo staff della nostra testata. La Legge per Tutti è attiva tutto l’anno, comprese le feste in cui si può avere più tempo a disposizione per essere informati sui propri diritti leggendo i nostri articoli. Autori e tecnici di La Legge per Tutti trovano sempre il momento per aggiornare gli argomenti e proporre nuovi temi e per mantenere il sito sempre funzionante e pronto per la vostra lettura. Che volete, siamo fatti così: stakanovisti siamo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube