Diritto e Fisco | Articoli

Condomini morosi: si possono sapere i nomi?

3 marzo 2018


Condomini morosi: si possono sapere i nomi?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 3 marzo 2018



Ho letto in rete che è mio diritto conoscere i condomini morosi del mio stabile e avere anche i relativi dati anagrafici. È corretto?

L’art. 63 disp. att. cod. civ. prevede l’obbligo dell’amministratore di comunicare ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino i dati dei condomini morosi. Si tratta di una norma che prevede espressamente l’obbligo di comunicazione a terzi (nello specifico, i creditori delcondominio) dei dati relativi ai condomini non in regola col pagamento degli oneri a loro carico.

Nulla dice invece la norma circa la possibilità degli altri condomini di richiedere all’amministratore i suddetti dati, probabilmente perché la legge dà per scontato che gli altri proprietari che vivono nel medesimo stabile abbiano ben a mente i nominativi dei loro vicini di casa.

Tuttavia ciò a volte può non essere possibile, pertanto la Corte di Cassazione è intervenuta con una propria sentenza[1] la quale ha stabilito che “Ai sensi dell’art. 4 del d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196, “dato personale”, oggetto di tutela, è “qualunque informazione” relativa a “persona fisica, giuridica, ente o associazione”, che siano “identificati o identificabili”, anche “indirettamente mediante riferimento a qualsiasi altra informazione” ed in tale nozione sono riconducibili i dati dei singoli partecipanti ad un condominio, raccolti ed utilizzati per le finalità di cui agli artt. 1117 ss cod. civ.; tuttavia ragioni di buon andamento e di trasparenza giustificano una comunicazione di questi dati a tutti i condomini, non solo su iniziativa dell’amministratore in sede di rendiconto annuale, di assemblea, o nell’ambito delle informazioni periodiche trasmesse nell’assolvimento degli obblighi scaturenti dal mandato ricevuto, ma anche su richiesta di ciascun condomino, il quale è investito di un potere di vigilanza e di controllo sull’attività di gestione delle cose, dei servizi e degli impianti comuni, che lo facoltizza a richiedere in ogni tempo all’amministratore informazioni sulla situazione contabile del condominio, comprese quelle che riguardano eventuali posizioni debitorie degli altri partecipanti.”

Come è dato evincersi dalla suddetta sentenza quindi, ciascun condomino – proprio perché titolare in proprio di un potere di vigilanza e di controllo sull’attività di gestione delle cose comuni – ha la facoltà di richiedere all’amministratore tutte le informazioni sulla situazione contabile del condominio ivi comprese quelle che riguardano le posizioni debitorie dei singoli proprietari.

[1] Si tratta di Cass. civ., sez. III, 23 gennaio 2013, n. 1593

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Enrico Braiato

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI