Diritto e Fisco | Articoli

Buoni postali fruttiferi: quale interesse?

4 marzo 2018


Buoni postali fruttiferi: quale interesse?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 marzo 2018



I buoni postali non sono titoli di credito: per il calcolo degli interessi contanti i dati risultanti dal testo dei buoni di volta in volta sottoscritti.

Hai chiesto il rimborso dei tuoi buoni postali che hai conservato per molti anni; ora però ti sei accorto che ti sono stati applicati dei datti di interesse più bassi rispetto a quelli stampati sul buono stesso. Non sei l’unico. È capitato a molti possessori di buoni postali. Diciamo la verità: sui buoni postali lo Stato ha fatto una gran confusione. E questo perché all’origine del problema c’è un errore di stampa: sul retro dei buoni postali di serie Q era rimasta stampato il tasso d’interesse (più alto) previsto per la serie P. Con una recente sentenza [1] la Cassazione tenta di rimettere mano alla questione e a chiarire ancora una volta cosa sono i buoni postali fruttiferi e quale interesse viene applicato .

Buoni serie AB-AA e a termine

L’emissione dei buoni postali è stata disciplinata originariamente dal d.P.R. n. 156/1973 ai sensi del quale gli uffici postali potevano rilasciare buoni di risparmio nominativi rimborsabili a vista presso gli uffici di emissione. Al momento del rimborso dei buoni, venivano corrisposti gli interessi maturati in base alla tabella riportata sulla parte posteriore dei buoni.

Con decreto ministeriale del 16 giugno 1984 veniva istituita una serie speciale di buoni postali fruttiferi cosiddetti a termine. Questi avrebbero avuto durata di 6 o 9 anni ed alla loro scadenza sarebbe stato corrisposto, unitamente al capitale, un interesse pari rispettivamente ad una o due volte il capitale stesso. L’art. 10 del decreto ministeriale citato chiariva poi che «sono, a tutti gli effetti, titoli della nuova serie speciale “a termine”, oltre ai buoni postali fruttiferi contraddistinti con le lettere “AB” che saranno forniti dal Poligrafico dello Stato, i buoni della precedente serie “AA” emessi dagli uffici postali dal 1° luglio 1984 in poi». L’art. 10 così continuava: «su questi ultimi verranno apposti, a cura degli uffici postali, 2 bolli: uno sulla parte anteriore, con la dicitura “Serie AB-AA”, l’altro sul retro, recante la misura dei nuovi tassi ed i nuovi termini di scadenza».

Nel caso di specie deciso dalla Cassazione si trattava di buoni sul retro dei quali era stato apposto il timbro “a termine” e quello “serie AB-AA” ed indicata la scadenza di 5 o 8 anni con prescrizione del diritto del titolare ad ottenerne il rimborso entro 5 anni decorrenti dal primo gennaio del nono anno solare successivo all’emissione; era altresì precisato che agli stessi sarebbe stato riconosciuto un tasso di interesse fino al ventesimo anno dall’emissione medesima. È quindi legittimo che il risparmiatore ottenga detto interesse per tutti e 20 gli anni vista la prevalenza delle clausole aggiunte al modulo o formulario.

Buoni serie P/O e Q

Secondo la Cassazione a Sezioni Unite [2], solo per i buoni postali successivi al 1986 è possibile ricevere, da Poste Italiane, interessi in misura inferiore rispetto al saggio indicato sul retro del documento. Per quelli anteriori, invece, resta obbligatorio il rendimento in vigore all’epoca dell’acquisto del buono. In pratica Poste Italiane può modificare i tassi di rendimento dei buoni postali emessi dopo il 1986 poiché in tale data è stato emanato un decreto del Presidente della Repubblica volto a disciplinare la materia. Per quelli della serie anteriore resta pur sempre la possibilità di modifiche unilaterali degli interessi ma solo se disposta con decreto del Ministero del Tesoro e comunicata agli acquirenti mediante pubblicazione del decreto stesso.

La serie “P/O” dei buoni fruttiferi postali venne istituita con il decreto ministeriale 16 giugno 1984  che, all’articolo 5 stabilì che «sono, a tutti gli effetti, titoli della nuova serie ordinaria, oltre ai buoni postali fruttiferi contraddistinti con la lettera “P”, che verranno forniti dal Poligrafico dello Stato, i buoni della precedente serie “O” emessi dagli uffici postali dal 1° luglio 1984 in poi. Su questi ultimi, verranno apposti, a cura degli uffici postali, due bolli: uno sulla parte anteriore, con la dicitura “Serie P/O”, l’altro, sul retro, recante la misura dei nuovi tassi».

Il Decreto ministeriale del 1986 che ha modificato i saggi di interesse su libretti e buoni postali di risparmio ha istituto una nuova serie di buoni postali fruttiferi: la serie Q con decorrenza 1° luglio 1986. Il Dm stabilisce che, «sul montante dei buoni postali fruttiferi di tutte le serie precedenti a quella contraddistinta con la lettera “Q”, compresa quella speciale riservata agli italiani residenti all’estero, maturato alla data del 1° gennaio 1987, si applicano, a partire dalla stessa data, i saggi di interesse fissati col presente decreto, per i buoni della serie “Q”. Per i buoni della serie “P” emessi dal 1° gennaio 1986 al 30 giugno 1986, i nuovi saggi decorreranno dal 1° luglio 1987 e si applicheranno sul montante maturato a questa ultima data».

All’epoca, in tutti gli uffici postali venivano affissi e periodicamente aggiornati dei manifesti informativi contenenti tutte le condizioni vigenti per i servizi di BancoPosta, ora sostituiti con i fogli informativi.

Pertanto gli interessi sul buono fruttifero postale serie “P/O” in possesso dei risparmiatori vanno calcolati tenendo conto di quanto sopra specificato, risultando all’epoca possibile apportare variazioni al saggio di interesse originariamente riportato sul titolo al momento della sua emissione.

Il Dm del 1986 precisa infine che, oltre ai buoni postali fruttiferi contraddistinti con la lettera Q, sono titoli di nuova serie ordinaria:

  • i buoni della precedente serie P emessi dal 1° luglio 1986: per questi è prevista l’apposizione, da parte degli uffici postali, di due timbri (uno sulla parte anteriore con la dicitura Q/P) e l’altro su quella posteriore recante la misura dei nuovi tassi;
  • per i buoni della serie P emessi dal 1° gennaio 1986 al 30 giugno 1986, i nuovi saggi decorreranno dal 1° luglio 1987 e si applicheranno sul montante maturato a quest’ultima data.

Dunque, anche a questi buoni serie P (emessi prima della entrata in vigore del D.m.) è applicabile la modifica sui tassi; modifica che, anche se non risultante da alcun timbro, si presumerà però conosciuta dai portatori dei titoli. In tali casi, infatti, gli importi da corrispondere al momento del pagamento, saranno calcolati non più in base alla tabella posta sul retro degli stessi titoli, bensì al rendimento previsto dal successivo decreto; ciò in quanto le variazioni ai tassi «sono state rese note mediante pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e dunque con modalità idonee a tutelare il risparmiatore».

note

[1] Cass. ord. n. 4761/18 de 28.02.2018.

[2] Cass. Civ. SS. UU., sentenza n. 13979 del  15.06.2007.

Corte di Cassazione, sez. I Civile, ordinanza 13 ottobre 2017 – 28 febbraio 2018, n. 4761
Presidente Tirelli – Relatore Di Marzio

Fatti di causa

1. – Con sentenza del 9 ottobre 2013 la Corte d’appello di Venezia ha respinto l’impugnazione proposta da S.S. e S.A. nei confronti di Poste Italiane S.p.A. contro la sentenza del Tribunale di Belluno che aveva accolto la loro domanda, errando tuttavia nella determinazione dell’importo da corrispondere, volta ad ottenere il rimborso di due buoni postali fruttiferi del valore nominale di 1 milione di Lire emessi il 4 dicembre 1984 ed il 19 dicembre 1984, ed ha invece accolto l’impugnazione incidentale spiegata da Poste Italiane S.p.A., rigettando l’originaria domanda spiegata contro di essa e condannando i S. a restituire quanto percepito in esecuzione della sentenza impugnata.
A fondamento della decisione la Corte territoriale, ricostruito il quadro normativo ritenuto applicabile alla materia, ha affermato che i buoni in discorso non erano titoli di credito, come sostenuto dai S. , ma titoli di legittimazione, e non possedevano perciò il carattere della letterarietà proprio dei titoli di credito; doveva pertanto ritenersi che il diritto al rimborso fosse esclusivamente regolato dal decreto ministeriale 16 giugno 1984, che ne aveva disciplinato l’emissione, trattandosi cioè di buoni “a termine” della “serie AB/AA“, sicché non aveva rilievo la stampigliatura apposta sul retro dei medesimi, che richiamava i buoni della “serie P/O” ed indicava la misura degli interessi fino al 200 anno, con conseguente prescrizione, eccepita da Poste Italiane S.p.A., del diritto al rimborso.
2. – Per la cassazione della sentenza S.S. e S.A. hanno proposto ricorso affidato ad un solo articolato motivo. Poste Italiane S.p.A. ha resistito con controricorso.

Ragioni della decisione

1. – Il ricorso contiene un solo motivo svolto sotto la rubrica: “Art. 360 n. 3-5 c.p.c.. Violazione e falsa applicazione di norme di diritto con riferimento agli artt. 3-5-8-10 D.M. Min. Tesoro 16.06.1984, art. 1342 c.c.. Omesso esame circa un fatto decisivo del giudizio che è stato oggetto di discussione tra le parti“.
Il ricorrente, esclusa l’applicabilità alla controversia dei principi formulati da questa Corte, attesa la diversità della fattispecie, con la sentenza 16 dicembre 2005, n. 27809, e poi con la pronuncia delle Sezioni Unite del 15 giugno 2007, n. 13979, ha affermato di non aver mai sostenuto che i buoni fruttiferi avessero natura di titoli di credito, ed ha posto l’accento sulla stampigliatura aggiunta sul retro di essi, dalla quale emergeva che i titoli appartenevano ad una serie ordinaria e producevano interessi per vent’anni, sicché non potevano essere ricondotti, come aveva fatto la Corte d’appello, ad una serie speciale a termine ed alla previsione di cui all’articolo 8 del decreto ministeriale indicato in rubrica, bensì all’articolo 5 dello stesso decreto, decreto che, contrariamente a quanto sembrava avesse ritenuto la Corte veneziana, disciplinava non soltanto i titoli della serie speciale, ma anche quelli della serie ordinaria, mentre la prevalenza della stampigliatura rispetto al residuo contenuto letterale del titolo derivava inoltre dalla previsione dell’articolo 1342 c.c. sulla prevalenza delle clausole aggiunte al modulo o formulario.
2. – Il ricorso va accolto.
All’epoca dell’emissione dei titoli oggetto del contendere la materia era regolata dal d.p.r. 29 marzo 1973, n. 156, recante: “Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative in materia postale, di bancoposta e di telecomunicazioni“. Ai sensi dell’articolo 171, rubricato “Emissione di buoni postali fruttiferi“, era stabilito che: “gli uffici postali, nei limiti e con le modalità indicate dal regolamento, rilasciano buoni postali di risparmio nominativi, rimborsabili a vista presso gli uffici di emissione“. Le modalità di rimborso venivano fissate dall’articolo 178, ai sensi del quale i buoni venivano pagati presso gli uffici di emissione, o presso altri uffici “nei limiti di taglio in cui sono autorizzati ad emetterli, con le condizioni e modalità indicate dal regolamento“. Per quanto concerne la misura degli interessi da corrispondere, l’art. 173 prevedeva originariamente, per quanto rileva, che “gli interessi vengono corrisposti a seconda della tabella riportata a tergo dei buoni“.
Con il decreto ministeriale 16 giugno 1984, recante: “Modificazioni dei saggi d’interesse sui libretti e sui buoni postali di risparmio“, pubblicato in G.U. del 26 agosto 1984, n. 174, è stata istituita, con effetto dal 10 luglio dello stesso anno, una serie speciale di buoni postali fruttiferi “a termine“, contraddistinta con le lettere “AB” (così l’articolo 7 del decreto ministeriale). Ai sensi del successivo articolo 8 dello stesso decreto: “I buoni della nuova serie speciale avranno durata di sei o nove anni e, alla scadenza, verrà corrisposto, unitamente al capitale, un interesse pari rispettivamente ad una o due volte il capitale stesso. Qualora venisse richiesto il rimborso anticipato dei buoni di cui al precedente comma, si applicheranno le misure dei tassi di interesse vigenti per i buoni postali fruttiferi della serie ordinaria, contraddistinta dalla lettera P, diminuite di 50 centesimi“; l’art. 10 dello stesso decreto, poi, chiariva che “sono, a tutti gli effetti, titoli della nuova serie speciale a termine, oltre ai buoni postali fruttiferi contraddistinti con le lettere AB che saranno forniti dal Poligrafico dello Stato, i buoni della precedente serie “AA” emessi dagli uffici postali dal 1 luglio 1984 in poi“. L’art. 10 così continua: “su questi ultimi verranno apposti, a cura degli uffici postali, due bolli: uno sulla parte anteriore, con la dicitura Serie AB-AA, l’altro sul retro, recante la misura dei nuovi tassi ed i nuovi termini di scadenza“.
Ciò premesso, vale rammentare che questa Corte ha da tempo chiarito che i buoni postali fruttiferi non hanno natura di titoli di credito ma vanno considerati titoli di legittimazione ai sensi dell’articolo 2002 c.c. (Cass. 16 dicembre 2005, n. 27809; Cass., Sez. Un., 15 giugno 2007, n. 13979) e che, nondimeno, “il vincolo contrattuale tra emittente e sottoscrittore dei titoli” è “destinato a formarsi proprio sulla base dei dati risultanti dal testo dei buoni di volta in volta sottoscritti” (così testualmente Cass., Sez. Un., 15 giugno 2007, n. 13979, concernente una fattispecie, diversa da quella in esame, in cui si trattava di stabilire se la previsione risultante dal citato decreto del 1984, che prevedeva la triplicazione del capitale al nono anno, potesse trovare applicazione nei riguardi di buoni emessi nel 1986, dai quali risultava che la triplicazione avrebbe avuto luogo all’ottavo anno).
Ha dunque errato la Corte veneziana nell’affermare così e semplicemente che “i buoni debbono essere considerati solo e soltanto alla stregua di quanto disposto dal citato decreto e quindi, nel caso, come buoni a termine, esattamente come previsto dalla normativa che regola”, occorrendo viceversa scrutinare il testo dei buoni in discorso nel loro complesso.
Orbene, detti titoli recano in alto a destra il timbro “a termine“, in basso a destra il timbro “Serie AB-AA” e sul retro il timbro “B.F.P. SERIE P/O AI SEGUENTI TASSI: / 9% FINO AL 3 ANNO / 11% DAL 4 ALL’8 ANNO / 13% DAL 9 AL 15 ANNO / 15% DAL 16 AL 20° ANNO“. Ha rilievo, inoltre, la presenza della dicitura “buono fruttifero a termine” sul retro dei titoli, seguita dalla frase: “Il presente buono ha la durata di 5 o 8 anni. Alla scadenza dei suddetti periodi verrà corrisposta la somma sotto specificata, comprensiva di capitale ed interessi“. Sempre sul retro dei titoli, prima dello spazio riservato alla quietanza, si legge: “Il buono non riscosso al compimento dell’8 anno cessa di essere fruttifero e l’avente diritto può ottenerne il rimborso entro il termine di prescrizione di cinque anni a decorrere dal 1 gennaio del 9 anno solare successivo a quello di emissione“. Occorreva pertanto, secondo l’insegnamento di questa Corte alla luce del quale il vincolo contrattuale tra emittente e sottoscrittore dei titoli è destinato a formarsi essenzialmente sulla base dei dati risultanti dal testo dei buoni di volta in volta sottoscritti, procedere ad una valutazione, beninteso complessiva e non atomistica, del dato testuale, considerando se la menzione della “SERIE P/O” ed il riferimento alla progressione temporale dei tassi di interesse fosse o no, nel quadro del complessivo contenuto del titolo, ed in considerazione delle prescrizioni imposte dal decreto, da ritenere univocamente decisiva, scrutinando altresì la ricorrenza dei presupposti per l’eventuale applicazione della previsione dettata dall’articolo 1342, primo comma, c.c., concernente la prevalenza delle clausole aggiunte al modulo o formulario.
3. – La sentenza è cassata e la causa rinviata alla Corte d’appello di Venezia, che si atterrà al principio in forza del quale i buoni postali fruttiferi non hanno natura di titoli di credito ma vanno considerati titoli di legittimazione ai sensi dell’articolo 2002 c.c. e, nondimeno, il vincolo contrattuale tra emittente e sottoscrittore dei titoli è destinato a formarsi proprio sulla base dei dati risultanti dal testo dei buoni di volta in volta sottoscritti, e provvederà anche sulle spese di questo giudizio di legittimità.

P.Q.M.

accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia anche per le spese alla Corte d’appello di Venezia in diversa composizione.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Buonasera, sul vostro sito scrivete:
    “Buoni serie P/O e Q
    Secondo la Cassazione a Sezioni Unite [2], solo per i buoni postali successivi al 1986 è possibile ricevere, da Poste Italiane, interessi in misura inferiore rispetto al saggio indicato sul retro del documento. Per quelli anteriori, invece, resta obbligatorio il rendimento in vigore all’epoca dell’acquisto del buono. ”
    Siccome siete autorevoli e molto seguiti, dovreste correggere. Perché è vero esattamente IL CONTRARIO di quanto da voi sopra affermato. Non avrete difficoltà a verificare rileggendo Cassazione 2007. Cordiali saluti.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI