HOME Articoli

Lo sai che? Assegno di super invalidità 2018

Lo sai che? Pubblicato il 7 marzo 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 7 marzo 2018

Aumentano, nel 2018, gli importi degli assegni di superinvalidità riconosciuti agli invalidi per causa di servizio e ai titolari di pensioni di guerra.

Aumenta, per l’anno 2018, l’importo dell’assegno di super invalidità, al quale hanno diritto gli invalidi di guerra e gli invalidi per causa di servizio. A seguito della variazione percentuale, pari allo 0,4%, dell’indice delle retribuzioni contrattuali degli operai dell’industria, esclusi gli assegni familiari, tra il periodo agosto 2016 – luglio 2017 e il periodo precedente agosto 2015 – luglio 2016, l’Inps ha difatti provveduto ad aggiornare le tabelle che fissano gli importi dell’assegno.

Ma procediamo per ordine e vediamo come funziona l’assegno di super invalidità 2018, chi ne ha diritto ed a quanto ammonta.

Come funziona l’assegno di superinvalidità

L’assegno di super invalidità è una prestazione riconosciuta a favore degli invalidi di guerra e per causa di servizio, in aggiunta alla pensione principale, ossia alla pensione di guerra o alla pensione privilegiata.

Chi ha diritto all’assegno di superinvalidità

L’assegno di super invalidità era inizialmente riconosciuto dalla sola legislazione pensionistica di guerra [1], in favore dei militari e dei civili vittime di combattimenti titolari di pensione di guerra.

In seguito, grazie all’adeguamento delle pensioni dei mutilati ed invalidi per servizio alla normativa prevista per le pensioni di guerra [2], il beneficio è stato esteso ai lavoratori del pubblico impiego (assicurati presso le casse della ex gestione Inpdap) invalidi per causa di servizio.

In particolare, l’estensione del beneficio della super invalidità vale per i dipendenti pubblici per i quali sia stata:

  • riconosciuta la causa di servizio con iscrizione a categoria tabellare;
  • concessa la relativa pensione privilegiata, o assegno rinnovabile [3].

L’assegno di super invalidità è riconosciuto in presenza di determinate menomazioni che devono essere ascritte ad una delle 32 ipotesi normative, decrescenti per gravità: la menomazione più grave corrisponde alla lettera A, la meno grave alla lettera H.

La classificazione è elencata in modo tassativo nella tabella E allegata alla normativa pensionistica di guerra [1], ed è valida, come appena esposto, anche per i dipendenti pubblici ai quali sia stata riconosciuta l’invalidità per causa di servizio.

A quanto ammonta l’assegno di superinvalidità 2018?

L’importo dell’assegno di super invalidità cresce all’aumentare della gravità della lesione o dell’infermità riportata, corrispondente, come abbiamo osservato, a una lettera dalla A alla H (col tempo sono state aggiunte alla tabella due particolari ipotesi, la categoria A bis e l’assegno integrativo di prima categoria).

Il valore dell’assegno parte, per l’anno 2018, da un minimo di 386 euro mensili sino a un massimo di 1930 euro mensili per le infermità più gravi. Per maggiori dettagli, si veda la seguente tabella:

Lettera Assegno mensile 2017 Assegno mensile 2018
A 1923,19 1930,88
A bis 1730,85 1737,77
B 1538,5 1544,65
C 1346,14 1351,53
D 1153,90 1158,51
E 961,54 965,39
F 769,19 772,27
G 576,95 579,26
H 384,60 386,14
Ass. Int 1° Categ 192,30 193,07

Per quanti mesi spetta l’assegno di superinvalidità?

L’assegno di super invalidità spetta, ogni anno, per 12 mensilità: non è prevista l’erogazione della tredicesima, in quanto si tratta di un trattamento accessorio alla prestazione pensionistica principale.

L’assegno di superinvalidità è reversibile ai superstiti?

Trattandosi di una prestazione accessoria alla pensione principale, l’assegno di super invalidità non è reversibile ai superstiti.

L’assegno di superinvalidità è tassato?

L’assegno di super invalidità, essendo un assegno accessorio collegato al riconoscimento di un’infermità, è esente dalla tassazione, ossia non rientra tra i redditi imponibili ai fini Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche).

Come si chiede l’assegno di superinvalidità?

Per l’assegno di super invalidità non è necessario presentare un’apposita domanda, in quanto è corrisposto d’ufficio dall’Inps o dal Ministero in aggiunta al trattamento pensionistico principale (pensione di guerra o pensione privilegiata), a partire dalla decorrenza della prestazione. L’adeguamento annuale dell’importo dell’assegno è, ugualmente, automatico, come avviene per gli altri assegni di natura accessoria riconosciuta agli invalidi di guerra e per causa di servizio.

Assegno integrativo di superinvalidità

Gli invalidi di guerra o per causa di servizio che hanno riportato un’invalidità da ascrivere alla 1° categoria senza diritto all’assegno di super invalidità hanno diritto a un assegno integrativo.

Questo assegno è pari alla metà dell’importo dell’assegno di super invalidità previsto per gli ascritti alla lettera H della tabella E allegata alla normativa pensionistica di guerra [1].

Anche gli importi dell’assegno integrativo sono adeguati annualmente, come avviene per gli altri assegni di natura accessoria riconosciuta agli invalidi di guerra e per cause di servizio.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Buonasera un informazione ?
    Io ho l’invalidità al 100%100 di malattia prendo pure l’assegno accompagnamento mi spetta aumento della pensione sono nata 1966 grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI