Diritto e Fisco | Articoli

Uscire dal lavoro sempre mezzora prima può costare il licenziamento

12 Dicembre 2012
Uscire dal lavoro sempre mezzora prima può costare il licenziamento

Licenziamento per abbandono anticipato del posto di lavoro: è legittimo?

Almeno, nella famosa scena del film di Fantozzi, in cui i dipendenti si calavano dalle finestre dell’azienda con le funi e le lenzuola, era appena scoccato l’ultimo secondo dell’orario di lavoro: non è invece quello che ha fatto un metronotte, la cui vicenda è finita innanzi alla Corte di Cassazione.

L’uomo era stato sorpreso ripetutamente ad abbandonare il posto di lavoro 30 minuti prima della fine del suo turno: così, mossagli una serie di contestazioni, era stato poi licenziato in tronco.

Secondo la Suprema Corte [1], in questi casi è legittimo adottare la sanzione espulsiva senza il preavviso, quando la condotta contestata si è protratta a lungo (nella fattispecie, per ben due mesi di seguito).

Il “furto di tempo” all’azienda è quindi considerato un comportamento tale da ledere gravemente il rapporto di fiducia tra lavoratore e datore di lavoro.

 

 


note

[1] Cass. ord. n. 22720/ del 11.12.2012.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube