Diritto e Fisco | Articoli

Uscire dal lavoro sempre mezzora prima può costare il licenziamento

12 dicembre 2012


Uscire dal lavoro sempre mezzora prima può costare il licenziamento

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 dicembre 2012



Licenziamento per abbandono anticipato del posto di lavoro: è legittimo?

Almeno, nella famosa scena del film di Fantozzi, in cui i dipendenti si calavano dalle finestre dell’azienda con le funi e le lenzuola, era appena scoccato l’ultimo secondo dell’orario di lavoro: non è invece quello che ha fatto un metronotte, la cui vicenda è finita innanzi alla Corte di Cassazione.

L’uomo era stato sorpreso ripetutamente ad abbandonare il posto di lavoro 30 minuti prima della fine del suo turno: così, mossagli una serie di contestazioni, era stato poi licenziato in tronco.

Secondo la Suprema Corte [1], in questi casi è legittimo adottare la sanzione espulsiva senza il preavviso, quando la condotta contestata si è protratta a lungo (nella fattispecie, per ben due mesi di seguito).

Il “furto di tempo” all’azienda è quindi considerato un comportamento tale da ledere gravemente il rapporto di fiducia tra lavoratore e datore di lavoro.

 

 

note

[1] Cass. ord. n. 22720/ del 11.12.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI