Diritto e Fisco | Articoli

-10 giorni alla fine del mondo maya: ecco gli oggetti che vanno a ruba

12 Dicembre 2012
-10 giorni alla fine del mondo maya: ecco gli oggetti che vanno a ruba

12.21.12: la fine del mondo si avvicina e c’è chi, su internet, ha pensato bene di farne un business. Sta impazzando, infatti, la mania da shopping di oggetti per sopravvivere al disastro profetizzato dai Maya.

Mancano ancora 10 giorni e su Youtube è facile trovare svariati video-guida che spiegano come equipaggiarsi.

Ecco i kit più originali, che ricordano, per certi versi, la paura dell’atomica diffusasi tra gli anni ’70 ed ’80.

C’è chi vende dalle più classiche e prevedibili scatolette di cibo a lunga conservazione, alle scatolette di medicinali e pronto soccorso, dai filtri per depurare l’acqua, alle lampadine a raggi UV che, in 90 secondi, disinfettano i liquidi da virus e batteri

Vanno a ruba anche le tute brevettate contro attacchi nucleari, chimici e batteriologici, maschere antigas, coltelli e bussole.

Un po’ lugubre l’idea dell’orologio e della sveglia che segnano il conto alla rovescia (giorni, ore, minuti) dell’avvicinarsi alla apocalissi.

A 228 euro, si può acquistare un visore notturno a raggi infrarossi “per le notti buie e piene di pericoli”.

Negli Stati Uniti, invece, si riciclano i vecchi bunker antiatomici, non venduti negli anni ’60. Questa volta però sono stati equipaggiati con ogni confort, alcuni anche lussuosi e dotati di tecnologie hi-tech.

La birreria Stevens Point Brewery ha creato una birra ad hoc: si chiama 2012 Black Ale, ovviamente scura e dal gusto forte.

In Italia, dove si pensa sempre a mangiare, si stanno preparando cenoni ed aperitivi “da fine del mondo”.

Su Twitter uno degli hashtag più diffusi a livello globale è #Maya. Ma in Italia, così come negli altri Paesi, si sono diffusi anche #21dicembre e #finedelmondo o i forum di opinione come #nonpuofinireilmondoperché.

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube