Diritto e Fisco | Editoriale

Come avere la registrazione di una telefonata?

21 marzo 2018


Come avere la registrazione di una telefonata?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 21 marzo 2018



È possibile avere il file audio con la conversazione telefonica intrattenuta con una persona o, in alternativa, i tabulati telefonici?

Una persona ti ha minacciato per telefono e, purtroppo, non hai fatto in tempo a registrare la telefonata. Nonostante abbia detto delle frasi che potrebbero essere passibili di denuncia, nessuno oltre a te si è messo ad ascoltare la chiamata né potrà testimoniare a tuo favore. A questo punto, ti chiedi se esiste un modo per recuperare l’audio della conversazione e avere la prova di quanto è stato proferito durante il colloquio. In altre parole ti chiedi come avere la registrazione di una telefonata.

Prima di leggere questo articolo avrai certamente scoperto che esistono numerose app, da scaricare sul cellulare, valide sia per Android che per iPhone, che consentono di memorizzare il contenuto di una chiamata fatta o ricevuta da uno smartphone. Ad esempio, per Android esiste Rmc: Android Call Recorder, Registratore di chiamate e (anche se il nome è quasi identico a quello precedente) Registratore di chiamata. Per iPhone esiste TapeACall e Registrazione di chiamate – IntCall. Tuttavia, tutti questi servizi, oltre ad essere in gran parte a pagamento (in alcuni casi è richiesto un abbonamento), presentano un problema di fondo: devi essere in grado di prevedere in anticipo la necessità di registrare la telefonata e, quindi, di attivare l’app prima che vengano dette le frasi che intendi memorizzare. A te invece interessa recuperare, in un momento successivo alla telefonata, ciò che è stato detto prima, quando meno te lo aspettavi. Magari ti può servire per sporgere una denuncia se sei stato vittima di un reato (è l’esempio della minaccia da cui siamo partiti) o per procurarti la prova di una confessione ricevuta da un’altra persona (ad esempio un debitore che ha ammesso di doverti restituire un prestito) o comunque per far valere i tuoi diritti nel corso di una causa (si pensi a una separazione con l’ex moglie). È possibile?

Nonostante le tesi dei complottisti, le compagnie telefoniche non si mettono a registrare le conversazioni audio dei propri clienti. Non lo fanno né per loro volontà, né perché obbligate dalle autorità di pubblica sicurezza. Se non esiste un esplicito divieto in tal senso, non vuol dire neanche che sia possibile o che ciò avvenga. Quindi, se intendi rivolgerti alla società di telefonia con cui hai il contratto della tua utenza e chiederle di farti avere la registrazione di una telefonata già avvenuta, questa ti risponderà che non è in grado di farlo perché tali dati non vengono conservati.

Le cose non cambiano neanche se ti rivolgi a un giudice: nessun tribunale sarà in grado di ordinare alla compagnia di consegnarti una registrazione telefonica proprio perché ciò non avviene. L’unica ipotesi per poter ottenere la registrazione di una telefonata è aver in precedenza sporto denuncia/querela e aver ottenuto l’autorizzazione, da parte dell’autorità giudiziaria, alle intercettazioni telefoniche. Ma ciò non può avvenire se non in presenza di reati particolarmente gravi vista la lesione della privacy – e i costi – che implica.

Detto ciò, è però possibile ottenere dalle compagnie telefoniche il tabulati telefonici ossia il Cdr (Call Detail Record) che contiene tutte le informazioni su chi ha eseguito la telefonata, chi l’ha ricevuta, la data e l’ora. Certamente però non l’audio della conversazione telefonica.

Chiunque può ottenere i tabulati telefonici del proprio numero di telefono per quanto riguarda le telefonate in uscita. Invece per le telefonate in entrata vengono oscurati alcuni dei numeri per questioni di privacy.

Per ottenere i tabulati telefonici in versione completa oppure quelli di un’altra persona è necessario sporgere denuncia-querela alla polizia postale. Questa chiederà al magistrato l’autorizzazione a disporre l’acquisizione, nei confronti della compagnia telefonica, dei tabulati telefonici nel periodo di riferimento. Una volta ottenuti i tabulati, questi verranno acquisiti nel fascicolo del pubblico ministero relativo al procedimento penale che si è aperto proprio a seguito della denuncia.

In alternativa l’acquisizione dei tabulati può avvenire anche su richiesta del proprio avvocato, nell’ambito delle indagini difensive per come previsto dal codice di procedura penale [1].

Se invece non è stato commesso un reato, ma si è nell’ambito di una causa civile, l’acquisizione dei tabulati telefonici avviene sempre su ordine del giudice e richiesta dell’avvocato entro i termini delle note istruttorie (ossia non oltre 60 giorni dalla prima udienza di comparizione delle parti).

In sintesi non è possibile ottenere i tabulati telefonici se non è in gioco la difesa di un tuo diritto nell’ambito di un procedimento giudiziario.

note

[1] Art. 391 quarter cod. proc. pen.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI