Diritto e Fisco | Articoli

Fabbricato rurale: può risiedervi chi non svolge attività agricole?

27 marzo 2018


Fabbricato rurale: può risiedervi chi non svolge attività agricole?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 27 marzo 2018



Desidero che una persona non avente rapporti affettivi, parentali o di altro genere, trasferisca la propria residenza presso la mia abitazione. La mia abitazione è considerata a tutti gli effetti un fabbricato rurale, dove io sono imprenditore agricolo e la persona che si vorrebbe trasferire da me non ha nessuna qualifica agricola. Quest’ultimo fatto può rappresentare un problema?

L’articolo 9, comma 3, lettera a), del decreto legge n. 557/1993, convertito in Legge n. 133/1994 individua i requisiti affinché il fabbricato rurale possa essere considerato ad uso abitativo.

In particolare, l’edificio deve essere utilizzato come abitazione:

– dal proprietario o dal titolare di un diritto reale sul terreno (ad esempio usufrutto) per esigenze connesse all’esercizio dell’attività agricola svolta;

– dall’affittuario del terreno o da colui che con un altro titolo conduce il terreno a cui il fabbricato è asservito;

– dai familiari che convivono con i soggetti di cui ai due numeri precedenti;

– dai titolari di trattamenti pensionistici corrisposti a seguito di attività agricola;

– da uno dei soci o degli amministratori di società agricole, che abbiano la qualifica di imprenditori agricoli professionali.

Pertanto, ad avviso di chi scrive, una persona non avente rapporti affettivi, parentali o di altro genere con i soggetti indicati nella normativa sopra elencata non può trasferire la propria residenza.

Il rischio sarebbe quello di far perdere i requisiti di ruralità all’immobile in oggetto, soprattutto con riguardo agli aspetti fiscali che lo riguardano.

Pertanto, se si è interessati a mantenere la ruralità del fabbricato e, dall’altro lato, a far trasferire la persona oggetto del quesito, il consiglio al lettore è quello di stipulare un contratto d’affitto simulato del terreno asservente il suo fabbricato col soggetto in questione.

In questo modo, il lettore riuscirebbe a contemperare alle due esigenze: quelle del trasferimento di residenza e quelle della conservazione dei requisiti di ruralità dell’immobile.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI