Diritto e Fisco | Editoriale

Ferie personale ata

20 Aprile 2018 | Autore:
Ferie personale ata

Come si calcolano i giorni di riposo del personale della scuola, tra contratti a tempo indeterminato e determinato, part-time e interruzioni

Come tutti i dipendenti pubblici, anche per il personale della scuola, in particolare il personale ata, arrivano nel corso dell’anno scolastico i tanto desiderati giorni di ferie, indispensabili per “staccare la spina” e ricariche le energie fisiche e mentali.
Ma tra contratti a tempo determinato, calcolo dei giorni di servizio, lavoro part-time e casi di interruzione delle ferie, non è affatto semplice riuscire a calcolare con precisione quali sono le effettive ferie che spettano al personale ata. Cerchiamo quindi di fare chiarezza su una serie di punti fondamentali per capire come funzionano e quante sono le ferie del personale ata.

Da chi è formato il personale ata?

Prima di parlare delle ferie del personale ata, chiariamo da chi è formato detto personale: si tratta di personale amministrativo, tecnico e ausiliario o, più semplicemente, tutto il personale non docente che lavora nella scuola. I compiti svolti dal personale ata nella scuola sono svariati e vanno dall’amministrazione alla pulizia, dalla cucina alla manutenzione. Esistono infatti diversi profili, ognuno dei quali inquadrato in modo specifico anche dal punto di vista della retribuzione. Vediamo dunque rapidamente quali sono i principali profili del personale ata:
– Collaboratore scolastico (bidello);
– Assistente amministrativo;
– Assistente tecnico;
– Cuoco;
– Infemiere;
– Gaurdarobiere;
– Direttore dei servizi generali e amministrativi (figura che sta al vertice dell’organizzazione del personale ata).
Ognuno di questi profili è inquadrato in una specifica area, alla quale corrisponde una determinata retribuzione. Per quanto riguarda le ferie, invece, il calcolo e il trattamento è pressoché uguale per tutte le aree e tutti i profili.

Ferie personale ata: rapporti a tempo indeterminato

Per il personale ata che è assunto con contratto a tempo indeterminato è piuttosto facile calcolare il numero di giorni di ferie spettanti durante l’anno. Basta infatti conoscere l’anzianità di servizio, cioè sapere da quanto tempo si è stati assunti. Per cui al personale con anzianità di servizio inferiore a 3 anni, spetteranno 30 giorni di ferie annuali; al personale ata che invece ha maturato un’anzianità di servizio superiore a 3 anni, toccheranno 32 giorni di ferie all’anno. A tal proposito facciamo delle precisazioni. Ai fini del calcolo dell’anzianità di servizio, valgono tutti i periodi lavorativi comunque maturati, quindi anche gli anni o le frazioni di anno in cui si è stati assunti con contratto a tempo determinato. Le ferie del personale ata devono essere richieste al dirigente scolastico e rappresentano un diritto irrinunciabile [1], per cui una volta maturate dovranno essere godute durante l’anno scolastico, tenendo conto delle esigenze di servizio e delle richieste di ferie degli altri dipendenti.
Nel periodo che va dal 1° luglio al 31 agosto di ogni anno è inoltre possibile fruire di almeno 15 giorni consecutivi di ferie e gli eventuali giorni di ferie rimanenti potranno essere sfruttati durante il resto dell’anno. Attenzione però: a differenza dei docenti, il personale ata, a parte i giorni di ferie concordati, dovrà restare in servizio anche nei mesi di luglio e agosto.

Ferie personale ata: come si calcolano per il personale a tempo determinato?

Abbiamo appena detto che le ferie del personale ata a tempo indeterminato sono assegnate in misura fissa sulla base degli anni di servizio. Ma come si calcolano le ferie per il personale ata assunto a tempo determinato e che il più delle volte non raggiunge l’anno intero di servizio? In questo caso occorrerà fare un po’ di calcoli matematici. Le ferie del personale ata a tempo determinato si calcolano infatti sulla base dei giorni di servizio prestato durante l’anno scolastico. Sappiamo infatti che un grande numero di dipendenti della scuola è assunto per supplenze spesso anche di pochi giorni. Per cui sommando tutti giorni lavorativi e facendo una proporzione si potrà ottenere il numero di ferie spettanti. La proporzione con la quale effettuare il calcolo è la seguente:
                                            360 : 30 o 32 = n° dei giorni di servizio : x .
Dunque supponendo che abbiamo lavorato per 60 giorni complessivi e fino a questo momento abbiamo maturato un’anzianità di servizio inferiore ai 3 anni, dovremo fare il seguente calcolo:
(30 per 60) diviso 360 = 5, dove 5 sono proprio i giorni di ferie che ci spetteranno. Se avessimo maturato un’anzianità di servizio maggiore di 3 anni, allora avremmo dovuto moltiplicare i nostri ipotetici 60 giorni di ferie per 32 e dividerli sempre per 360. Più difficile a dirsi che a farsi, insomma.

Ferie personale ata su cinque giorni lavorativi

Vista l’autonomia organizzativa delle scuole, può capitare che alcuni istituti prevedano che le attività didattiche si svolgano su 5 giorni settimanali invece dei classici 6 giorni. Ma cosa cambia per il personale ata? Spettano meno ferie? La risposta, lo diciamo fin da subito, è no! Le ferie spettanti al personale ata che lavora 5 giorni a settimana sono identiche a quelle di chi lavora dal lunedì al sabato. È infatti lo stesso contratto collettivo di lavoro [2] che specifica che ai fini del calcolo delle ferie se il POF (il piano dell’offerta formativa che deve avere ogni singola scuola) prevede che la settimana lavorativa sia articolata su 5 giorni, anche il sesto giorno sarà considerato lavorativo. Dunque anche in questo caso vale quanto detto nei paragrafi precedenti.

Ferie personale ata per personale part-time

Per esigenze personali del dipendente o per necessità organizzative dell’istituto in cui si presta servizio, il personale ata può lavorare anche con un contratto part-time. Come si calcolano quindi le ferie in queste ulteriori ipotesi? Anche in questo caso, la prima cosa da fare è compiere una distinzione, stavolta tra part-time orizzontale e part-time verticale. Nel caso di part-time orizzontale (meno ore lavorative al giorno, tutti giorni) il personale ata ha infatti diritto allo stesso numero di giorni di ferie spettanti a chi ha un rapporto di lavoro a tempo pieno. Quindi i soliti 30 o 32 giorni di ferie annuali a seconda dell’anzianità di servizio. Un po’ più complesso il caso del part-time verticale (tempo pieno nei giorni lavorativi, ma meno giorni di lavoro durante la settimana o il mese): in questi casi bisognerà infatti ricorrere ad una proporzione simile a quella riportata nel primo paragrafo e più precisamente:
                        n° giorni di lavoro settimanali : 6 = x giorni di ferie : 32 o 30
Quindi supponendo ad esempio di lavorare per tre giorni alla settimana e di aver maturato più di 3 anni di servizio avremo questo calcolo:
(3 per 32) diviso 6 = 16, dove 16 sono i giorni di ferie che ci spettano. Anche in questo caso, quindi, il calcolo è abbastanza semplice.

Ferie personale ata: le festività soppresse

Ritenete che i giorni di ferie che spettano al personale ata siano troppo pochi? Eccovi allora una buona notizia. Ai 30 o 32 giorni di ferie massimi annuali previsti si andranno ad aggiungere fino a 4 ulteriori giorni di ferie, quelli delle cosiddette festività soppresse [3]. Ogni tre mesi di servizio lavorativo svolto durante l’anno dà infatti diritto ad un giorno di ferie in più che sostituisce quelle che sono le cosiddette festività soppresse. L’unica peculiarità è che questi giorni di ferie in più non sono cumulabili, quindi dovranno essere fruiti durante l’anno scolastico in corso.

Interruzione delle ferie personale ata: motivi di salute e di servizio

Dopo le belle notizie, passiamo a quelle un po’ più brutte. Le ferie del personale ata, infatti, possono purtroppo anche andare incontro ad interruzioni. Le motivazioni principali di interruzione delle ferie sono principalmente due, ossia motivazioni di servizio e di salute.
Parlando della prima ipotesi, può essere richiesto il rientro dalle ferie per ragioni di servizio, quando per cause varie venga ad esempio a mancare il personale necessario al regolare funzionamento della scuola. A quel punto il dirigente scolastico potrà chiedere al dipendente ata in vacanza di interrompere le ferie e tornare a lavoro. Per quanto traumatica possa essere questa prospettiva, al dipendente spetteranno comunque diverse indennità, come il rimborso delle spese documentate per il rientro all’istituto e per il ritorno al luogo in cui si stavano svolgendo le ferie, l’indennità di missione per la durata dei due viaggi e infine il rimborso delle spese sostenute per il periodo di ferie non godute.
Diverso invece il caso di interruzione delle ferie per motivi di salute: questa ipotesi si verifica infatti quando durante il periodo di ferie sopraggiunge una malattia al dipendente di durata superiore a 3 giorni oppure in caso di ricovero in ospedale. Ovviamente, ai fini del riconoscimento dell’interruzione delle ferie, occorrerà tutta la classica documentazione prevista per i periodi di malattia.

Ferie personale ata: monetizzazione delle ferie

In tema di ferie del personale ata, merita infine un cenno anche l’ipotesi di monetizzazione delle ferie, vale a dire la possibilità di vedersi pagati i giorni di ferie che non è stato possibile sfruttare. La legge [4] prevede infatti in linea generale che al momento della cessazione del servizio lavorativo, le ferie non fruite dal dipendente siano monetizzabili solo nei casi in cui l’impossibilità di fruire delle ferie non è imputabile o riconducibile al dipendente stesso, ad esempio nelle ipotesi di malattia, infortunio, decesso, congedo di maternità o paternità obbligatorio. Quindi ad esempio in caso di malattia sopraggiunta durante il periodo di ferie, si avrà diritto alla liquidazione dei giorni di ferie di cui non è stato possibile godere.


Il computo dei giorni di ferie che spettano alle varie figure del personale ata dipende da diversi fattori, primo fra tutti il tipo di contratto di assunzione (tempo indeterminato, determinato, part-time ecc.). Tuttavia con le linee guida riportate in questo articolo si può conoscere in maniera abbastanza semplice e precisa quante ferie spettano al personale non docente della scuola.

note

[1] Art. 13 CCNL Scuola 2007.
[2] Art. 13 comma 5 CCNL Scuola 2007.
[3] Art. 14 CCNL Scuola 2007.
[4] Legge n. 135/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Buongiorno sono assistente tecnico ar23 ho con la scuola più contratti precisamente dal 10 gennaio al 17 gennaio 18 gennaio 19 e20 gennaio e poi dal 21 gennaio al 8 giugno poi interroto 8 febbraio lavorato per morte collega e ripreso dal 9 febbraio fino al 8 giugno .Quante ferie maturo alla fine?
    La scuola mi sta’ dicendo che per ogni fine contratto mi devono essere pagati le ferie per cui allo stato attuale avrei fino a 8 giugno 7gg e 58….. io ho calcolato 360:30= 150 (giorni lavorati) : x ho ottenuto 12 gg p.s. ho anzianità di servizio in fervore a 3 anni

    1. Buongiorno Roberto! Contratti a tempo determinato, calcolo dei giorni di servizio, lavoro part-time e casi di interruzione delle ferie, sono tanti gli elementi di cui tenere conto per calcolare i giorni di ferie che spettano al personale ata. Per sottoporre all’attenzione degli esperti del nostro portale di informazione giuridica la tua situazione puoi richiedere una consulenza cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

  2. sono un coll. scolastico di ruolo, dal 06/11/2018 ho un contratto a tempo determinato come Assistente Amministrativo avevo 8 giorni di ferie vecchie nell’altro istituto dove le devo consumare nella scuola di attuale servizio o nell’istituto dove le ho maturate. Per la fine di aprile rischio di perderle? Grazie

  3. Sono un’insegnante messa fuori ruolo per motivi di salute (40 anni di servizio) e utilizzata come bibliotecaria. Facevo un partime di 15 h su 24 trasformato, in questo nuovo servizio, in 22,30 h su 36 dal lunedì al venerdì. Come verranno calcolate le mie ferie? Grazie

    1. Antonella scopri come calcolare le ferie leggendo i nostri articoli:
      -Come si calcolano le ferie https://www.laleggepertutti.it/218218_come-si-calcolano-le-ferie
      -Come calcolare la retribuzione durante le ferie https://www.laleggepertutti.it/234437_come-calcolare-la-retribuzione-durante-le-ferie
      -Dipendente pubblico: ferie, festività e assenza per malattia https://www.laleggepertutti.it/260481_dipendente-pubblico-ferie-festivita-e-assenza-per-malattia

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube