Diritto e Fisco | Articoli

Ingiuria per interposta persona: “digli di andare a fan…” è reato?

13 Dicembre 2012
Ingiuria per interposta persona: “digli di andare a fan…” è reato?

Ingiuria per interposta persona: è reato se il destinatario indiretto sente l’espressione offensiva.

L’ingiuria – quando cioè l’offesa viene fatta in presenza della vittima – può ben essere realizzata anche attraverso una frase rivolta ad un terzo soggetto, purché la vittima medesima riesca in qualche modo a sentire l’espressione. “Digli di andare a fan…” è il classico esempio.

L’esprimere giudizi, anche forti, nei confronti di una persona, confidandoli però ad un terzo, senza che altri o la vittima possano sentirli, non è considerato dalla legge un reato.

Se il messaggio è rivolto ad almeno due persone – anche se non presenti contestualmente – si ha il reato di diffamazione (per es.: Tizio discute con Caio e Sempronio, parlando male di Muzio).

Se invece il messaggio è trasmesso alla presenza del soggetto interessato, allora si ha ingiuria (per es.: Tizio parla con Caio e, durante la discussine, gli rivolge una serie di insulti).

Se infine Tizio discute con Caio e, nel corso della discussione, parla male di Sempronio, e Sempronio non è presente o comunque non sente, egli non commette alcun reato.

Mettiamo però che Sempronio riesca casualmente a percepire l’offesa. Così è successo nel caso sottoposto all’attenzione del Giudice di Pace di Brindisi [1]: una persona parlava male del collega di lavoro ad un altro collega e, proprio mentre pronunciava l’offesa, l’interessato si è affacciato nella stanza, percependo tutto il discorso.

Ebbene, il dubbio è se questa espressione, pur se non rivolta al destinatario, possa essere considerata una “ingiuria” e quindi costituisca reato.

L’interpretazione data dal Giudice di Pace di Brindisi [1] è nel senso di punire l’incauto irriverente che non aveva “chiuso la porta”.

Insomma: “in camera caritatis” tutto è consentito. Ma guai se i muri hanno orecchie.

 

 


note

[1] G.d.P. Brindisi, sent. n. 110/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube