Diritto e Fisco | Articoli

Ingiuria per interposta persona: “digli di andare a fan…” è reato?

13 dicembre 2012


Ingiuria per interposta persona: “digli di andare a fan…” è reato?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 dicembre 2012



Ingiuria per interposta persona: è reato se il destinatario indiretto sente l’espressione offensiva.

L’ingiuria – quando cioè l’offesa viene fatta in presenza della vittima – può ben essere realizzata anche attraverso una frase rivolta ad un terzo soggetto, purché la vittima medesima riesca in qualche modo a sentire l’espressione. “Digli di andare a fan…” è il classico esempio.

L’esprimere giudizi, anche forti, nei confronti di una persona, confidandoli però ad un terzo, senza che altri o la vittima possano sentirli, non è considerato dalla legge un reato.

Se il messaggio è rivolto ad almeno due persone – anche se non presenti contestualmente – si ha il reato di diffamazione (per es.: Tizio discute con Caio e Sempronio, parlando male di Muzio).

Se invece il messaggio è trasmesso alla presenza del soggetto interessato, allora si ha ingiuria (per es.: Tizio parla con Caio e, durante la discussine, gli rivolge una serie di insulti).

Se infine Tizio discute con Caio e, nel corso della discussione, parla male di Sempronio, e Sempronio non è presente o comunque non sente, egli non commette alcun reato.

Mettiamo però che Sempronio riesca casualmente a percepire l’offesa. Così è successo nel caso sottoposto all’attenzione del Giudice di Pace di Brindisi [1]: una persona parlava male del collega di lavoro ad un altro collega e, proprio mentre pronunciava l’offesa, l’interessato si è affacciato nella stanza, percependo tutto il discorso.

Ebbene, il dubbio è se questa espressione, pur se non rivolta al destinatario, possa essere considerata una “ingiuria” e quindi costituisca reato.

L’interpretazione data dal Giudice di Pace di Brindisi [1] è nel senso di punire l’incauto irriverente che non aveva “chiuso la porta”.

Insomma: “in camera caritatis” tutto è consentito. Ma guai se i muri hanno orecchie.

 

 

note

[1] G.d.P. Brindisi, sent. n. 110/2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI