Diritto e Fisco | Editoriale

Risarcimento danno alla persona

28 marzo 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 28 marzo 2018



Per ottenere un risarcimento danni bisogna avere ben chiaro cosa si intende per danno alla persona e le tipologie di danno.

La tutela della persona, nel nostro sistema legale, è uno degli ambiti principali di protezione previsti. Nel corso del tempo, e dell’evoluzione non soltanto della società e della cultura ma anche del diritto stesso, il concetto di persona e di protezione dell’individuo si è modificato ed allargato, andando a coprire aspetti che un tempo non sarebbe nemmeno stato possibile immaginare. Cambiando la prospettiva, e il contesto sociale, è chiaro che l’ordinamento debba uniformarsi alle nuove esigenze della collettività e dell’individuo, e garantire un ristoro adeguato. I danni alla persona possono essere di diverso tipo, in quanto il concetto stesso di persona comprende una molteplicità di aspetti differenti a seconda del contesto nel quale si esprimono. Ogni individuo infatti ha una proiezione della propria persona, ed esprime la sua personalità in tantissimi ambiti, dalla famiglia, alla scuola all’ambito lavorativo – professionale nel quale si è inserito da adulto, senza contare la vita sociale e affettiva. Pertanto i potenziali danni che possono essere causati ad un individuo coprono tantissimi ambiti, e nel nostro sistema giuridico vengono tutelati attraverso un apposito sistema di responsabilità extracontrattuale, che prevede un risarcimento del danno alla persona.

Danno alla persona: cosa significa

Occorre anzitutto comprendere cosa significa danno alla persona. Con la categoria di danno alla persona ci si riferisce a quei danni, di differente natura, che possono essere cagionati ad un essere umano. Si tratta quindi in sostanza di un insieme di possibili lesioni, causate ad un’altra persona, e che possono andare ad incidere tutte le sfere dell’individuo. Parlare di danno alla persona significa ampliare notevolmente l’ambito – e conseguentemente la tutela – risarcitoria, in quanto i diritti facenti capo alla persona nel nostro ordinamento sono molteplici e molto diversi fra loro. I diritti della personalità, infatti, per citarne alcuni, comprendono il diritto all’integrità psicofisica, al nome, alla riservatezza, all’identità personale, all’onore e alla reputazione, all’immagine, alla sessualità e all’autodeterminazione terapeutica. In quanto diritti soggettivi assoluti, facenti capo all’individuo, non sono cedibili, trasmissibili o pignorabili. Esistono dunque differenti tipologie di danni alla persona, a seconda del bene giuridico che è stato leso.

Danno alla persona: risarcimento e tipologie di danno

Nel nostro sistena legale i danni possono essere principalmente suddivisi in due macrocategorie di danno: danno patrimoniale e danno non patrimoniale. Il danno patrimoniale è quello che ha causato al soggetto leso un danno di natura economico – finanziaria, e può concretizzarsi a sua volta nelle due forme di danno emergente (non si è stati pagati per una prestazione lavorativa; l’inquilino della casa di mia proprietà che ho dato in locazione è inadempiente nel pagamento del canone mensile) e lucro cessante (ad esempio perdita di un’occasione lavorativa). Il danno non patrimoniale ha invece ad oggetto la lesione di un diritto immateriale, quindi non fisicamente toccabile, ma che riguarda in ogni caso un diritto costituzionalmente tutelato. Si tratta quindi proprio dei diritti della personalità, in qualunque manifestazione si siano espressi e qualsiasi lesione il soggetto abbia subito.

Il risarcimento del danno alla persona – sia sotto il profilo biologico, morale che esitenziale, come vedremo – è previsto dal nostro ordinamento quale risarcimento del danno non patrimoniale, disciplinato da uno specifico articolo del nostro codice civile [1]. Tra i danni alla persona rientra anzitutto il danno biologico, cioè il danno causato all’integrità psico-fisica della persona, con conseguenze quindi sulla salute sia fisica che mentale. Il danno morale, invece, è quel danno che ha comportato una sofferenza in capo alla persona, verificatasi durante la commissione da parte di qualcun altro di un atto illecito o a causa dell’illecito stesso. Bisogna inoltre considerare l’eventuale causazione di un danno esistenziale, cioè il danno che ha implicato delle conseguenze lesive alla persona danneggiata dal punto di vista delle sue abitudini di vita. Si tratta in definitiva di un danno che ha inciso sulla dimensione della vita di relazione del singolo, modificando la sua esistenza (da qui il nome di danno esistenziale), a causa di un reato o della lesione di un bene giuridico inviolabile della persona, tutelato dalla costituzione.

Dal punto di vista strettamente giuridico, tutte e tre queste tipologie di danno (biologico, morale ed esistenziale) rientrano nella categoria generale del danno non patrimoniale, per le quali è possibile chiedere un risarcimento del danno (che va provato in corso di giudizio, assieme al nesso causale fra danno e lesione) e vengono liquidate (cioè riconosciute attraverso un ristoro economnico) dal giudice in corso di causa conteggiandole unitariamente come un solo tipo di danno, che però in concreto viene poi eventualmente risarcito considerando le singole voci separatamente, a seconda di quali conseguenze lesive sono state riportate dal danneggiato e di quali beni giuridici siano stati lesi (salute, onore, diritti fondamentali della personalità).

Danno alla persona: la prova del danno non patrimoniale

Un aspetto da non trascurare e che spesso viene sottovalutato riguarda la necessità che il danno non patrimoniale possa essere provato in concreto. Da un punto di vista legale, infatti, lamentare di aver subito una lesione di un bene giuridico rilevante, tutelato dal nostro ordinamento, potrebbe non assumere rilevanza – e quindi, in concreto per il nostro discorso, non essere risarcibile – se non ha causato delle conseguenze concrete, effettive e verificabili. Questo perchè anche il danno non patrimoniale, e pertanto il danno alla persona, rientra nella categoria di quelli che sono definiti danni conseguenza. I danni conseguenza sono quelle tipologie di danno che hanno causato, appunto, delle conseguenze sulla persona che li ha subiti, e che devono essere verificabili affinchè si possa ottenere un risarcimento. L’insorgere di una patologia medica, una diagnosi di depressione o il verificarsi di concreti cambiamenti di stile di vita, con conseguenze magari anche sul luogo di lavoro: il danno alla persona deve concretizzarsi in una effettiva lesione, che solo se realizzatasi può essere documentata (certificati di strutture ospedaliere, referti di medici specialisti, psicologi e psicoterapeuti) e quindi, in definitiva provata in corso di causa. Questo perchè il danno non può essere solo lamentato dalla vittima, ma deve essersi estrinsecato materialmente in una conseguenza che abbia inciso sulla vita della persona danneggiata, andando a causare dei cambiamenti concreti che possano essere provati.

note

[1] Art. 2059 cod. civ.

Autore immagine: Pixabay.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI