HOME Articoli

Lo sai che? Autovelox segnalato come tutor: la multa è valida?

Lo sai che? Pubblicato il 29 marzo 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 marzo 2018

Contravvenzioni per eccesso di velocità: la multa è nulla se il cartello di avviso segnala la presenza del controllo della velocità media e non di quella istantanea.

Si può usare un tutor come autovelox? Tecnicamente sì. Dal punto di vista legale, invece, affinché la multa sia valida è necessario che vengano rispettati gli obblighi di segnalazione. E la segnaletica non può essere, per l’autovelox, la stessa del tutor. I due sistemi infatti funzionano in modo diverso: l’autovelox accerta la velocità in uno specifico istante, mentre il tutor calcola la velocità media tra un punto di partenza (porta in entrata) e uno di arrivo (porta di uscita). Qual è il risultato? Che se non vengono rispettate le regole imposte dal codice della strada e dalle varie circolari ministeriali (a quella Maroni è seguita la direttiva Minniti dell’estate 2017), è nulla (e quindi impugnabile) la multa fatta col tutor in modalità autovelox. I chiarimenti arrivano da una recente sentenza del Giudice di Pace di Fermo [1]. Ma procediamo con ordine e vediamo se e quando, in caso di autovelox segnalato come tutor, la multa è valida.

Il tutor, alla fine, è una telecamera proprio come l’autovelox. Sicuramente è un sistema più evoluto che consente di fregare anche chi rallenta in prossimità dell’apparecchio e subito dopo torna ad accelerare. Tuttavia alcuni di questi strumenti di controllo elettronico della velocità vengono utilizzati in entrambe le modalità. In altre parole il tutor può funzionare anche come autovelox e limitarsi a scattare la foto nel momento in cui l’auto passa sotto il cavalcavia (leggi Tutor come autovelox). Con il risultato che non servirà più premere sul freno un secondo dopo per far abbassare la velocità media, visto che ormai la targa è stata immortalata.

Tecnicamente un tutor può funzionare come autovelox e rilevare la velocità sul momento. Ma la segnaletica deve essere adeguata

Il punto però è che la segnaletica deve essere sempre trasparente e anticipare all’automobilista non solo la presenza di controlli, ma anche le modalità. Quando il cartello con l’avviso fa riferimento al controllo della «velocità media» non è più possibile far funzionare il tutor come un autovelox. Ed è su questo aspetto che si sofferma la sentenza in commento: se sulla strada c’è ancora il segnale con su scritto «Attenzione: controllo elettronico della velocità…media» allora il conducente è giustamente portato a ipotizzare che vi sia la presenza del tutor e non dell’autovelox. Coglierlo allora in eccesso di velocità è un inganno che non può essere tollerato. Tanto più che l’amministrazione non può giocare sui doppi sensi, sugli equivoci e sui tranelli. È del resto la Costituzione ad imporre alla P.A. di agire in trasparenza. Trasparenza significa quindi dare a ciascun controllo elettronico della velocità il suo nome proprio.

Risultato: il verbale è nullo se il tutor funziona come autovelox ma sul cartello stradale si specifica che viene controllata la velocità media.

Per fare ricorso contro il tutor bisogna agire entro 30 giorni dalla notifica a casa della multa

E se il Comune dovesse oscurare con un adesivo la parola «media» e lasciare solo «controllo elettronico della velocità»? Sarebbe ugualmente valida la multa? Secondo la sentenza in commento non lo è. Questo per via del divieto di imbruttimento dei segnali stradali contenuto nel codice della strada [2]. I cartelli devono essere facilmente visibili – ricorda la Cassazione [3] – e adeguati: una prova questa che comunque deve fornire il conducente e non certo la pubblica amministrazione.

In sintesi, la presenza delle postazioni fisse che rilevano in modo elettronico l’andatura dei veicoli deve essere indicata da cartelli leggibili e appropriati: non si può far credere che il controllo avviene con tutor, quando invece questo è “settato” come autovelox.

note

[1] GdP Fermo, sent. n. 108/18.

[2] Art. 15 cod. strada.

[3] Cass. sent. n. 23566/2017.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI