Diritto e Fisco | Articoli

Termovalvole: come vengono determinati i consumi?

1 Aprile 2018
Termovalvole: come vengono determinati i consumi?

In presenza di termovalvole sui caloriferi bisogna pagare gli effettivi consumi? Non sono presente nella casa da marzo 2017 e mi è arrivata una fattura “addebito delle due quote millesimali (consumo minimo addebitato) di € 537”. È regolare?

Ovviamente è impossibile verificare in astratto la regolarità dell’importo richiesto.
Tuttavia, al fine di poter valutare la regolarità stessa, si fa presente che, nel caso di termovalvole, il consumo stagionale è determinato sulla base di due da due parametri:
1- il consumo volontario della singola unità e che può essere ricavato dalla lettura o registrazione dei dispositivi installati (sotto-contatore o ripartitori sui radiatori);
2- il consumo involontario, o meglio “perdita di sistema”, che viene calcolato dalla differenza tra la lettura del contatore di centrale e la somma delle letture dei sotto-contatori oppure delle indicazioni dei dispositivi installati nei radiatori. Sinteticamente, i consumi involontari possono essere ricondotti a spese di conduzione e manutenzione ordinaria, spese per la gestione del servizio di lettura di contabilizzazione, o anche perdite della rete di distribuzione, cioè le dispersioni del calore che avvengono dalle tubature prima che raggiungano gli appartamenti.
In altre parole, i costi di riscaldamento non dipendono solo dal consumo effettivo, ma anche da una variabile involontaria.
Si precisa peraltro che chi si dovesse essere distaccato dall’impianto centralizzato, è tenuto comunque a pagare le spese involontarie secondo la nuova tabella millesimale del riscaldamento (UNI 10200).
Ciò detto, la verifica dell’esattezza del quantum richiesto al lettore richiede necessariamente una perizia tecnica sulla bolletta e sui consumi.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Ambrogio Dal Bianco



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube