Diritto e Fisco | Articoli

Danni all’appartamento: diritti del locatore

1 aprile 2018


Danni all’appartamento: diritti del locatore

> Diritto e Fisco Pubblicato il 1 aprile 2018



Ho locato una casa ma l’inquilino ha fatto danni. Che mi spetta?

Se le persone che hanno occupato l’appartamento del lettore hanno provocato danni al suo interno, questi ha diritto a farsi risarcire.
In questi casi è sempre opportuno contestare dettagliatamente agli occupanti (cioè alle persone che
hanno vissuto nel suddetto appartamento) tutti i danni esistenti inviando a loro una lettera raccomandata
a.r. (preferibilmente preparata da un legale) e chiedendo che questi danni vengano prontamente risarciti.
Se dopo che questi signori avranno ricevuto la lettera non vi sarà da parte loro il pagamento spontaneo dei danni, il lettore potrà citarli in giudizio perché sia il giudice con sentenza a condannarli a risarcire i danni.
Ovviamente per poter sperare di vincere una causa di questo tipo, il lettore dovrà avere le prove:
– che questi signori hanno occupato la casa di sua proprietà;
– che siano stati loro a provocare i danni e cioè la prova che quando la casa fu consegnata a questi signori non era nelle condizioni in cui è oggi.
Si consiglia inoltre al lettore, quando ci sarà la restituzione delle chiavi, di anticipare verbalmente a questi signori che dovranno risarcire i danni e che riceveranno per lettera la contestazione di ogni danno che si è verificato all’interno dell’appartamento durante il periodo in cui è stato occupato da loro.
Se sarà possibile, poi, sarebbe molto utile che nel momento della restituzione delle chiavi sia fatto un verbale in cui il lettore e questi signori:
– descrivono le condizioni della casa,
– individuano i danni che si sono verificati durante il periodo in cui questi signori hanno occupato la casa e
– attribuiscono la responsabilità dei danni accertati a questi signori.
Naturalmente il verbale, per avere valore e per poter essere utilizzato come prova nell’eventuale successivo processo, dovrà essere firmato sia dal lettore che da questi signori.
In ogni caso, toccherà al lettore, se i danni non gli saranno risarciti spontaneamente, fornire al giudice la prova che questi signori hanno occupato la casa di sua proprietà e che siano stati loro a provocare i danni e cioè che quando la casa fu consegnata a questi signori non era nelle condizioni in cui è oggi. Per completare la consulenza, si aggiunge che:
– se fu firmato dal lettore e da questi signori un contratto di locazione (difatti ad un certo punto del quesito il lettore dice che gli hanno fatto firmare “due righe”) ed il contratto non è stato mai registrato per la legge il contratto è nullo: questo significa che i signori che lo hanno occupato possono chiedergli la restituzione di tutti i canoni di locazione che sono stati pagati (fermo restando il risarcimento dei danni da loro causati);
– se questi signori hanno falsificato una firma del lettore su un documento, loro hanno commesso un reato e anche questo dovrà essere attentamente valutato da quest’ultimo anche per tutelarsi con eventuale denuncia penale.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI