| Editoriale

Contraente occulto: chi è?

5 aprile 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 aprile 2018



Sintetica analisi delle norme che regolano il caso in cui una parte di un contratto resti nascosta all’altro contraente

Se ci si domanda chi è il contraente occulto la risposta è che si tratta di colui il quale acquisterà i diritti e assumerà gli obblighi nascenti dal contratto stesso e che una parte, nel momento della conclusione del contratto, si può riservare di nominare in un momento successivo.

Come si indica il contraente occulto?

Rispondendo alla domanda su chi sia il contraente occulto, occorre dire che la legge [1] stabilisce con chiarezza che nel momento della conclusione del contratto una parte può riservarsi la facoltà di nominare successivamente la persona che deve acquistare i diritti e assumere gli obblighi nascenti dal contratto stesso. Si tratta del cosiddetto contratto per persona da nominare.

La giurisprudenza [2] ha chiarito che non è richiesto che il contraente occulto (cioè la persona da nominare che acquisterà i diritti e assumerà gli obblighi nascenti dal contratto stipulato) sia già esistente al momento della conclusione del contratto, perché è invece necessario che il contraente occulto esista solo nel successivo momento in cui esso sarà designato e subentrerà nei diritti e negli obblighi assunti dall’originario contraente.

Il contraente occulto figura nel contratto per persona da nominare

Entro quanto tempo il contraente occulto deve essere nominato?

La legge [3] precisa che la dichiarazione di nomina che svela chi sia il contraente occulto deve essere comunicata all’altra parte nel termine di tre giorni dalla stipulazione del contratto, se le parti non hanno stabilito un termine diverso.

La dichiarazione di nomina non avrà effetto se non sarà accompagnata dall’accettazione della persona nominata (cioè del contraente occulto svelato) oppure se non esiste una procura precedente al contratto.

Le parti potranno anche modificare il termine per la designazione del contraente occulto a condizione che il nuovo termine sia un termine certo, nel senso che sia certo che si verificherà e quando si verificherà [4].

Nel caso in cui la nomina del contraente occulto sia invalida o avvenga fuori dal termine iniziale o successivamente prorogato (d’intesa tra le parti originarie del contratto), l’effetto sarà che il contratto avrà efficacia solo nei rapporti tra i contraenti originari.

La designazione della persona da nominare deve avvenire entro tre giorni dalla stipulazione del contratto salvo diverso accordo

Come si fa la dichiarazione di nomina e l’accettazione della nomina del contraente occulto?

La legge [5] precisa che la dichiarazione di nomina della persona da nominare (del contraente occulto, cioè) e la sua accettazione non hanno effetto se non hanno la stessa forma che le parti hanno usato per il contratto, anche se non imposta dalla legge.

E se per il contratto è richiesta dalla legge a determinati effetti una forma di pubblicità (ad esempio la trascrizione presso la ex conservatoria dei registri immobiliari per le compravendite), la stessa forma di pubblicità dovrà essere utilizzata per la dichiarazione di nomina con l’indicazione dell’accettazione della persona nominata.

Questo vuol dire che se il contratto è stato steso per iscritto, anche che la dichiarazione di nomina della persona da nominare (del contraente occulto, cioè) e la sua accettazione non avranno effetto se non saranno state anch’esse stese in forma scritta.

E che se, per esempio, una delle parti di un contratto di compravendita si è riservata la facoltà di designare la persona che acquisterà diritti ed assumerà gli obblighi del contratto, la designazione di essa (cioè del contraente occulto) dovrà essere trascritta (come avviene per il contratto di compravendita) presso quella che era la conservatoria dei registri immobiliari assieme all’indicazione dell’accettazione da parte del designato (agli stessi effetti di pubblicità previsti per il contratto).

L’accettazione del contraente occulto deve essere fatta per iscritto, se il contratto fu fatto per iscritto

Quali effetti ha la nomina del contraente occulto e quali effetti la mancata nomina?

Infine la legge [6] ha cura di chiarire che quando la dichiarazione di nomina del contraente occulto è fatta validamente, la persona nominata acquista i diritti ed assume gli obblighi che derivano dal contratto con effetto a partire dal momento in cui il contratto fu stipulato.

Se, invece, la dichiarazione di nomina non è fatta validamente nel termine stabilito dalla legge o dalle parti, il contratto produrrà i suoi effetti tra i contraenti originari [7].

Il contraente occulto validamente nominato è parte del contratto fin da quando esso fu stipulato

 

note

[1] Art. 1401 cod. civ.

[2] Cass., sent. n. 6405/2006.

[3] Art. 1402 cod. civ.

[4] Cass., sent. n. 6952/2000.

[5] Art. 1403 cod. civ.

[6] Art. 1404 cod. civ.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI