Diritto e Fisco | Editoriale

Obbligo e dovere: quali differenze?

2 Aprile 2018
Obbligo e dovere: quali differenze?

Ad ogni diritto corrisponde un obbligo da parte di un altro soggetto; ma mentre il dovere è quello che si ha verso la collettività, l’obbligo è invece quello che si ha nei confronti di uno o più specifici soggetti.

«Ho il dovere di pagare la bolletta della luce». Sai che un’espressione di questo tipo è tecnicamente sbagliata? Dovresti in realtà dire «Ho l’obbligo di pagare la bolletta della luce». Perché – ti chiederai – c’è differenza tra il dovere e l’obbligo? La risposta è sì, ma non tutti la conoscono. Ed anche se tra i tanti problemi e cavilli legali, l’ultimo dei tuoi problemi in ordine di importanza è quello di sapere qual è la differenza tra obbligo e dovere, c’è spesso un’intima soddisfazione nello scoprire alcune sottigliezze del linguaggio. Eccone una.

Quante volte ti è capitato di dire che l’italiano è una lingua bellissima perché, di derivazione latina, conosce un termine preciso per ogni concetto. Eppure, nonostante questa varietà di vocabolario, il nostro linguaggio quotidiano tende a ridursi spesso alle stesse parole; così non manca occasione di confondere i significati, usando una parola al posto di un’altra e facendo spesso confusione sui significati. Quando poi si ci mettono di mezzo i tecnicismi delle varie scienze, ecco che il vocabolario dell’uomo comune si sdoppia e crea una terminologia “parallela” che, seppur impropria, serve per una più facile e agevole comprensione. Vuoi qualche esempio? Sì, divertiamoci ad elencarne qualcuno prima di scoprire qual è la differenza tra obbligo e dovere.

Se ti dico «Ho preso una multa» a cosa pensi? Probabilmente starai pensando che un vigile mi ha fatto una contravvenzione per eccesso di velocità. Eppure abbiamo appena detto due improprietà: da un lato, la multa è solo quella che consegue a un reato, mentre per le violazioni del codice della strada sono previste le sanzioni amministrative; inoltre il nome corretto dei vigili è polizia municipale. Se ti dico «ho firmato un compromesso» cosa ti viene in mente? È probabile che starai pensando all’atto di acquisto di una casa, o meglio quell’atto che impegna le parti a firmare successivamente il rogito. Anche in questo caso però sei fuoripista: nella terminologia tecnica, il compromesso è l’accordo con cui le parti decidono di sottrarre la causa a un giudice e farla decidere agli arbitri privati. Un ultimo luogo comune: la parola «rescindere un contratto» non significa – come invece molti pensano – sciogliere l’accordo per inadempimento (il termine esatto è «risoluzione») ma farlo “cancellare” per via di un vizio generico come, ad esempio, l’aver concluso l’accordo a condizioni inique in uno stato di pericolo.

Detto ciò, non ti sembrerà più strana la premessa da cui siamo partiti, ossia che esiste una netta differenza tra obbligo e dovere. Eccola qui di seguito spiegata.

In ogni rapporto giuridico tra due o più soggetti c’è un creditore e un debitore, ossia una parte attiva, che ha diritto alla prestazione, e una passiva che invece deve compierla. Il creditore ha un diritto soggettivo. La parte passiva invece ha un dovere o un obbligo. Nel linguaggio giuridico, questi due termini vengono usati per esprimere concetti differenti:

  • l’obbligo indica la necessità di soddisfare, con il comportamento imposto dalla legge, l’interesse specifico di uno o più soggetti. Ad esempio, è un obbligo quello di pagare il creditore di una somma di denaro; è un obbligo restituire al proprietario l’oggetto che ci ha prestato; è un obbligo recarsi ogni giorno sul lavoro e svolgere le proprie attività; è un obbligo pagare il biglietto prima di entrare a cinema;
  • il dovere, invece, indica la necessità di soddisfare, con il comportamento imposto dalla legge, un interesse generale e collettivo. Ad esempio, è un dovere presentare la dichiarazione dei redditi e pagare le tasse; è un dovere non uccidere e non rubare; è un dovere rendere la testimonianza in un processo laddove si sia stati citati da una delle due parti; è un dovere non inveire contro un vigile che ci fa una multa; è un dovere non correre con l’auto e non eccedere i limiti di velocità; è un dovere educare e mantenere i figli. A volte poi i doveri si incrociano con i diritti dando luogo alla particolare categoria dei «diritti-doveri». Ad esempio è un diritto-dovere votare, è un diritto-dovere crescere i propri bambini; è un diritto-dovere curare la propria salute e avere un ruolo all’interno della società, ecc. Non è invece un dovere denunciare un crimine o querelare una persona o segnalarla alle autorità nonostante questa abbia commesso un reato e possa essere considerata un soggetto pericoloso.


1 Commento

  1. Dire che sia un dovere “non uccidere e non rubare” mi sembra un’assurdità. Un dovere è un’azione che si deve compiere, non da cui ci si deve astenere.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube