HOME Articoli

Lo sai che? Ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo

Lo sai che? Pubblicato il 1 aprile 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 aprile 2018

A cosa serve la Corte europea dei diritti dell’uomo, chi può ricorrervi e per quali questioni è possibile agire dinanzi ad essa

A chi si domanda come si propone ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, cos’è la Corte dei diritti dell’uomo e quando è possibile ricorrere ad essa occorre rispondere che si tratta di un tribunale internazionale con sede a Strasburgo. Ad essa può ricorrere ogni persona fisica o associazione di privati che ritengano di essere vittime di una violazione, da parte degli Stati che l’hanno ratificata, dei diritti e delle garanzie riconosciuti dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo.

Cos’è la Corte europea dei diritti dell’uomo e chi può presentare ricorso ad essa?

Il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo presuppone, innanzitutto, che si conosca cosa sia in effetti questa Corte. Essa ha sede in Strasburgo ed è sostanzialmente un tribunale internazionale costituito da un numero di giudici pari a quello degli Stati che hanno ratificato la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (finora quarantasette). Lo scopo essenziale della Corte, costituita proprio in virtù di quanto prevede la stessa Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali, è di garantire che le norme della Convenzione siano rispettate dagli Stati che l’hanno ratificata, sanzionando i comportamenti in contrasto con i diritti e le garanzie in essa previsti.

Può presentare ricorso alla Corte ogni persona fisica, organizzazione non governativa o associazione di privati che ritengano di essere vittime di una violazione, da parte degli Stati contraenti, dei diritti e delle garanzie riconosciuti dalla Convenzione.

I fondamentali diritti e libertà riconosciuti e tutelati dalla Convenzione e i principali divieti da essa imposti agli Stati sono: il diritto alla vita, il diritto alla libertà e alla sicurezza, il diritto ad un equo processo, il diritto al rispetto della vita privata e familiare, le libertà di pensiero, coscienza, espressione, di professare un credo religioso, riunione ed associazione, il divieto di discriminazione, di schiavitù  e di lavori forzati).

La Corte europea dei diritti dell’uomo ha sede a Strasburgo

Contro chi e quando può essere presentato il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo?

Il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo può essere proposto dai soggetti indicati nel precedente paragrafo contro uno o più degli Stati che hanno ratificato la Convenzione europea dei diritti dell’uomo che si ritiene abbiano violato una o più norme (e quindi diritti e libertà) in essa sanciti.

Occorre aggiungere che il ricorso deve avere ad oggetto uno o più atti emanati da un’autorità pubblica di uno o più degli Stati contraenti e che, perciò, la Corte non può essere chiamata ad esaminare atti emanati da soggetti privati (singoli o società) anche se questi atti fossero in contrasto con la Convenzione europea dei diritti dell’uomo.

Inoltre, per poter presentare ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, occorre che in precedenza siano stati svolti e si siano esauriti tutti quanti i rimedi previsti dalle norme interne nazionali per porre rimedio alla situazione lamentata.

Occorre, cioè, che il cittadino o l’associazione abbia proposto ricorso dinanzi al tribunale nazionale e che il giudizio si sia concluso con una sentenza definitiva o che, in caso di appello e, poi, di ricorso per cassazione, si sia giunti ad una sentenza di appello definitiva o alla sentenza di cassazione.

Il ricorso alla Corte europea si può proporre solo contro atti degli Stati

Quali formalità occorrono per presentare il ricorso?

Il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo si propone per iscritto compilando (in inglese o francese o in una delle lingue degli Stati che hanno ratificato la Convenzione europea dei diritti dell’uomo) e sottoscrivendo l’apposito modulo, scaricabile anche dal sito istituzionale della Corte, avendo cura di allegare quanto richiesto e di spedirlo per posta all’indirizzo della Cedu (The Registrar European Court of Human Rights Council of Europe, F – 67075 Strasbourg cedex).

L’esame del ricorso è gratuito e l’assistenza di un avvocato sarà necessaria se la Corte ritenesse di comunicare il ricorso al Governo dello Stato contro cui il ricorso è stato presentato.

Il ricorso alla Corte europea si propone per iscritto

Che tipo di decisioni può prendere la Corte europea dei diritti dell’uomo?

La Corte europea dei diritti dell’uomo innanzitutto valuta se il ricorso ad essa presentato sia ammissibile o no.

Se lo ritiene ammissibile, cerca preliminarmente di ottenere che le parti trovino una soluzione bonaria: se non sarà trovato un regolamento amichevole, la Corte passerà ad esaminare nel merito il ricorso e, quindi, a giudicare se vi sia stata o meno una violazione della Convenzione.

Se la Corte accerterà una violazione dei diritti e delle libertà previste dalla Convenzione, potrà condannare lo Stato responsabile ad una equa compensazione, cioè ad un sostanziale risarcimento dei danni sofferti da chi ha presentato il ricorso (oltre che alle spese di procedura sostenute dal ricorrente).

Occorre, infine, precisare che la Corte europea non può annullare le sentenze dello Stato contro cui il ricorso fu presentato e nemmeno le leggi interne di quello Stato e nemmeno può fornire aiuto nello scrivere il ricorso o nel cercare al ricorrente un legale che lo assista.

La Corte può decidere un risarcimento a carico dello Stato se accerta la violazione della Convenzione a danno del cittadino

 

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI