Business | Articoli

I virus informatici più diffusi (e pericolosi) in Italia

26 Aprile 2017
I virus informatici più diffusi (e pericolosi) in Italia

Ransomware e malware: il Belpaese è al secondo posto in Europa tra i paesi più colpiti. Un grave rischio per utenti privati e aziende.

I ransomware, di cui abbiamo parlato approfonditamente nello speciale Ransomware, cosa è e come difendersi, e che rappresentano dei veri e propri ricatti online, sono una delle principali minacce informatiche per le aziende – e non solo per loro – segnalate da Check Point Software Technologies, essendo state, per tutto il 2016, tra i virus più redditizi per i criminali informatici.

 

Sicurezza in Italia

L’Italia, secondo quanto comunicato oggi dalla nota azienda israeliana di software e dispositivi di rete, è letteralmente assediata dalla morsa dei malware. Basti pensare che, a marzo, è salita di un’altra posizione nella classifica globale, divenendo il secondo paese più colpito in Europa.

Tra le principali minacce: Cryptoload, un trojan utilizzato per diffondere ransomware sui dispositivi infettati; Conficker, un worm che punta ai sistemi operativi Windows; Nivdort, un’intera famiglia di trojan.

Rig EK e Terror

In continua crescita, anche Rig EK, uno dei malware più utilizzato al mondo, e l’exploit Terror. Rig, in particolare – spiega l’azienda specializzata in sicurezza informatica -, diffonde exploit per Flash, Java, Silverlight e Internet Explorer.

Come avviene l’infezione

L’infezione inizia con il reindirizzamento a una pagina di destinazione che contiene elementi JavaScript e che esegue un controllo di plug-in vulnerabili per diffondere l’exploit. Controlla il nostro approfondimento per sapere come difendersi, .


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube