Business | Articoli

I virus informatici più diffusi (e pericolosi) in Italia

26 Aprile 2017
I virus informatici più diffusi (e pericolosi) in Italia

Ransomware e malware: il Belpaese è al secondo posto in Europa tra i paesi più colpiti. Un grave rischio per utenti privati e aziende.

I ransomware, di cui abbiamo parlato approfonditamente nello speciale Ransomware, cosa è e come difendersi, e che rappresentano dei veri e propri ricatti online, sono una delle principali minacce informatiche per le aziende – e non solo per loro – segnalate da Check Point Software Technologies, essendo state, per tutto il 2016, tra i virus più redditizi per i criminali informatici.

 

Sicurezza in Italia

L’Italia, secondo quanto comunicato oggi dalla nota azienda israeliana di software e dispositivi di rete, è letteralmente assediata dalla morsa dei malware. Basti pensare che, a marzo, è salita di un’altra posizione nella classifica globale, divenendo il secondo paese più colpito in Europa.

Tra le principali minacce: Cryptoload, un trojan utilizzato per diffondere ransomware sui dispositivi infettati; Conficker, un worm che punta ai sistemi operativi Windows; Nivdort, un’intera famiglia di trojan.

Rig EK e Terror

In continua crescita, anche Rig EK, uno dei malware più utilizzato al mondo, e l’exploit Terror. Rig, in particolare – spiega l’azienda specializzata in sicurezza informatica -, diffonde exploit per Flash, Java, Silverlight e Internet Explorer.

Come avviene l’infezione

L’infezione inizia con il reindirizzamento a una pagina di destinazione che contiene elementi JavaScript e che esegue un controllo di plug-in vulnerabili per diffondere l’exploit. Controlla il nostro approfondimento per sapere come difendersi, .


note

Autore immagine: Pixabay.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube