Diritto e Fisco | Editoriale

Congedo straordinario legge 104 familiare non convivente

30 Aprile 2018 | Autore:
Congedo straordinario legge 104 familiare non convivente

Il congedo straordinario per assistenza di familiari disabili può essere fruito anche dal figlio che non convive col genitore assistito?

Assisti un tuo familiare con handicap grave che non convive con te o che è stato ricoverato di recente? Forse non sai che potresti comunque aver diritto al congedo straordinario legge 104 come familiare non convivente. Anche se la convivenza, difatti, è una delle condizioni fondamentali per beneficiare dell’aspettativa retribuita per l’assistenza di disabili, salvo specifiche eccezioni, in alcuni casi è possibile ottenere questo congedo straordinario anche se l’assistito è ricoverato presso una struttura. Ma procediamo per ordine e vediamo come funziona il congedo straordinario legge 104 per il familiare non convivente.

Come funziona il congedo straordinario legge 104

Il congedo straordinario per l’assistenza di familiari disabili, anche detto congedo straordinario legge 104, è un beneficio previsto dal Testo Unico Maternità Paternità [1]: consiste in un’assenza dal lavoro, della durata massima di due anni nell’intera vita lavorativa, che può essere fruita dal lavoratore che assiste un familiare convivente portatore di handicap grave secondo la legge 104 [2].

Un disabile non può essere assistito contemporaneamente da due lavoratori in congedo, e per ogni disabile sono concessi due anni di congedo complessivi.

L’astensione può essere frazionata anche a giorni (non a ore), è retribuita con un’indennità che corrisponde alle voci fisse e continuative dell’ultimo stipendio e dà diritto all’accredito dei contributi figurativi ai fini della pensione (si applica però un tetto massimo, valido sia per l’indennità che per la contribuzione figurativa).

Chi ha diritto al congedo straordinario legge 104

Per stabilire chi ha diritto alla fruizione del congedo straordinario retribuito si deve seguire un determinato ordine, tra i familiari del disabile: coniuge, genitori, figli, fratelli e sorelle, altri parenti e affini, conviventi, sino al terzo grado (nel caso in cui siano assenti, o in una situazione giuridica assimilabile all’assenza, i familiari più prossimi).

In particolare, l’aspettativa retribuita legge 104 spetta, nell’ordine:

  • al coniuge (o unito civilmente) convivente del portatore di handicap grave;
  • al padre o alla madre anche adottivi in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente;
  • ad uno dei figli conviventi anche adottivi in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre;
  • ad uno dei fratelli o sorelle conviventi in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei figli conviventi;
  • al parente o all’affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente, la parte dell’unione civile convivente, entrambi i genitori, i figli conviventi e i fratelli e sorelle conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

Se esiste già un referente unico titolare di permessi per l’assistenza al disabile, un eventuale periodo di congedo straordinario può essere autorizzato solo in favore dello stesso referente, salvo limitate eccezioni, come le deroghe specifiche per i genitori del disabile.

Congedo straordinario legge 104: convivenza

Per quanto riguarda il requisito della convivenza, indispensabile per fruire del congedo straordinario retribuito per l’assistenza di familiari disabili (il requisito non è richiesto solo nei confronti dei genitori che assistono il figlio disabile, in mancanza del coniuge convivente), questo può considerarsi verificato se la residenza del lavoratore è la stessa del familiare assistito. Nel dettaglio, per convivenza deve farsi riferimento, in via esclusiva, alla residenza, intesa come luogo di dimora abituale della persona.

Non si deve invece far riferimento al domicilio, né all’elezione di domicilio speciale previsto per determinati atti o affari [3]. Il requisito della convivenza è accertato d’ufficio, anche se l’interessato deve indicare gli elementi indispensabili riguardo ai dati della residenza anagrafica, o l’eventuale dimora temporanea se diversa da quella abituale (residenza) del dipendente o del disabile [4].

Congedo straordinario legge 104 familiare ricoverato

Il congedo straordinario legge 104 spetta a condizione che l’assistito non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati. Gli aventi diritto possono però fruire del congedo anche in caso di ricovero se:

  • i sanitari della struttura richiedono l’assistenza da parte di un genitore o di un familiare;
  • il disabile si trova in stato vegetativo persistente o con prognosi infausta a breve termine.

Il congedo straordinario è inoltre concesso quando il disabile ricoverato deve recarsi al di fuori della struttura che lo ospita per effettuare visite specialistiche e terapie certificate.

Se assisti un familiare ricoverato, dunque, puoi ottenere l’aspettativa retribuita legge 104 se i medici, gli infermieri o altro personale specializzato della struttura richiedono la tua assistenza, o se l’assistito si trova in condizioni gravissime.


note

Note

[1] Art. 42, D.lgs 151/2001.

[2] Art.33, Co.3, L. 104/1992.

[3] Inps Mess. n. 19583/2009.

[4] Inps Circ. n. 32/2012.


6 Commenti

  1. Ma se il figlio convivente è impossibilitato a fare l’assistente a tempo pieno poichè lavora in un’altra città può delegare la sorella non convivente ma con residenza temporanea?

  2. Il disabile coniugato, con coniuge ultrasessantacinquenne con patente non rinnovata da circa 25 anni, può il figlio convivente aver diritto ad usufruire del congedo per assistere il genitore grave?

  3. ciao volevo sapere se posso andare in pensione ho 60 anni e 35 anni di contributi ho mia che la disabilita legge 104 con anche l’accompagnamento ma io non ho la residenza due anni fa resi devo con lei poi per altri motivi ho dovuto cambiare mi potresti dare una risposta .GRAZIE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube