Politica | Articoli

Protesta shock in Calabria: impiccati per la crisi economica

16 Dicembre 2012
Protesta shock in Calabria: impiccati per la crisi economica

Reggio Calabria: si impiccano per protestare contro la crisi economica. Per fortuna, a rimanere appesi per le vie del capoluogo sono solo manichini; ma l’effetto è comunque fortissimo.

Decine di pupazzi di stoffa sono stati attaccati per la gola ai lampioni delle strade. L’iniziativa è stata portata avanti dai ragazzi del movimento Msi-Fiamma Tricolore.

Per ogni manichino c’è anche un cartello in cui vengono rese note le ragioni del “suicidio”: “Il Comune non mi paga lo stipendio da mesi”; “Sono morto per le promesse dei politici”; “Vantavo crediti dal Comune, ho dovuto chiudere l’impresa”; “Sfrattato, la casa popolare era un miraggio”.

Il Comune di Reggio Calabria, che da mesi non pagava i propri debiti, è stato recentemente sciolto per vicende collegate alla criminalità organizzata.

di MICHELE IAPICCA



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube