Diritto e Fisco | Editoriale

Licenza di pesca: come ottenerla

21 Aprile 2018 | Autore:
Licenza di pesca: come ottenerla

Come si fa a conseguire in Italia il permesso necessario per esercitare legalmente e in modo professionale l’attività di pescatore

Alla domanda su come ottenere la licenza di pesca, si risponde dicendo che essa viene rilasciata all’armatore o proprietario di una imbarcazione, che ne faccia domanda e che sia regolarmente iscritto nei registri delle imprese di pesca, dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali per un periodo di validità di otto anni (rinnovabile) previo pagamento della tassa di concessione governativa e relativamente all’uso degli attrezzi indicati nella domanda.

A chi si presenta la domanda per il rilascio della licenza di pesca professionale?

Nel dettaglio, allora, come ottenere la licenza di pesca oppure il rinnovo della licenza già conseguita per esercitare in modo professionale l’attività di pesca?

A questa domanda, scendendo nello specifico, si risponde dicendo che:

– l’interessato (proprietario o armatore dell’imbarcazione) deve presentare apposita istanza in bollo direttamente, oppure spedendola con raccomandata con avviso di riscossione, al ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali – direzione generale della Pesca marittima e dell’Acquacoltura – unità dirigenziale PEMAC III, Via dell’Arte 16 00144 Roma, munendola di firma autenticata (o corredandola di fotocopia di documento di identità) e sulla base del modello fornito dall’Ufficio marittimo di iscrizione con gli allegati richiesti.

La licenza, una volta concessa, vale per un periodo di otto anni (rinnovabile) previo pagamento della tassa di concessione governativa e relativamente all’uso degli attrezzi indicati nella domanda.

L’istanza per ottenere a licenza professionale di pesca si presenta al ministero delle Politiche agricole

Cosa indicare nell’istanza per ottenere il rilascio della licenza di pesca?

Nell’istanza per il rilascio della licenza di pesca professionale occorrerà specificare:

  • se la licenza viene chiesta per esercitare la pesca costiera locale oppure la pesca costiera ravvicinata o quella mediterranea di altura o quella oltre gli Stretti od oceanica;
  • in quali compartimenti marittimi si intende esercitare la pesca costiera locale (se, invece, si intende esercitare ogni altro tipo di pesca si indicherà che la licenza viene richiesta per tutti i compartimenti marittimi);
  • di quali attrezzi si farà uso (specificati in dettaglio, come si dirà oltre);
  • i dati di immatricolazione della nave, le sue caratteristiche, i sistemi di refrigerazione e/o congelazione e/o trasformazione in dotazione.

Andranno allegati:

  • estratto delle matricole o del registro navi minori e galleggianti con indicazione della categoria di pesca assegnata;
  • certificato di stazza nazionale ed internazionale;
  • certificato di iscrizione nel registro delle imprese di pesca;
  • licenza di navigazione o atto di nazionalità;
  • nulla osta ministeriale.

Nell’istanza per il rilascio della licenza di pesca professionale occorre indicare gli attrezzi di cui si farà uso

Quali attrezzi di pesca possono essere indicati nell’istanza per il rilascio della licenza e quindi poi utilizzati?

Come detto nel paragrafo precedente, nell’istanza per il rilascio della licenza di pesca andranno indicati gli attrezzi di pesca di cui si intende fare uso (fra quelli indicati e prestampati sul modello di istanza fornito dall’ufficio marittimo).

Gli attrezzi indicabili sono:

– reti a circuizione a chiusura meccanica; reti a circuizione senza chiusura; sciabica da spiaggia;

– sciabica da natante; reti a strascico divergenti; sfogliare – rapidi;

– reti gemelli a divergenti; reti da traino pelagiche a coppia; reti da traino pelagiche a divergenti;

– draghe tirate da natanti; draga meccanizzata; draghe meccaniche comprese le turbosoffianti;

– reti da posta circuitanti; reti a tremaglio; incastellate combinate;

– nasse e cestelli; cogolli e bertovelli; piccola rete derivante; palangari fissi; palangari derivanti;

– lenze a mano e a canna (manovrate a mano o meccanizzate); lenze trainate; arpione.

Bisognerà, infine, specificare tra gli attrezzi indicati quali saranno utilizzati come attrezzi principali e quali come attrezzi secondari.

La licenza di pesca autorizza l’utilizzo solamente degli attrezzi di pesca indicati nella domanda



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube