Business | Articoli

Come fare la visura di un veicolo

2 Maggio 2017 | Autore:
Come fare la visura di un veicolo

Per conoscere il proprietario di un’auto bisogna fare una visura. Ecco cosa fare per richiederla.

La targa dell’auto è una fonte di informazioni molto importante perché accompagna la vita dell’autovettura. Grazie alla targa per esempio è possibile sapere se si tratta di un auto rubata.

Spesso può essere utile risalire al proprietario di un’auto. Maggiori dettagli sono disponibili nel nostro approfondimento Quanti proprietari ha avuto un’auto.

Visura Aci online

Tutti i dati contenuti nel Pubblico Registro Automobilistico (Pra) sono consultabili da chiunque. È possibile verificare la targa di un’auto, eccezion fatta per le targhe di autobus, ciclomotori, veicoli agricoli e alcune tipologie di targhe rilasciate prima del 1993.

Ci sono diversi siti online che permettono di conoscere l’intestatario di un’auto richiedendo una visura. È possibile fare una visura anche sul sito dell’Aci. Il costo è di 8,83 euro.

Cosa contiene una visura?

Nella maggior parte dei casi chi richiede una visura lo fa per sapere i dati anagrafici del proprietario, quindi codice fiscale, l’indirizzo di residenza, data e luogo di nascita. È possibile sapere anche i diversi proprietari dell’auto e, cosa fondamentale, controllare se l’auto è sottoposta a fermo amministrativo, fallimenti, pignoramenti.

Prima di acquistare un’auto usata, dunque, è bene effettuare una visura. Eviterete brutte sorprese.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube