Diritto e Fisco | Editoriale

Mensa scolastica: cosa succede se non pago?

28 Aprile 2018 | Autore:
Mensa scolastica: cosa succede se non pago?

I bambini impegnati con il tempo prolungato pranzano a scuola ma cosa succede se i genitori non pagano la retta mensile?

Sempre più scuole in Italia stanno adottando il tempo prolungato che si dimostra molto utile sia per le famiglie, che in questo modo riescono a gestire meglio i figli e conciliare gli orari lavorativi, sia per i ragazzi stessi che vengono seguiti da insegnanti ed educatori anche durante i compiti e le attività sportive o artistiche.

La tendenza è mutuata dagli istituti americani in cui i ragazzi trascorrono molte ore a scuola e vengono aiutati anche nello studio e nella preparazione dei esami o delle interrogazioni. Le famiglie accettano di buon grado questo tipo di organizzazione perché, per mancanza di tempo, non riescono ad essere molto presenti, si tratta comunque, nella maggioranza dei casi, di una scelta che viene effettuata all’inizio dell’anno scolastico per consentire la predisposizione di classi orientate verso un orario tradizionale, ossia fino alle 13.30 e classi con orario pomeridiano sino a circa le ore 16:30.

L’orario curriculare viene dunque distribuito tra mattina e pomeriggio con un’ora circa dedicata al pranzo presso la mensa scolastica. Per usufruire di questo servizio, aggiuntivo rispetto alle altre attività, erogato dal Comune, i genitori devono pagare una retta mensile proporzionata al proprio ISEE. Ciascuna famiglia pertanto contribuisce in base alle proprie reali possibilità. Ma cosa succede se non si paga la mensa scolastica?

La mensa scolastica

La mensa scolastica non è solamente il luogo in cui bambini e ragazzi pranzano ogni giorno insieme ai propri compagni ed insegnanti ma rappresenta anche un momento di condivisione e di primo approccio verso il cibo sano. I menù vengono predisposti da nutrizionisti e dietologi in maniera da avvicinare ad un modo di mangiare più salutare, con ingredienti a km zero, biologici e rispettosi del ciclo produttivo naturale.

Per i ragazzi allergici e intolleranti, al glutine, al lattosio ecc.., vengono predisposte delle alternative senza trascurare il gusto.

L’educazione alimentare, che porta ad abbandonare il cibo spazzatura ricco di conservanti e di additivi chimici per adottare un regime più salubre, aiuta i più giovani a capire l’importanza di introdurre nella propria dieta cibi bilanciati. Al fine di usufruire di tutto ciò, i genitori sono tenuti al pagamento della retta mensile. Molti dunque si domandano: cosa succede se non pago la mensa scolastica?

Mancato pagamento della mensa scolastica

In caso di mancato pagamento della mensa scolastica da parte dei genitori, gli istituti devono attivarsi per recuperare le somme e per riportare questi ultimi alle loro responsabilità tenendo conto che, in molti casi, l’inadempimento non è dovuto a situazioni economiche critiche o a problematiche personali ma a prese di posizione o anche a distrazione e dimenticanze.

In genere, il dirigente scolastico o il preside, vedendo che lo scoperto interessa un periodo più o meno lungo convoca i genitori o inoltra una lettera di sollecito. Se questi provvedimenti rimangono senza esito si passa ad azioni più incisive. Il mancato pagamento della mensa scolastica cosa comporta?

Conseguenze per i bambini

In alcune scuole l’inadempimento da parte dei genitori si trasforma in conseguenze per i bambini ai quali, a causa nel mancato versamento della retta mensile, viene impedito l’accesso alla mensa scolastica. Questi alunni non possono dunque pranzare insieme agli altri compagni ma vengono accompagnati in apposite aule in cui consumare il panino o il cibo portato da casa.

Gli organi politici e le organizzazioni internazionali si sono scagliati più volte contro questo tipo di provvedimento che penalizza i bambini che non hanno nessuna colpa, emarginati da un momento formativo così importante di inclusione sociale e di condivisione del cibo, senza però emettere effettivi riferimenti normativi in merito.

Conseguenze per i genitori

Nella maggior parte degli istituti, le conseguenze del mancato pagamento della retta mensile della mensa scolastica ricadono sui genitori. I bambini continuano ad usufruire del pranzo insieme ai propri compagni mentre l’ente erogante il servizio, il Comune, provvede a recuperare il credito attraverso un procedimento di esecuzione forzata sino al soddisfo.

Cosa fare se non si riesce a pagare la mensa scolastica?

I genitori che versano in stato di bisogno e hanno difficoltà a pagare la mensa scolastica dei propri figli prima di risultare inadempienti possono manifestare il loro disagio presso gli Uffici del Servizio Sociale del proprio Comune di residenza onde individuare, congiuntamente agli operatori, una soluzione in proposito. Non bisogna vivere la vergogna di chiedere aiuto in quanto molti enti prevedono delle forme di pagamento agevolato o di esenzione parziale o totale per le famiglie numerose e i meno abbienti. In questi casi, per il bene dei bambini, è preferibile rompere il silenzio e cercare soluzioni concrete.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. LA LEGGE UGUALE PER TUTTI ????

    Le famiglie accettano di buon grado questo tipo di organizzazione perché, per mancanza di tempo, non riescono ad essere molto presenti,”BISOGNA PRODURRE !!!!” si ma cosa ?
    CHIARO VIENE ABILMENTE SOTTRATTO !!! RENDENDO OBBLIGATORIO L’impiego di entrambi i gentori che devono pagare la retta QUINDI LA FAMIGLIA ESISTE SEMPRE DI MENO PERCHE’ E’ MENO PRESENTE CON I PROPRI FIGLI
    ma come “cazzo” fanno accettare di buon grado !!!
    Calo demografico problema nazionale …ci sono gli extracomunitari come risorsa !!.

    sei solo un leguleo POLITICIZZATO Con un sistema che si regge sulla spremitura delle risorse umane …bella eredità lasci ai tuoi figli per la cariera

    manifestare il loro disagio presso gli Uffici del Servizio Sociale del proprio Comune di residenza onde individuare, congiuntamente agli operatori, una soluzione in proposito

    NON SERVE LO STATO HA TUTTI GLI STRUMENTI DI VERIFICA AMMINISTRATIVA .. privacy ? ridicolo!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube