Business | Articoli

Prestazione professionale gratuita: attenzione ai controlli

29 Aprile 2017 | Autore:
Prestazione professionale gratuita: attenzione ai controlli

Fornire una prestazione professionale gratuita a parenti e amici: Ma si può lavorare gratis? Il Fisco dice di no…

Fornire servizi gratuiti potrebbe però rappresentare un problema con il Fisco, soprattutto per i commercialisti.

L’intenzione del fisco è quella di porre sempre maggiore attenzione sulle dichiarazione trasmesse dagli intermediari e i compensi fatturati. Nel caso emergano discordanze ciò potrebbe dar luogo ad accertamenti. Come cautelarsi allora?

I controlli sulle prestazioni gratuite

Generalmente il Fisco richiede al professionista di consegnare le fatture emesse in un preciso anno di imposta. Non c’è nessun accesso in ufficio. I funzionari effettuano la rettifica dei compensi dichiarati semplicemente sulla base di un confronto con le dichiarazioni trasmesse.

Ciò potrebbe costare molto caro a commercialisti ed esperti contabili, perché per la ricostruzione dei compensi non fatturati, il Fisco assume come parametro di riferimento i compensi stabiliti nella tabella C del Decreto Ministeriale sui compensi professionali [1]. Con la conseguenza che sui compensi non percepiti si rischierebbe di pagare comunque le tasse.

Devo far pagare mio fratello o un amico per la presentazione della loro dichiarazione dei redditi?

La risposta alla domanda se si debba far pagare un parente o un proprio amico per la fornitura di prestazioni professionali è controversa.

Bisogna tenere presente che la posizione della recente giurisprudenza è diventata più morbida:  sarebbe difatti contestabile la verifica effettuata da parte del Fisco nei confronti dei professionisti che prestano servizi gratuiti a parenti o amici [2].

Ma non può dirsi la stessa cosa se la prestazione gratuita è effettuata nei confronti di soggetti non legati da alcun legame o vincolo.

Emettere fatture di importo modesto evita problemi col Fisco?

Emettere fatture per un importo modesto potrebbe essere addirittura controproducente.
Potrebbe infatti essere ancora più difficile giustificare compensi fatturati inferiori a quelli di mercato piuttosto che una prestazione gratuita.


note

[1] Tabella C allegata al Dm 140/2012

[2] Cass. sent. n. 21972/2015.

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube